Keystone
Mascherine FFP2 (a norma CE) in una foto d'archivio.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
CITTÀ DEL VATICANO / SVIZZERA
54 min
Le guardie svizzere sono un fumetto, ora anche in italiano
Cinquanta tavole raccontano le avventure di Marc, un giovane che parte per il Vaticano
SVIZZERA
58 min
Pericolo listeriosi dall'insalata
I lotti interessati dovrebbero essere stati venduti alle Migros di Vaud, Vallese e Ginevra
SVIZZERA
2 ore
Anche i media online riceveranno dei contributi
Il plenum ha deciso di fissare al 60% del giro d'affari la percentuale massima del contributo
SOLETTA
2 ore
Manda all'ospedale due uomini, arrestato
L'uomo si è reso protagonista di due risse.
ZURIGO
2 ore
Passaporto vaccinale? «Stiamo guardando all'Europa»
Alain Berset in visita nel Canton Zurigo fa il punto sulla pandemia
SVIZZERA
2 ore
Gli insegnamenti della pandemia: la salute passa dalla psiche
Secondo l'Accademia di medicina umana, troppo spesso ci si concentra solo sul fisico, dimenticando la mente
SVIZZERA
3 ore
«Perché non facciamo come Londra?»
Piero Marchesi propone di seguire l'esempio della Brexit. La mozione alle Camere federali
BERNA
4 ore
«Non abbiamo ancora abbastanza vaccini»
I negozi svizzeri sono aperti. In diretta da Berna gli esperti della Confederazione e dei Cantoni.
SVIZZERA
4 ore
Coronavirus in Svizzera, 1'130 contagi e 16 decessi
Nelle ultime ventiquattro ore l'ospedalizzazione si è resa necessaria per 57 persone col Covid
SVIZZERA
5 ore
Casi di rigore: la partecipazione della Confederazione resta al 70%
La Commissione delle finanze del Consiglio degli Stati non vuole innalzarla all'80%
SVIZZERA
5 ore
Il Covid-19 affossa le auto... ma le elettriche sorridono
In un 2021 straziante per quanto riguarda la vendita dei veicoli, c'è chi ha sofferto meno
SVIZZERA
5 ore
Scatta l'inchiesta sull'aereo precipitato nel Lago di Costanza
L'indagine è stata ufficialmente avviata dal Servizio d'inchiesta svizzero sulla sicurezza
BERNA
6 ore
Fiamme in un appartamento, il fumo ne fa sfollare trenta
L'incendio è divampato questa mattina in un edificio residenziale e commerciale di Tavannes.
SVIZZERA
6 ore
L'ok al finanziamento indiretto alla stampa
Il Nazionale ha approvato lo stanziamento di 120 milioni di franchi
SVIZZERA
6 ore
Anno da record per le patenti delle moto
Sono ben trentamila i centauri che hanno ottenuto la licenza di guida nel 2020.
ZURIGO 
7 ore
Multa milionaria per il collezionista d'arte Schwarzenbach
Il miliardario è accusato di aver importato in Svizzera 83 opere senza sdoganamento.
SVIZZERA
23.01.2021 - 12:300
Aggiornamento : 21:15

Quei giovani rampanti diventati milionari vendendo FFP2 (inutilizzabili) all'esercito

E facendole pagare anche 9.90 l'una. Le ultime novità da un caso di cui si parla poco e che imbarazza Berna

Delle 700'000 mascherine in questione - invase dalla muffa, non a norma e di dubbia origine - la gran parte è già stata distrutta

ZURIGO - Arriva la pandemia, fondi un'azienda importi mascherine e poi le rivendi in Svizzera, anche alla Confederazione, così diventi multimilionario in un paio di mesi al massimo.

È questa la storia, finita sotto le luci della ribalta la scorsa estate, di due giovani UDC e della loro Emix Trading con sede prima a Zurigo, e poi a Zugo. La notizia era tornata in auge di recente, quando si è scoperto che l'azienda le aveva vendute all'esercito e fatte pagare a peso d'oro.

700'000 di queste, comprate proprio da Berna, sono «di dubbia origine e inutilizzabili» come riportato oggi sulle pagine del Tages-Anzeiger. Stando al quotidiano zurighese, le suddette FFP2 erano state realizzate dall'egiziana Chemi Pharma Medical, azienda esistente ma... che, stando a quanto ricostruito dal "Tagi", non produce mascherine di quel tipo. 

«Ho scoperto che il nome della nostra azienda era stato tirato fuori per questo affare ad aprile, ma non ne so niente», ha confermato il titolare Ahmed Dighidi, «francamente non ho idea di chi, o cosa, possa esserci dietro». Anche il colore delle scatole arrivate in Svizzera è diverso da quello solitamente impiegato dalla ditta. 

