20min/Marco Zangger
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
5 ore
Omicron: primo caso sospetto in Svizzera
L'Ufsp sta svolgendo accertamenti su una persona rientrata dal Sudafrica una settimana fa
SVIZZERA
9 ore
Più di 200 pazienti già in terapia intensiva
La nuova variante Omicron non è ancora stata rilevata in Svizzera
SVIZZERA
9 ore
Predatori, inquilini, stranieri: le votazioni negli altri cantoni
In 10 cantoni i cittadini si sono espressi su oggetti locali. Ecco i risultati
SVIZZERA
9 ore
«L'odio e la rabbia non appartengono alla Svizzera»
Quello della Legge Covid «è il miglior risultato mai raggiunto da una legge posta sotto referendum», così Berset.
ZUGO
12 ore
L'albero di natale in macchina, la multa all'autista
L'appello della polizia: «Bisogna fare attenzione che il carico non ostruisca la visuale»
VALLESE
13 ore
Il Vallese dice sì all'iniziativa per l'abbattimento facilitato dei grandi predatori
L'esito dello scrutinio non ha riservato sorprese, ma il margine di manovra del cantone è risicato
SVIZZERA
15 ore
Camici in aria, approvata l'iniziativa sulle cure infermieristiche
Il risultato è apparso chiaro sin dai primi risultati: è un trionfo dei favorevoli.
SVIZZERA
15 ore
Sorteggio per eleggere i giudici? Niente da fare
Il 68,1% dei cittadini svizzeri ha deciso di mantenere il sistema attuale
SVIZZERA
15 ore
Fine dei giochi, la Legge Covid trionfa con un netto sì
Il 62% degli svizzeri ha approvato il testo. Alto tasso di consensi anche in Ticino.
FOTO
SVIZZERA
15 ore
Palazzo federale blindato per il voto
Misure di protezione mai viste a Berna in vista del voto odierno sulla Legge Covid-19.
SVIZZERA
16 ore
«La nuova variante si diffonderà presto o tardi anche in Svizzera»
Al momento Tanja Stadler non si sbilancia su un'eventuale maggior pericolosità di Omicron.
SVIZZERA
29.09.2021 - 06:150
Aggiornamento : 15:37

Obbligo di certificato Covid? La maggior parte degli svizzeri è favorevole

I sostenitori si trovano soprattutto tra gli over 35, ma prevalgono anche tra i più giovani. Lo rivela un sondaggio

Il 63% dei cittadini è inoltre d'accordo di rendere a pagamento i test per i non vaccinati senza sintomi. Il provvedimento, che scatterà il prossimo 10 ottobre, è attualmente in consultazione presso i Cantoni

BERNA - In bar, ristoranti e nelle strutture del tempo libero si entra soltanto se in possesso di un certificato Covid. In Svizzera è così dallo scorso 13 settembre. Un provvedimento che trova il sostegno del 67% della popolazione. Lo si evince da un sondaggio di 20 minuti e Tamedia a cui, dal 24 al 26 settembre 2021, hanno preso parte oltre 12’000 persone da tutta la Svizzera.

Per quanto riguarda i luoghi d'impiego, la maggior parte degli interpellati si dice favorevole all’obbligo negli ospedali e nelle case per anziani (59%), in bar e ristoranti (58%) e nelle strutture del tempo libero (50%). Un obbligo sul posto di lavoro raccoglie consensi soltanto dal 28% dei cittadini.

Questioni di percezione - Ma contro l’estensione dell’obbligo di certificato Covid in diverse località elvetiche sono a più riprese scese in piazza migliaia di persone. E sembra - come emerge ancora dal sondaggio - che la popolazione percepisca un'opposizione più alta di quanto lo sia veramente: gli intervistati hanno infatti stimato che la decisione del Consiglio federale sia sostenuta “soltanto” dal 56% dei cittadini.

L’identikit - Chi sono i favorevoli? Si tratta di elettori di quasi tutti i partiti. Fa eccezione soltanto l’UDC, dove i contrari sono in maggioranza: 61%. E sono soprattutto over 35 (con i favorevoli a quota 81% tra gli over 65). Tuttavia, anche tra i 18 e i 34 anni prevalgono i sostenitori, seppure per poco: 53%.

Per una maggioranza dei favorevoli (33%), si tratta di una misura necessaria per sgravare il sistema sanitario. Il 27% ritiene invece che in questo modo si possa aumentare il tasso di vaccinazione. I contrari parlano invece soprattutto di discriminazione dei non vaccinati (38%). E il 29% sostiene che con tale decisione, lo Stato si intromette nella sfera privata dei cittadini.

L'effetto sulla campagna di vaccinazione - In alcuni cantoni l’introduzione della misura ha portato a un aumento delle iscrizioni per la vaccinazione. Ma davvero sta dando una spinta alla campagna? Secondo il rilevamento, il 71% dei partecipanti sostiene di essere già vaccinato. Il 22% afferma invece di non avere nessuna intenzione di farsi vaccinare, nonostante l’obbligo di certificato. Soltanto un 5% starebbe cambiando idea. E dove saremo alla fine di novembre? Per una maggioranza degli intervistati, il tasso di vaccinazione avrà raggiunto un valore compreso tra il 65 e il 69%. Il 60% dei cittadini si dice comunque contrario a un obbligo di vaccinazione.

I giovani vogliono i test gratuiti - Nel frattempo il Consiglio federale ha posto in consultazione la proposta di rendere a pagamento i test a partire dal prossimo 10 ottobre (dopo che inizialmente il provvedimento sarebbe dovuto scattare il 1. ottobre). E di mantenerlo gratuito fino alla fine di novembre per chi è in attesa della seconda dose. Il test a pagamento per i non vaccinati senza sintomi trova il consenso del 63% dei cittadini. Anche in questo caso, soltanto tra gli elettori UDC prevalgono i contrari (53%). E i contrari sono in maggioranza anche tra gli under 35 (52%).

Il sondaggio

Sono 12'743 le persone da tutta la Svizzera che dal 24 al 26 settembre 2021 hanno preso parte al sondaggio di 20 minuti e Tamedia. La rilevazion è stata condotta in collaborazione con LeeWas, che pondera i dati in base a variabili demografiche, geografiche e politiche. Il margine d'errore si attesta all'1,5%.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-29 03:19:04 | 91.208.130.87