Foto Davide Giordano
SVIZZERA
17.09.2021 - 17:280

Test alle frontiere: i Cantoni temono difficoltà di monitoraggio

È comunque accolta favorevolmente l'introduzione della restrizione alla frontiera

BERNA - I cantoni accolgono favorevolmente l'introduzione di un test negativo obbligatorio per l'ingresso in Svizzera decisa oggi dal Consiglio federale. Tuttavia taluni temono che l'obbligatorietà del secondo test sarà difficile da controllare e da far rispettare.

Da quattro a sette giorni dopo il primo test, occorrerà farne un altro. I cantoni avevano chiesto una soluzione centralizzata per la dichiarazione di questo secondo test, ha indicato oggi in una nota la Conferenza dei direttori cantonali della sanità (CDS).

Ma la Confederazione ha rinunciato a farlo. Quindi spetterà ai cantoni verificare, tramite un campionamento casuale, se le persone non vaccinate e non guarite si fanno effettivamente testare una seconda volta dopo il loro ingresso nel Paese.

La CDS sostiene le nuove regole d'entrata nella Confederazione sulla scorta delle "esperienze acquisite dopo le vacanze estive, quando una parte considerevole delle nuove infezioni ha potuto essere attribuita ai viaggiatori che rientravano in Svizzera". La variante consistente in uno screening ripetuto è stata nettamente preferita alla variante che prevedeva una quarantena.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-26 04:56:28 | 91.208.130.86