keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
51 min
La terza dose è sempre più vicina
Swissmedic dovrebbe approvarla entro la fine di ottobre. Rudolf Hauri: «Meglio non aspettare troppo».
FOTO
SAN GALLO
10 ore
«Uccidere la propria figlia, come si può arrivare a questo?»
È un quartiere sotto choc quello che questo pomeriggio ha appreso del delitto compiuto da un padre di 54 anni.
VAUD / FRANCIA
10 ore
Uccise una prostituta, ora ha deciso di ricorrere
L'uomo era stato condannato a 30 anni di prigione per il brutale omicidio di una giovane rumena a Sullens.
SAN GALLO
15 ore
Anche il sito del Canton San Gallo nel mirino degli hacker
La pagina è stata temporaneamente inaccessibile oggi a causa di un attacco di tipo DDoS.
SVIZZERA
16 ore
Epidemia di femminicidi in Svizzera: «I numeri parlano da soli»
I casi registrati nel 2021 sono ormai saliti a 23, in crescita significativa rispetto allo scorso anno.
SVIZZERA
16 ore
Migranti maltrattati: «Siamo intervenuti»
Sospesi 14 addetti alla sicurezza dei centri per richiedenti asilo. Ma per la Sem «sono casi circoscritti»
LUCERNA
17 ore
La navigazione sul Lago dei Quattro Cantoni fatica a riprendersi
L'estate 2021 si è chiusa con un +30% rispetto al 2020. Ma risulta ancora in flessione nel confronto con il pre-crisi
SAN GALLO
17 ore
Uccide la figlia e si toglie la vita
Un 54enne e una dodicenne sono stati trovati morti in un'abitazione di Rapperswil-Jona
SVIZZERA
18 ore
«Le accuse di tortura sono false e ingiustificate»
Secondo un'indagine esterna, i diritti dei richiedenti l'asilo nei centri federali vengono generalmente rispettati.
BERNA 
19.08.2021 - 09:020
Aggiornamento : 12:28

Haiti: Berna invia personale e sblocca 1 milione di franchi

Stamane è decollato dall'aeroporto di Berna-Belp un velivolo con una squadra di specialisti.

La squadra andrà a sostenere le operazioni già avviate dall'Ambasciata di Svizzera a Port-au-Prince.

BERNA  - Vista la drammatica situazione ad Haiti, con un bilancio delle vittime del terremoto in continua crescita, la Svizzera ha deciso di inviare un distaccamento del Corpo svizzero di aiuto umanitario (CSA) e di finanziare le operazioni di soccorso con un contributo di un milione di franchi.

Stamane è decollato dall'aeroporto di Berna-Belp un velivolo con una squadra composta di un esperto di logistica, due specialisti in risorse idriche e strutture igienico-sanitarie, due ingegneri esperti in statica edile, un consigliere esperto di zone sinistrate e un caposquadra, precisa una nota del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE).

Il CSA è lo strumento operativo dell'Aiuto umanitario della Confederazione e fa parte della Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC) del DFAE. La squadra andrà a sostenere le operazioni già avviate dall'Ambasciata di Svizzera a Port-au-Prince. Haiti è un Paese prioritario della DSC, che ha immediatamente mobilitato il proprio personale sul posto - in particolare architetti, specialisti in costruzione di alloggi di emergenza e in riduzione del rischio di catastrofi - per aiutare la protezione civile di Haiti a valutare l'entità dei soccorsi necessari, prosegue il comunicato.

Basate attualmente a Port-Salut, nel distretto di Cayes vicino all'epicentro del sisma, le squadre svizzere sono all'opera per consegnare 3250 teloni e due moduli per la distribuzione di acqua potabile di 5000 litri ognuno nelle zone colpite. Altre attrezzature erano già immagazzinate sull'isola pronte a essere impiegate in caso di catastrofi simili.

La DSC ha previsto di destinare un importo totale di un milione di franchi per finanziare questi aiuti d'emergenza: 500'000 saranno versati per rispondere agli appelli della Federazione Internazionale delle Società Nazionali di Croce Rossa e di Mezzaluna Rossa e dell'ONU, mentre 100'000 franchi andranno a sostenere le attività della Croce Rossa Svizzera. Attraverso l'Aiuto umanitario, il DFAE sta valutando se mettere a disposizione delle organizzazioni dell'ONU altro personale specializzato del CSA.

Al momento il Centro di gestione delle crisi (KMZ) del DFAE non è a conoscenza di alcuna richiesta di aiuto da parte di cittadine o cittadini svizzeri e continua a seguire attentamente la situazione della sicurezza per le e i connazionali e per il personale in loco. I Consigli di viaggio forniti dal DFAE sono stati aggiornati. A causa della difficile situazione, da anni è sconsigliato di recarsi ad Haiti per turismo o per altri viaggi non urgenti, conclude la nota.

Sostegno di Caritas - Caritas Svizzera ha da parte sua sbloccato 300'000 franchi in aiuti di emergenza per le vittime, ha indicato oggi l'organizzazione con sede a Lucerna. Subito dopo il disastro, la Caritas locale ha iniziato a fornire aiuti alle persone più vulnerabili, distribuendo pacchi di cibo, sapone, maschere, tende, sacchi a pelo e acqua.

Caritas Svizzera sostiene le organizzazioni Caritas locali a Les Cayes, Jérémie e Les Nippes per estendere questo aiuto. Allo stesso tempo, l'organizzazione sta creando un progetto per fornire sostegno finanziario alle famiglie più povere, precisa la nota. Anche un team di Caritas Svizzera si sta recando nella zona del disastro per sviluppare l'aiuto di emergenza con le organizzazioni partner.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-19 09:00:18 | 91.208.130.85