Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GINEVRA
5 ore
Hotel da 30mila franchi a notte per Biden
Ecco quanto ha speso il presidente statunitense per il summit ginevrino con il suo omologo russo Putin.
GINEVRA
6 ore
Putin e Biden hanno lasciato Ginevra
I due presidenti sono decollati da Cointrin poco dopo le rispettive conferenze stampa.
GINEVRA
7 ore
Biden: «Ho fatto quello che ero venuto a fare»
Il presidente USA ha tracciato un bilancio «positivo» dell'incontro con Putin. Non sono però mancati gli avvertimenti.
GINEVRA
8 ore
Putin: «Non prendo lezioni di diritti umani dagli USA»
Tra gli argomenti discussi durante il summit, l'incarcerazione di Navalny, le tensioni diplomatiche e la cyber-security.
ZURIGO
8 ore
Carlos - anzi Brian - non sarà internato
Il 25enne è stato però condannato a sei anni e quattro mesi per aggressioni a secondini e poliziotti
GINEVRA
9 ore
Un centinaio di imprese chiuse per l'incontro Biden-Putin
Le aziende situate in prossimità della zona di esclusione del summit saranno risarcite dalla Confederazione.
GINEVRA
10 ore
Estremisti islamici a processo a Bellinzona
I due, arrestati nel 2016, si erano recati in Turchia per unirsi alle forze dell'Isis.
ZURIGO
12 ore
Tifoso violento espulso dalla Svizzera
Si tratta di un 26enne che aveva partecipato ai disordini scoppiati a Zurigo, dopo un derby di Coppa Svizzera, nel 2018.
LUCERNA
14 ore
Esce di strada e ruzzola giù per una discesa di 78 metri
La conducente è stata trasportata in ospedale. I danni ammontano a 10mila franchi.
FOTO
GINEVRA
14 ore
Una stretta di mano segna l'inizio del vertice
Il presidente USA Joe Biden e quello russo Vladimir Putin sono ora a Villa La Grange a Ginevra
SVIZZERA
19.02.2021 - 15:510

«È stato un anno da dimenticare»

Il direttore di Svizzera Turismo Martin Nydegger ha commentato i dati odierni sui pernottamenti.

L'assenza di turisti stranieri ha pesato fortemente sul risultato, sebbene gli svizzeri abbiano in parte compensato le perdite. E anche il 2021 non è partito nel migliore dei modi: «Quest'anno speriamo anche nei visitatori europei».

BERNA - «Il 2020 per il turismo elvetico è stato un anno da dimenticare». Non utilizza giri di parole Martin Nydegger, direttore di Svizzera Turismo, commentando i numeri presentati oggi dall'Ufficio federale di statistica (UST).

Dopo un pessimo 2020, anche l'anno in corso si prospetta difficile per l'industria del turismo elvetico. A partire dalla stagione invernale, poiché secondo Nydegger, nonostante l'ottima neve e le condizioni meteorologiche fantastiche, c'è ancora molto da fare: «La gente non vuole mangiare il bratwurst sulla neve, ma a tavola», afferma il direttore di Svizzera Turismo nel corso di una conferenza stampa organizzata con l'UST e l'associazione di categoria Hotelleriesuisse.

La chiusura dei ristoranti, anche nelle stazioni sciistiche, rappresenta un problema e sono dunque da attendersi nuove perdite. Attualmente alcuni Cantoni - tra cui Ticino e Grigioni - hanno almeno concesso l'apertura e l'utilizzo delle terrazze sulle piste da sci.

Secondo Nydegger, se la situazione pandemica dovesse svilupparsi positivamente, i turisti provenienti dai paesi limitrofi dovrebbero tornare ad aumentare all'inizio della stagione estiva. In seguito, tra la metà dell'estate e l'autunno, si potrà prevedere il ritorno di viaggiatori provenienti dall'Asia e da altre regioni più lontane.

Il prerequisito è che «le condizioni quadro siano giuste: sosteniamo tutto ciò che va nella direzione di certificati sanitari o attestato di vaccinazione», sottolinea il numero uno dell'organizzazione di marketing che promuove, su mandato federale, la domanda turistica interna ed estera per la Svizzera.

Ospiti svizzeri e stranieri - Tornando sulle cifre dei pernottamenti, Nydegger ritiene che gli svizzeri abbiano prenotato così tante notti d'albergo nel loro Paese anche grazie ai grandi sforzi di marketing compiuti da Svizzera Turismo. Ad esempio, spiega, ci sono stati romandi che sono stati attratti dalle vacanze nella Svizzera tedesca - in particolare la Svizzera orientale e i Grigioni - e viceversa. Tuttavia, aggiunge, il piccolo mercato elvetico non ha potuto compensare «l'assenza di ospiti stranieri» nel 2020.

«Ci siamo concentrati soprattutto sull'informazione e quindi abbiamo raggiunto anche gli ospiti nazionali che non sono ancora così familiari con la Confederazione come destinazione di vacanza", sostiene il direttore di Svizzera Turismo, secondo cui molti pernottamenti di cittadini elvetici sono avvenuti anche nel corso dell'autunno, che solitamente rappresenta un periodo poco popolare tra i viaggiatori interni.

A farne maggiormente le spese sono stati gli hotel delle aree urbane, ad esempio Zurigo, Ginevra e Basilea, che in periodi normali godono della presenza di turisti provenienti principalmente dall'estero. Secondo Andreas Züllig, presidente di Hotelleriesuisse, gli alberghi di città hanno perso complessivamente circa due terzi del loro fatturato. Una quota decisamente superiore alle altre aree, nelle quali le entrate perse sono poco meno di un quarto.

Tuttavia, precisa Züllig, «ci sono anche molte altre regioni alpine, come Zermatt (VS), che dipendono molto dagli ospiti stranieri» e che hanno sofferto molto della mancanza di domanda estera.

Per gli hotel delle zone urbane, che dipendono dalla domanda internazionale, la ripresa sarà collegata alla riapertura delle frontiere: «Contiamo sui visitatori europei quest'estate», si augura Züllig, secondo cui giocherà un ruolo chiave anche un certo «ritorno alla normalità», con la riapertura di musei, negozi e ristoranti per poter rendere nuovamente attraenti i centri città.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 3 mesi fa su tio
Chi l'avrebbe mai detto
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-17 03:49:11 | 91.208.130.87