Keystone
SAN GALLO
06.04.2021 - 13:130
Aggiornamento : 14:13

Allontanati dalla città, ci sono i primi ricorsi

Il cantone verifica se gli allontanamenti soddisfano i requisiti legali, sono proporzionati e non violino i diritti

SAN GALLO - Il canton San Gallo ha ricevuto i primi ricorsi relativi ai divieti di accedere a determinate aree della città pronunciati contro oltre 500 persone dopo i disordini registrati durante le festività pasquali.

Il Venerdì Santo ci sono stati disordini per la seconda volta in una settimana. La domenica di Pasqua, la polizia ha controllato centinaia di persone a seguito di nuovi appelli alla violenza pubblicati sui social media: 60 persone sono state fermate e sono stati emessi oltre 500 divieti di accedere ad alcuni luoghi della città. Gli agenti hanno anche fermato un gruppo che trasportava 2,5 litri di alcool metilico e piccole bottiglie vuote che avrebbero potuto essere utilizzate per confezionare bombe Molotov.

«Gli allontanamenti in questa situazione straordinaria sono stati considerati proporzionati», stando a una valutazione dell'operazione di polizia. Non ci sono stati disordini, nessuno è rimasto ferito e i danni alla proprietà sono stati ampiamente evitati.

Nessun effetto sospensivo
Questa misura implica che la persona interessata non può accedere a una piazza, un parco o un quartiere per un massimo di un mese. La polizia di San Gallo ha sfruttato questo margine di manovra: per i prossimi 30 giorni le circa 500 persone colpite dal provvedimento non potranno più entrare nel perimetro designato.

«Abbiamo ricevuto i primi ricorsi contro i divieti», ha detto all'agenzia di stampa Keystone-ATS Hans-Rudolf Arta, segretario generale del dipartimento cantonale di sicurezza e giustizia. Le persone interessate hanno 14 giorni di tempo per opporsi.

Il cantone deve verificare se gli allontanamenti soddisfano i requisiti legali, sono proporzionati nel caso specifico e non rappresentano una grave violazione dei diritti fondamentali. L'interesse pubblico a scongiurare il pericolo deve prevalere sull'interesse privato degli esclusi dall'uso dello spazio pubblico.

«I ricorsi non hanno effetto sospensivo», ha spiegato Arta. Le persone respinte non possono entrare nel perimetro in questione fino a quando il cantone prenderà una decisione, a meno che non debbano recarsi in città per lavoro o studio. Se il ricorso viene respinto, è ancora possibile appellarsi al tribunale amministrativo.

Un ulteriore appello alla violenza
«Volevamo fermare la spirale di violenza», ha detto Roman Kohler, portavoce della polizia cittadina di San Gallo. «Ci sono già appelli alla violenza per venerdì prossimo», ha aggiunto precisando che dei 33 espulsi Venerdì Santo, 25 hanno ignorato l'ordine e dovranno ora subirne le conseguenze.

Il portavoce della polizia è consapevole che i molti divieti ad accedere al perimetro sollevano anche interrogativi. Gli interessati che possono spiegare in modo credibile di essere stati ingiustamente respinti possono contattare la polizia.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-14 00:38:52 | 91.208.130.89