Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
26.04.2021 - 19:590

Con Berset si discute di cultura

Il Consigliere federale ha ascoltato le preoccupazioni del settore

Il Governo discuterà a breve i criteri per la pianificazione di grandi eventi e le modalità di compensazione nel caso in cui un evento autorizzato debba essere annullato.

BERNA - Il consigliere federale Alain Berset ha discusso con i rappresentanti del settore culturale in una riunione online nel tardo pomeriggio. L'attenzione si è concentrata sulle prospettive per i prossimi mesi e sulle misure federali di sostegno al settore.

Dal 19 aprile è nuovamente possibile proporre manifestazioni culturali e possono riaprire i battenti teatri, cinema o sale di concerti. Berset ha voluto quindi sapere quali sono le sfide concrete generate dalla ripresa delle attività culturali, vista la situazione epidemiologica ancora fragile e le misure sanitarie che ne derivano, ha dichiarato il Dipartimento federale dell'interno (DFI) in un comunicato.

Nonostante l'allentamento delle restrizioni, il settore è ancora in una situazione precaria. «Pianificare manifestazioni culturali è tuttora difficile e pertanto è ancora necessario un sostegno da parte della Confederazione», si legge nella nota.

Sono state evocate anche le prospettive per i prossimi mesi, in particolare per quanto riguarda la strategia di vaccinazione e il suo impatto sul settore culturale. Il Consiglio federale discuterà a breve i criteri per la pianificazione di grandi eventi e le modalità di compensazione nel caso in cui un evento autorizzato debba essere annullato a causa della situazione epidemiologica.

Sì alla legge Covid-19
Finora, 130 milioni di franchi sono stati messi a disposizione per sostenere gli attori culturali nel 2021, rispetto ai 280 milioni dell'anno scorso. Anche se a volte è ancora difficile accedere rapidamente agli aiuti finanziari, i partecipanti alla riunione hanno accolto con favore la semplificazione delle procedure, adottata alla fine di marzo.

I provvedimenti a favore del settore culturale si basano sulla legge COVID-19 approvata dal Parlamento in settembre. Tutti i partecipanti all'incontro hanno sottolineato che un "no" alla legge COVID-19, in votazione il 13 giugno, avrebbe gravi conseguenze per il settore poiché decadrebbero le basi legali per gli aiuti finanziari, sottolinea ancora il DFI.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-25 20:30:50 | 91.208.130.89