THOMAS EGLI
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
58 min
«Sono estremisti monotematici»
I No Pass e No Vax in Svizzera stanno alzando il tiro. La Rete per la sicurezza: «Rischio radicalizzazione»
ZURIGO
1 ora
Va a fuoco un'azienda di rifiuti
Le fiamme sono divampate questa notte a Glattburg (ZH). I pompieri al lavoro fino all'alba
LUCERNA
2 ore
Ucciso a coltellate nella stazione di servizio
Una rissa tra diverse persone è finita tragicamente ieri sera a Geuensee (LU)
Ginevra
14 ore
Covid, dopo i vaccini si punta ai rimedi da banco
Alcuni sono già raccomandati, altri in fase avanzata, mentre altri ancora sono già stati scartati
SVIZZERA
16 ore
Tonnellate di CO2 in meno... solo allungando la vita dei prodotti
Ha luogo oggi la seconda edizione del Secondhand Day, per sensibilizzare gli svizzeri sui propri consumi
ZURIGO
16 ore
«Non siamo no-vax, siamo contro le restrizioni»
Ha avuto luogo oggi pomeriggio una manifestazione autorizzata contro le misure anti Covid
Svitto
17 ore
Un contadino muore sotto il suo mezzo agricolo
Il veicolo si è capovolto mentre raccoglieva l'erba tagliata
TURGOVIA
17 ore
I cavolfiori finiscono sui binari
Un curioso incidente ha interrotto la linea ferroviaria tra Wil e Weinfelden, oggi pomeriggio
SVIZZERA
20 ore
Gratis o no: altre due settimane di litigi
Il governo ha rimandato al 10 ottobre la decisione. I partiti e la popolazione sono spaccati
SVIZZERA
22 ore
È esplosa la corsa ai test
La richiesta è raddoppiata con l'obbligo del certificato Covid. E il governo teme che non si arresterà
SVIZZERA
01.04.2021 - 11:060

Pasqua irachena per Ignazio Cassis

Il consigliere federale visiterà l'Iraq, l'Oman e il Libano tra il 3 e l'8 aprile.

Tra i temi trattati vi saranno la promozione del dialogo, la diminuzione delle tensioni regionali, lo sviluppo sostenibile e l'impegno umanitario in questi tre Paesi.

BERNA - La promozione del dialogo, la diminuzione delle tensioni regionali, lo sviluppo sostenibile e l'impegno umanitario saranno i temi principali che il consigliere Ignazio Cassis affronterà con i suoi omologhi durante un viaggio che dal 3 all'8 aprile lo porterà in Iraq, Oman e Libano.

Cassis sarà accompagnato nel suo periplo dai consiglieri agli Stati Damian Müller (presidente della Commissione della politica estera) e Andrea Gmür-Schönenberger (membro della CPE-S).

Questa visita si iscrive nella strategia del Consiglio federale per la regione Medio Oriente e Nord Africa (MENA). È il quarto viaggio nella regione dopo le visite in Iran, in Israele, nel Territorio palestinese occupato, negli Emirati arabi uniti e in Algeria nel 2020 e all'inizio del 2021.

Prima tappa del ministro degli esteri ticinese sarà l'Iraq, Stato che un consigliere federale non visitava dal 1979 (ossia dalla caduta dello scià e l'arrivo dell'ayatollah Khomeini, n.d.r), un paese che negli ultimi anni ha particolarmente sofferto a causa delle tensioni regionali e del terrorismo, indica una nota odierna del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE). A Baghdad il capo del DFAE discuterà col ministro degli esteri Fuad Hussein, dell'impegno della Svizzera a favore del dialogo e della stabilità regionale. Firmerà anche un memorandum d'intesa che stabilisce consultazioni politiche bilaterali, come segno della volontà dei due Paesi di rafforzare le loro relazioni.

In Oman - Paese che, come la Svizzera, è noto per il suo ruolo neutrale e di mediazione scrive il DFAE - Cassis incontrerà il ministro degli esteri Sayyid Badr bin Hamad bin Hamood Al Busaidi. La Svizzera intende sviluppare una cooperazione più stretta con questo Paese per far progredire il dialogo e la risoluzione dei conflitti nella regione.

Dopo l'esplosione che ha devastato Beirut il 4 agosto 2020, la Svizzera ha mostrato la sua solidarietà al popolo libanese. Il Libano sta affrontando una grave crisi economica e politica. Durante la sua visita, il consigliere federale Ignazio Cassis si recherà in un ospedale distrutto dall'esplosione e ristrutturato col contributo della Confederazione e si informerà dell'impegno umanitario del nostro Paese in loco. Visiterà anche un insediamento informale per i profughi siriani, proprio mentre ricorre il decimo anniversario della crisi siriana. Il Libano ospita 1,5 milioni di profughi siriani.

La regione MENA è caratterizzata da una popolazione giovane con grande potenziale, che però deve far fronte a un alto tasso di disoccupazione in vari Paesi. Una delle priorità della Strategia MENA è di sostenere le giovani generazioni, contribuendo a sviluppare la formazione professionale e a facilitare il loro accesso al mercato del lavoro.

Per questo il capo del DFAE incontrerà giovani imprenditori della scena emergente delle startup irachene. Gli scambi verteranno sull'innovazione e le prospettive per i giovani di questo Paese ancora fragile. In Oman parlerà con il suo omologo di formazione professionale e incontrerà anche giovani professionisti. In particolare discuterà delle possibilità per le imprese svizzere in questo Paese, che sta diversificando la sua economia ora incentrata sul petrolio.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 5 mesi fa su tio
Buona vacanza. In quei paesi lì i ristoranti e i bar sono aperti.
seo56 5 mesi fa su tio
Sempre in giro!!!!
Dario Lampa 5 mesi fa su tio
@seo56 Beh, è il ministro degli affari esteri. Mi sembra il minimo.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-26 10:56:18 | 91.208.130.86