Deposit - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
36 min
È esplosa la corsa ai test (finché sono gratis)
La richiesta è raddoppiata con l'obbligo del certificato Covid. E il governo teme che non si arresterà
Lucerna
41 min
Schianto frontale in moto, grave un minore
La collisione ha coinvolto altri due motociclisti che si trovavano sulla strada
SVIZZERA
2 ore
Oggi gratis, domani a 75 franchi?
Il test antigenico potrebbe diventare a pagamento dall'11 ottobre. Gli addetti ai lavori speculano sui possibili prezzi
ZURIGO
2 ore
Al rettore non piace il certificato
All'università di Zurigo l'accesso è vietato agli studenti senza pass. «Una scelta dolorosa» per Michael Schaepman
SVIZZERA
4 ore
Test in regalo da Maurer
Antigenici gratuiti fino alla revoca del certificato Covid: questa sarebbe la posizione del ministro UDC
SVIZZERA
12 ore
«Se la consegna avviene in ritardo, ci tagliano lo stipendio»
Il delivery va forte, soprattutto con la pandemia. Ma un corriere Smood vuota il sacco: «Pessime condizioni di lavoro»
SVIZZERA / FRANCIA
13 ore
Omicidio di una prostituta a Sullens, condanna aumentata a 30 anni
Il killer è un ex lavoratore frontaliere francese
SVIZZERA
15 ore
Certificati internazionali per i vaccinati, il plauso di HotellerieSuisse
L'associazione chiede che si prosegua con la politica dei test gratuiti
SVIZZERA
16 ore
Un documento falso per aggirare l'obbligo di certificato Covid
Al momento su Telegram c'è un florido mercato di attestati falsi. Ma chi viene scoperto, è punibile
SVIZZERA
17 ore
In piazza per la giustizia climatica anche in Svizzera
Migliaia di giovani hanno partecipato alle manifestazioni di Fridays For Future
ZUGO
19 ore
Rifiuti in fiamme a causa delle batterie ricaricabili
L'incendio si è verificato a bordo di un camion della spazzatura a Zugo
SVIZZERa
20.04.2021 - 10:130

Disoccupazione e precariato: attenti alla crisi sociale

L'allarme proviene dai sindacati: lavoro ridotto, fattorini, riduzione dello stipendio

BERNA - La crisi del coronavirus ha avuto un impatto deleterio su molti lavoratori dipendenti. E il futuro non sembra affatto rassicurante, sottolinea l'Unione sindacale svizzera (USS). «Dopo aver lottato contro la pandemia, dobbiamo lottare per una maggiore sicurezza sociale» per evitare un ulteriore peggioramento della situazione, ha detto oggi il presidente, Pierre-Yves Maillard, in una conferenza stampa.

La disoccupazione e la sottoccupazione sono in aumento. Chiusure e altre restrizioni hanno portato a un'esplosione del lavoro precario e le disparità di reddito sono aumentate. Gli standard minimi per i salari e le condizioni di lavoro vengono spesso ridotti.

Anche le prospettive per i prossimi mesi sono preoccupanti. Lo strumento del lavoro a orario ridotto aveva evitato molti licenziamenti, ma non si vede nessuna ripresa significativa del mercato del lavoro.

Anche dopo la seconda ondata della pandemia, un numero estremamente alto di persone è ancora senza lavoro. I dipendenti più giovani e più anziani sono più colpiti della media, oltre ai lavoratori a basso reddito. L'USS chiede quindi una rapida estensione del lavoro ad orario ridotto da 18 a 24 mesi per evitare licenziamenti.

Meno reddito disponibile
Con il lavoro ridotto e la disoccupazione, inoltre i redditi calano. Secondo una stima dell'USS, le persone nelle fasce di reddito più basse (fino a 4'000 franchi lordi al mese) devono fare i conti con circa 300 franchi in meno al mese.

Allo stesso tempo, le chiusure parziali dell'economia hanno portato a una proliferazione di lavori precari. Con il boom delle consegne a domicilio da parte dei corrieri, gli standard minimi delle condizioni di lavoro troppo spesso non sono rispettati. La chiusura dei ristoranti, ad esempio, ha portato a un boom delle consegne di cibo da parte dei corrieri, che spesso hanno salari bassi, un tasso di occupazione incerto e scarsa protezione sociale.

Chi ha potuto continuare a lavorare nonostante il semiconfinamento ha spesso dovuto accettare un peggioramento delle condizioni di lavoro, per esempio nella vendita e nell'elaborazione degli ordini online, sottolinea Vania Alleva, presidente di Unia.

«La pressione è enorme per i dipendenti che accettano questa erosione senza dire nulla, perché sanno che i lavoratori a tempo ridotto stanno ancora peggio. Per questo abbiamo bisogno di un indennizzo al 100% per il lavoro a orario ridotto per salari fino a 5'000 franchi e l'estensione dei contratti collettivi di lavoro (CCL)», ha aggiunto. I lavoratori che hanno sofferto di più a causa della crisi non devono essere lasciati soli, ha aggiunto Maillard.

Attualmente oltre 550'000 lavoratori dipendono dai sussidi dell'assicurazione contro la disoccupazione, 450'000 in più rispetto all'inizio del 2020, ha detto Maillard. 400'000 sono in lavoro ridotto e altri 50'000 sono disoccupati. Sono mezzo milione di persone che vivono e sostengono le loro famiglie con almeno il 20% di reddito in meno da mesi.

Se siamo confrontati a manifestazioni di rabbia e disperazione, anche nella pacifica Svizzera, è a causa di questa crisi sociale, ha detto il presidente dell'USS. Le persone che hanno superato la crisi senza perdita di reddito o senza paura di perdere il lavoro, a volte faticano a capire la rabbia e la violenza del sentimento di ingiustizia che colpisce una parte importante e già precaria della popolazione.

Esigenze
Per far fronte a queste prospettive fosche, l'USS chiede un salario minimo di 22 franchi all'ora e contratti collettivi vincolanti per i nuovi posti di lavoro che sono sorti nei servizi di corriere e nel commercio online.

L'USS esige inoltre che i quasi cinque miliardi di franchi di riserve in eccedenza dei premi di cassa malattia siano restituiti alla popolazione per rafforzare il potere d'acquisto e stimolare l'economia nazionale.

Anche i programmi di austerità, soprattutto a livello federale, devono essere abbandonati per evitare che la disoccupazione aumenti ulteriormente. Infine, l'USS chiede garanzie di lavoro nelle aziende e sostegno nella ricerca di un'occupazione per i giovani che hanno completato la loro formazione.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-25 12:37:13 | 91.208.130.85