keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
FOTO
ZURIGO
2 ore
Berset contestato fuori dall'Uni
Questa sera a Zurigo diverse persone hanno manifestato contro l'obbligo di certificato per accedere alle lezioni.
VALLESE
2 ore
Due morti sul Cervino
Le vittime sono un 24enne e un 25enne, che ieri sono precipitati mentre scalavano la parete nord
SVIZZERA
3 ore
I partiti plaudono e criticano
I liberali soddisfatti a metà delle decisioni del governo: «Manca una strategia».
SVIZZERA
5 ore
Che salasso andare al museo
In certi casi per un'escursione familiare bisogna spendere anche 92 franchi
SVIZZERA
5 ore
Per i guariti certificato Covid esteso a un anno
La Confederazione vuole così introdurre una nuova versione del Covid-pass: il «certificato Covid svizzero».
ZURIGO
5 ore
Investito da un tram, morto un pedone
L'incidente si è verificato nel primo pomeriggio di oggi a Zurigo, nelle vicinanze della fermata Bad Allenmoos
FRIBURGO
6 ore
Bimbo di 8 anni investito da un mezzo agricolo
È successo ieri a La Roche. Coinvolto nell'incidente anche il padre del bambino
SVIZZERA
7 ore
Giovani con il coltello in tasca: «Si sentono potenti e virili»
Si verificano con sempre più frequenza fatti di sangue in cui i giovani brandiscono un coltello.
SVIZZERA
8 ore
Aumentano ancora le infezioni, oggi sono 1'442
Le persone ospedalizzate nelle ultime 24 ore a causa del coronavirus sono 34. Cinque i decessi.
SVIZZERA
8 ore
Quattrocento milioni alla ricerca
Il Governo federale finanzia i ricercatori svizzeri per permettere loro di partecipare al programma “Orizzonte Europa”
SVIZZERA
9 ore
Alimentari online? Mancano informazioni su allergeni e ingredienti
L'allarme dei chimici cantonali: trecento controlli e nel 78% dei casi è stata riscontrata una carenza d'informazioni
BERNA
18.03.2021 - 09:260
Aggiornamento : 10:05

«Si riaprano i ristoranti, ma i grandi eventi sono troppo rischiosi»

Marco Chiesa, con la Pasqua imminente, parla di mascherine all'aperto e di riaperture.

Il presidente dell'UDC si rallegra che molti svizzerotedeschi visitino il Ticino: durante la prima ondata di covid aveva invitato i confederati a non recarvisi.

BERNA - Marco Chiesa appoggia la decisione di Ascona di rendere obbligatorie le mascherine nei luoghi pubblici all'aperto. In un'intervista pubblicata oggi da nau.ch, il presidente dell'UDC sottolinea l'importanza di tutte le misure che proteggono la salute e nel contempo concedono alla gente un po' di libertà. Sollecita pure una rapida apertura di ristoranti e bar.

Se le persone intenzionate a recarsi ad Ascona durante il fine settimana pasquale sono numerose, un obbligo temporaneo di indossare una mascherina all'aperto ha senso, afferma il ticinese. Naturalmente dovrebbe essere il caso solo dei luoghi dove in uno spazio limitato potrebbe prodursi un affollamento e non laddove è possibile mantenere le distanze di sicurezza.

Chiesa si rallegra che molti svizzerotedeschi visitino il Ticino: durante la prima ondata di covid aveva invitato i confederati a non recarvisi, ma ora la situazione è diversa. Attualmente abbiamo una migliore conoscenza del virus e delle misure di protezione da adottare.

La vicina Italia continua invece ad essere considerata come tendenzialmente pericolosa: «si è proceduto ad aperture ma senza piani funzionanti di protezione. Tutti abbiamo visto immagini di Milano e di altre città», sottolinea il ticinese. Il suo partito - a fronte dei circa 70mila frontalieri che quotidianamente entrano in Svizzera - chiede che si proceda sistematicamente a test di massa alle frontiere e nelle aziende.

Ospedali non al limite - Il presidente dell'UDC sottolinea che il suo partito ha sempre chiaramente chiesto un allentamento delle misure sanitarie, ma nell'ambito di piani di protezione rigorosi. Ciò è ora possibile, dato che il numero di pazienti ricoverati nelle cure intensive è considerevolmente diminuito. Il sistema sanitario - aggiunge Chieda - ora è ben lungi dall'essere sovraccaricato e i gruppi a rischio sono in gran parte vaccinati.

Attualmente, la Svizzera non può permettersi una strategia a rischio zero e deve imparare a vivere con il virus: dopo un anno di pandemia, ciò deve essere possibile, sostiene Chiesa, che assicura di continuare a prendere molto sul serio i pericoli che il coronavirus comporta.

Ristorazione: si riapra rapidamente - Il ticinese ritiene che sia giunto il momento di procedere a degli allentamenti delle rigide misure di semiconfinamento, in particolare nel settore della ristorazione. Si tratta di un comparto che ha investito milioni di franchi in piani di protezione ed è stato il capro espiatorio per mesi. Ora bisognerà procedere a una rapida riapertura, altrimenti molti bar e ristoranti chiuderanno per sempre.

Chiesa si dimostra per contro più cauto rispetto al Consiglio federale riguardo ai grandi eventi. A suo modo di vedere, quelli con 150 persone sono tuttora troppo rischiosi e pongono grandi sfide, ad esempio quelle di riuscire a rintracciare tutte le catene di contatto.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 7 mesi fa su tio
Cambiare titolo p.f ;-))
Luca 68 7 mesi fa su tio
sarebbe per me chiuderei tutto fino dopo Pasqua
lollo68 7 mesi fa su tio
Più persone a rischio sono vaccinate più si può aprire. Lasciate vivere chi non è a rischio soprattutto i giovani!
Ro 7 mesi fa su tio
E se poi salta l’estate 2021 che si fa ? Meglio 1 settimana di apertura o forse mesi ? Questo è l’interrogativo a cui tutti dovrebbero porsi ? Per le terrazze d’accordo ma il resto, per il sottoscritto, No. Comunque sempre Ascona davanti a tutti e questo gli fa onore.
seo56 7 mesi fa su tio
Assolutamente contrario all’apertura degli EP prima di Pasqua 😡😡😡😡😡
adri57 7 mesi fa su tio
Purtroppo i nostri politici sono troppo ondivaghi. La situazione epidemiologica in Ticino, non è rallegrante. Di fatto, rispetto ai test effettuati, vi è una positività del 7%. Potessimo testare tutti, oggi avremmo ca. 21000 positivi. Siamo leggermente superiori all'Italia, che si appresta a chiudere tutto. e ben sopra la media CH che si attesta al 4.4%.
ceresade36@gmail.com 7 mesi fa su tio
Una buona soluzione non è sempre e soltanto per no difundere il virus Sara un puo scomodo ma necessario per nostra salute Meglio mascarina che virus
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-20 21:45:17 | 91.208.130.89