tipress
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
6 ore
«Non siamo degli “sboroni dell'auto” senza rispetto»
Nel weekend la polizia zurighese aveva interrotto un raduno di bolidi. Ora prende la parola una co-organizzatrice
SVIZZERA
6 ore
Un passo in avanti nel ridare movimento ai paralitici
L'impianto di due elettrodi effettuato sulle scimmie ha permesso il ripristino del movimento della mano.
SVIZZERA
10 ore
Queste attrezzature subacquee potrebbero perdere ossigeno
Si tratta di tre articoli venduti da Decathlon. I clienti possono riportarli direttamente in negozio
FOTO
SVIZZERA / GERMANIA
11 ore
Auto strapiena di marijuana
I doganieri tedeschi hanno intercettato una vettura elvetica su cui erano presenti 53 chili di sostanza stupefacente
SVIZZERA / BRASILE
12 ore
Svizzero rapito e ucciso in Brasile
L'omicidio, avvenuto a Goianésia, sarebbe legato a un debito di circa 2'000 franchi.
BASILEA
12 ore
Basilea vende 300 opere d'arte
Il Cantone ha accumulato un'enorme collezione in 90 anni. E ha deciso di metterla sul mercato
SVIZZERA
13 ore
Covid: salgono i casi, ricoverati stabili
I pazienti Covid occupano ora l'1,8% dei posti letto complessivi.
SOLETTA
13 ore
Clienti “influencer” per andare in palestra senza Covid Pass
Lo stratagemma è stato adottato in una struttura solettese, ma è poi stato segnalato alle autorità
SVIZZERA
13 ore
Altri 915 milioni per far fronte alla pandemia nel 2022
Il Governo federale ha adottato il messaggio per la proroga di alcune disposizioni della legge Covid-19
BERNA
14 ore
Scontro tra un auto e un treno
È successo nel Canton Berna. Fortunatamente non si registrano feriti
FOTO
ZURIGO
15 ore
Entrano in casa, li legano, e fuggono con gioielli e denaro
La polizia è alla ricerca dei malviventi autori di un colpo avvenuto, questa mattina, in una villetta a Oberengstringen.
SVIZZERA
14.12.2020 - 22:240
Aggiornamento : 15.12.2020 - 09:45

Tutto rimandato al 28 dicembre: i tre scenari di Berna

Nessun lockdown prima di Natale. Il Dipartimento federale dell'interno ha condiviso i suoi piani con i Cantoni

BERNA - Il Dipartimento federale dell'interno (DFI) propone di non inasprire le misure per contrastare il coronavirus prima del 28 dicembre. Dopo questa data sono previsti tre scenari. Lo confermano i documenti messi in consultazione dallo stesso DFI e resi pubblici dai portali Tamedia questa sera.

Disposizioni più severe verrebbero discusse venerdì prossimo solo nel caso in cui il tasso di riproduzione del virus "aumentasse rapidamente e fortemente", indicano i documenti. Occorrerebbe ad esempio che questo tasso passasse da 1,13 (il valore del 4 dicembre) a 1,2.

In caso contrario, il Consiglio federale non intende riesaminare la situazione prima del 28 dicembre. L'obiettivo per allora è che il tasso di riproduzione sia inferiore a 1. «Se questo non è il caso e i numeri continuano a crescere alla fine di dicembre, saranno indicate ulteriori misure», affermano i documenti.

La chiusura dei ristoranti - Concretamente sono previsti tre scenari. Se il 28 dicembre il tasso di riproduzione è superiore a 1 per tre giorni o se l'occupazione dei letti di terapia intensiva supera l'80%, gli esercizi di ristorazione saranno chiusi, secondo la proposta del DFI. Eccezioni sarebbero ancora possibili per il take-away, i servizi di consegna e i clienti di hotel.

I centri ricreativi dovrebbero chiudere completamente. Solo il jogging e l'andare in bicicletta, così come gli allenamenti di gruppo per un massimo di cinque persone all'aria aperta, continuerebbero ad essere consentiti. Anche le strutture culturali e di intrattenimento sarebbero chiuse.

Secondo scenario: il tasso di riproduzione supera l'1,1 o l'85% dei letti per terapia intensiva sono occupati. In questo caso, oltre alle altre misure, i negozi e i mercati dovrebbero chiudere nei weekend e la loro frequentazione durante la settimana sarebbe regolamentata.

Come nella primavera del 2020, la popolazione sarebbe esplicitamente incoraggiata a rimanere a casa per proteggere i gruppi a rischio.

Scenario 3: lockdown - Se il tasso di riproduzione è superiore a 1,2 o se i letti per la terapia intensiva sono occupati per oltre il 90%, si applicherebbe un confinamento parziale. I negozi dovrebbero chiudere completamente.

I Cantoni sarebbero invitati a scegliere tra due varianti per quanto riguarda le eccezioni. La prima prevede eccezioni per i negozi il cui fatturato risulta per almeno due terzi da prodotti alimentari e altri beni di consumo quotidiano. Il divieto di vendita della domenica verrebbe revocato per questi negozi.

La seconda variante prevede eccezioni solo per negozi che vendono beni di uso quotidiano. Quelli che offrono anche altri prodotti dovrebbero coprire questi scaffali. Il divieto di vendita della domenica verrebbe revocato anche per questi negozi.

Gli eventi privati potrebbero ospitare solo dieci persone provenienti da un massimo di due famiglie. Nello spazio pubblico, gli incontri sarebbero limitati a dieci persone.

Impianti sciistici - Secondo i piani del DFI, i servizi alla persona come parrucchieri, gli studi di tatuaggio e i saloni erotici o gli studi di fisioterapia non sarebbero interessati dalle restrizioni. Essi continuerebbero ad essere consentiti con concetti di protezione adeguati.

Anche la chiusura delle stazioni sciistiche non fa parte del pacchetto di misure. Il rilascio delle autorizzazioni è di competenza dei Cantoni solo se le misure di sicurezza sono conformi alle prescrizioni.

La chiusura dei comprensori sciistici potrebbe tuttavia essere esaminata qualora si rendessero necessarie ulteriori misure federali. Sarebbe quindi difficile spiegare perché le aree sciistiche rimangano aperte nonostante le chiusure dei negozi.

I Cantoni sono invitati a pronunciarsi su queste proposte entro domani sera. Il Consiglio federale ne discuterà venerdì.

Secondo l'attuale agenda, il governo esaminerà nuovamente la situazione epidemiologica il 5 gennaio e adotterà misure se il tasso di riproduzione del virus sarà superiore a 0,9. Nella prima metà di gennaio il Consiglio federale presenterà anche un piano per la procedura fino alla primavera del 2021.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-28 02:48:11 | 91.208.130.85