Keystone (immagine illustrativa)
SVIZZERA
15.04.2021 - 13:410

«Bene per il morale, meno per gli introiti»

I cinema svizzeri potranno riaprire da lunedì prossimo, anche se per i grandi blockbuster bisognerà ancora attendere.

La presidente dei cinema svizzeri: «A livello finanziario la situazione resta molto difficile. La riaperture delle sale è però molto importante per il morale degli spettatori e degli impiegati del settore».

BERNA - Riaprire le sale non sarà redditizio dal punto di vista finanziario, ma la decisione di ieri del governo federale è una boccata d'ossigeno per il morale del pubblico. Lo pensa Edna Epelbaum, presidente dell'Associazione svizzera dei cinema (ASC), che in un'intervista concessa a Keystone-ATS commenta il ritorno dei film sul grande schermo.

«Sono contenta di poter offrire di nuovo, insieme ai miei colleghi di tutta la Svizzera, la cultura cinematografica», afferma Epelbaum. Ieri, il Consiglio federale ha comunicato che le sale potranno aprire da lunedì, pur se con delle restrizioni.

Gli spettatori dovranno indossare la mascherina e non potranno gustarsi il film insieme ai classici popcorn o a qualsiasi altro alimento. Verranno inoltre applicate regole di distanziamento, secondo le quali i cinema potranno autorizzare la presenza di massimo 50 persone.

In questo contesto è facile capire come per le varie strutture non vi siano le condizioni per lavorare traendo profitto. «A livello finanziario, la situazione resta difficile», ammette Epelbaum. «Psicologicamente però, tornare in sala è molto importante per la gente», si rallegra, aggiungendo come ciò permetta «di realizzare che c'è ancora qualcos'altro oltre al divano».

La riapertura gioverà anche a tutti gli impiegati del settore. «Avere di nuovo energia, sapere perché si lavora e rientrare dopo tutti questi mesi trascorsi a casa è fondamentale», continua Epelbaum.

Per i grandi blockbuster servirà tuttavia un po' di tempo. «Bisogna essere pazienti, non cominceremo con un James Bond». All'inizio, la programmazione sarà bilanciata fra nuovi film e quelli usciti poco prima della chiusura. In ogni caso, promette la presidente dell'ASC, sicuramente non ci si annoierà.

Il ritorno delle super produzioni internazionali dipenderà in particolare dalla situazione negli Usa. La maggior parte delle sale peraltro non sarà in grado di spalancare le proprie porte immediatamente: a causa dei lavori preparatori da svolgere, per molti il giorno da segnare sul calendario sarà il 22 aprile, ovvero giovedì prossimo.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 3 mesi fa su tio
Ma chi va più al cinema!!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-07-28 05:55:42 | 91.208.130.86