Due giovani rampanti col pallino della politica

Dopo l'affare, le foto, a bordo di auto di lusso e vida loca finite anche sui quotidiani del Nord delle Alpi. La parabola dei due giovanissimi imprenditori della Emix Trading, entrambi con meno di 25 anni, era di quelle da sogno. A farli decollare l'affare, a marzo - in piena prima ondata - con la vendita di 1,5 milioni di maschere FFP2 alla Confederazione con un prezzo oscillante fra gli 8,50 e i 9.90 al pezzo. I due erano attivi fra le fila dei giovani UDC, in alcune foto social sono infatti immortalati in compagnia di Christoph Blocher a un evento ufficiale del partito.

Di questo cospicuo lotto, parte di una commessa da 22.6 milioni di franchi, diverse fra le 700'000 mascherine erano invase dalla muffa, maleodoranti, e «inutilizzabili». Un test, svolto dall'Ospedale universitario di Basilea, le ha trovate «ben al di sotto dello standard europeo».

Inviate ai cantoni, ben presto sono tornate in dietro: bastava uno sguardo alla loro fattura, troppo economica, così come alla scatola priva dei marchi necessari perché fossero a norma, per capire che tipo di prodotto si trattasse. Senza dimenticare il nauseabondo odore di muffa che le rendeva praticamente inindossabili.

Per questo circa 220mila di queste, già consegnate in tutta la Svizzera, sono state rimandato al mittente. Una buona parte - riporta l'articolo - è già stata distrutta e le rimanenti stoccate, come riserve in caso d'emergenza, dall'esercito.

Un affare che imbarazza l'esercito

Sui documenti ufficiali dell'esercito se ne parla, o quasi, di questo acquisto fallace - ma milionario - delle mascherine contraffatte, e scadenti, di Emix. L'unica cosa che si sa è che l'ordine è partito dalla farmacia dell'esercito. Sui registri però, bisogna cercare bene fra le righe: come riportato dal quotidiano zurighese, si parla di maschere TE YIN - anche se la Emix con Cina in teoria non ci avrebbe avuto nulla a che fare - e a luglio è segnalato «un richiamo di maschere FF2P dei vecchi stock», non si dice però quando quelle siano state acquistate.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
volabas56 1 mese fa su tio
Qui non si tratta di quel partito o di quell'altro. Si parla di due delinquenti come ce ne sono ovunque, certo che qualche domanda sul chi e come sono connessi viene d'obbligo.
vulpus 1 mese fa su tio
Sembra che siano state riconsegnate al buon Chiesa, dopo l'incontro con Berset sulle divergenze di vedute sul covid. Si è fatto carico della resiliazione dell'importo e della spesa per lo smaltimento.
centauro 1 mese fa su tio
Si sente anche una gran puzza di corruzione.
marco17 1 mese fa su tio
Ecco come alcuni UDC, partito portato alla critica facile contro le decisioni dell'autorità e che denuncia volentieri il comportamento poco svizzero degli stranieri che vivono nel nostro Paese, tentano di trarre profitto dalla pandemia. In tempo di guerra, gli accaparratori e profittatori passavano un brutto momento.
Tato50 1 mese fa su tio
@marco17 Quello in Danimarca che non vuole più uno straniero è dei tuoi. Non lo critichi ? Non guardare il partito di appartenenza, ma i due delinquenti, altrimenti ti faccio la lista dei "tuoi" ;-((
OrsoTI 1 mese fa su tio
E guarda che strano:) da che partito arrivano?:) a scusate... udc.... che strano😜
Tato50 1 mese fa su tio
@OrsoTI Di delinquenti ne trovi in tutti i partiti, quindi meglio approfittare visto che appartengono a un certo partito.
Cris77 1 mese fa su tio
Che vergogna, evviva chi controlla....👎
Giulietto 1 mese fa su tio
Basta storie se qualcuno nell’esercito ha sbagliato rimborsi di tasca sua, io quei soldi non li voglio pagare, questa è democrazia o se no togliamo la bandiera svizzera dalle divise dell’esercito che non ne è più degno!
tartux 1 mese fa su tio
@Giulietto Li ha già pagati con le sue tasse...
Gus 1 mese fa su tio
Felicitazioni a UDC (al cui gruppo nazionale appartengono anche i leghisti)!
joe69 1 mese fa su tio
Qui il fatto rilevante nn è il prezzo, il fatto rilevante è che ben 700'000 mascherine erano fuori norma,(scadenti, muffa, senza timbro CE ecc.. ) da buttare!!! Dall'esercito ci si dovrebbe aspettare un controllo qualità più rigoroso, nn basarsi solo su un rapporto fiduciario, a questo punto viene da pensare che forse qualcuno era colluso... a pensar mal si fa peccato, ma spesso ci si azzecca.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-03-02 19:11:23 | 91.208.130.87