tipress
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GRIGIONI
5 min
I militari torneranno a Davos
Confermato l'impiego dell'esercito per il Wef, fino al 2024
SVIZZERA
34 min
Alzheimer, nel 2050 il doppio dei malati
All'orizzonte 2050 si prevede che 315mila persone saranno affette da demenza.
SVIZZERA
1 ora
«Visioni divergenti», Thomas Heiniger lascia la presidenza della Croce Rossa
Il suo successore sarà eletto nel giugno dell'anno prossimo.
SVIZZERA
1 ora
Turismo degli acquisti presto più caro?
Chi si reca oltre confine dovrebbe pagare l'IVA a partire dai 50 franchi di acquisti al posto degli attuali 300.
SAN GALLO
2 ore
Scontro auto-monopattino, in ospedale un bambino di 8 anni
Il piccolo ha sterzato in strada dal marciapiede, collidendo con un veicolo che viaggiava nella stessa direzione.
SVIZZERA
3 ore
Su questo treno si sale solo con certificato Covid
Sul treno panoramico Glacier Express si viaggia solo se in possesso di un Covid-pass. Ma si può stare senza mascherina.
SVIZZERA
5 ore
Cosa fare quando vedi una scena simile?
Apriamo gli occhi sulla violenza all'interno di una coppia. Partecipa al sondaggio.
LUCERNA
11 ore
Le sottrasse diversi milioni, condannata una guaritrice
Una 66enne di Glarona è stata ritenuta colpevole di una lunga serie di reati, tra cui l'appropriazione indebita.
SVIZZERA
12 ore
La percentuale dei non vaccinati in cure intense? Molto alta
Tra il 19 luglio e il 15 agosto erano l'89% del totale. C'è preoccupazione per i tanti giovani malati
SVIZZERA
13 ore
Verso l'estensione oltre i sei mesi del certificato Covid per chi è guarito
«Faremo certamente degli aggiustamenti» affermano dall'Ufficio federale della sanità pubblica
SVIZZERA
15 ore
I camerieri possono essere obbligati a presentare il certificato Covid
La misura deve essere proporzionata e valutata caso per caso
SVIZZERA
15.09.2021 - 06:000
Aggiornamento : 09:36

Il capo non paga i No Vax in quarantena

Qualcuno su Twitter formula propositi estremi. Ma cosa dice la legge? E cosa rischia chi non si vaccina?

Fonte 20 Minuten/Barbara Scherer
elaborata da Davide Illarietti
Giornalista

BERNA - Da lunedì il certificato vaccinale è d'obbligo per entrare in bar, ristoranti e palestre in Svizzera. Negli uffici no: la decisione resta a discrezione del datore di lavoro. Ma per i non vaccinati, vige l'obbligo di quarantena qualora entrino in contatto con una persona positiva al Covid. 

Una situazione che scalda gli animi, indubbiamente. E su Twitter c'è già chi propone soluzioni estreme: un imprenditore svizzero-tedesco ad esempio ha deciso di non anticipare gli stipendi ai collaboratori non vaccinati in quarantena. «Dovranno richiedere da soli l'indennità di malattia, e i primi giorni di assenza saranno a loro spese. Mi sono rotto le scatole». 

Il popolo della rete si è scatenato, e non è mancato chi ha sollevato dei dubbi sulla legalità della decisione. Le sforzo amministrativo e burocratico imposto dall'emergenza sanitaria pesa sui conti (e sui nervi) delle imprese: ma giustifica dei rimedi "estremi" e un po' bruschi? Nei luoghi di lavoro si ripeterà il parapiglia delle scorse ondate? Forse è il caso di chiarire alcuni punti.

Quarantena sì, quarantena no

Chi non è stato vaccinato ed è stato in contatto con una persona affetta da coronavirus per più di 15 minuti deve mettersi in quarantena domiciliare. La misura dura dieci giorni, come in passato. Con un test negativo, la quarantena può essere ridotta a sette giorni. La novità rispetto all'autunno scorso è che le persone guarite e completamente vaccinate, invece, sono esentate dalla quarantena. Se si sviluppano i sintomi, anche i vaccinati devono rimanere a casa.

Stipendi a rischio?

Se la quarantena è ordinata dalle autorità o da un medico, il datore di lavoro non può tagliare gli stipendi, come scrive Unia. Le persone colpite hanno quindi diritto a un risarcimento: ricevono l'80% del loro salario per sette giorni. Unia è convinta che i contagiati dovrebbero ricevere lo stipendio pieno: il rispetto della quarantena è un obbligo legale. Ma la valutazione giuridica è ancora controversa.

E al rientro da paesi a rischio...

Le cose stanno diversamente per chi rientra da paesi a rischio. Chi può lavorare da casa ha diritto allo stipendio pieno. Ma dove lo home-working non è possibile, il datore di lavoro può tagliare il salario, secondo l'UFSP. Anche Unia concorda sul fatto che i vacanzieri "temerari" non hanno diritto a indennizzi o stipendi. 

Chi deve fare domanda per l'indennità?

In caso di quarantena, l'obbligo di chiedere l'indennità spetta al lavoratore, che deve rivolgersi alla propria cassa di compensazione. È prassi, però, che sia il datore di lavoro a svolgere questo compito, compilando direttamente il modulo. 

Il mio datore di lavoro può obbligarmi a vaccinarmi?

In generale, no. L'azienda può pretendere il certificato vaccinale solo se, nonostante le misure di protezione, sussiste un pericolo «relativamente elevato» per i collaboratori stessi o per altre persone (pazienti, clienti, colleghi di lavoro). Lo scrive la Seco sul proprio sito web. «Per ogni singolo caso occorrerà valutare attentamente rischi e benefici. Non è ammesso l’obbligo generalizzato di vaccinazione per tutto il personale di un’azienda».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-21 11:43:07 | 91.208.130.87