Archivio Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GRIGIONI
1 ora
Tiktoker saltano dalla telecabina a tutta velocità
L'ennesima pericolosa trovata diventata virale sul discusso social network.
SVIZZERA
2 ore
Premio cinema svizzero 2021: "Atlas" tra i migliori film
Sono state proclamate oggi le nomination
SVIZZERA
4 ore
Travail.Suisse chiede un indennizzo più alto per il lavoro ridotto
Il sindacato ha avuto uno scambio di battute con il Ministro dell'economia Guy Parmelin
VALLESE
5 ore
Trovato morto un cucciolo di lupo: «È stato attraversato da un proiettile»
L'Uffico caccia e pesca ha denunciato il caso, su cui è stata aperta un'inchiesta
SVIZZERA
5 ore
Investita e annegata, «ma ha fatto tutto da sola»
Un 50enne informatico è accusato di avere ucciso la ex moglie. Ma respinge ogni accusa
VALLESE
6 ore
Valanga in Vallese, lo snowboarder si è autodenunciato
Grazie alla sua testimonianza è stato possibile escludere il ferimento di persone.
SVIZZERA
8 ore
La variante inglese galoppa: 474 casi in Svizzera
I dati dell'Ufficio della sanità pubblica. «Le mutazioni del virus aumentano in fretta»
SVIZZERA
8 ore
In tempi di crisi la gente vuole oro: in Svizzera la domanda s'impenna
La Confederazione è terza al mondo per consumo del prezioso metallo. Richiesta in netta risalita dopo anni di calo.
LUCERNA
9 ore
In arrivo dalla Gran Bretagna, con il virus mutato
Si tratta di un visitatore che era venuto a trovare dei parenti nel Canton Lucerna
VALLESE
9 ore
Causa una valanga, snowboarder "wanted"
Una volta rintracciato, dovrà coprire i costi ingenti degli interventi dei soccorsi.
GINEVRA
9 ore
Il Coronavirus è costato 250 milioni di impieghi
Sono le cifre diffuse dall'Organizzazione internazionale del lavoro (ILO).
Attualità
10 ore
In arrivo un'altra fornitura di vaccini Pfizer
L'UFSP assicura: si tratta di un rallentamento delle consegne, non di un'interruzione
SVIZZERA
10 ore
Nel 2020 la Svizzera ha “tremato” ben 1'400 volte
Sono le scosse registrate dal Servizio sismico. In 106 casi sono giunte segnalazioni anche da parte di cittadini
URI
10 ore
Scovate piantagioni indoor di cannabis
La polizia ha individuato le piantine all'interno di uno stabile di Gurtnellen
SVIZZERA
11 ore
Palazzo federale più "intimo" a causa della variante inglese
Potranno accedervi solo i deputati, i loro collaboratori personali e i giornalisti con accredito permanente.
SVIZZERA
11 ore
In Svizzera altri 4'320 contagi e 85 decessi
I dati si riferiscono come ogni lunedì alle ultime 72 ore.
SVIZZERA
11 ore
Scambio di vedute tra Berset e il mondo culturale
Durante un incontro che ha avuto luogo oggi sono stati toccati i problemi che il settore si trova ad affrontare.
SVIZZERA
12 ore
Disagi per tutti a causa della neve
In diverse località il traffico ferroviario e quello stradale sono rimasti perturbati
ZURIGO
12 ore
L'inganno per vaccinarsi più velocemente
Sempre più persone si dichiarano "a rischio" o utilizzano le loro conoscenze per ottenere il vaccino prima del previsto.
SVIZZERA
29.11.2020 - 12:080
Aggiornamento : 18:06

Imprese responsabili e materiale bellico: iniziative bocciate dalla maggioranza dei cantoni

In Ticino è stata approvata quella sulle imprese responsabili, mentre è stata bocciata quella sul materiale bellico

BERNA - Obiettivo fallito per l'iniziativa "Per imprese responsabili". Il testo, in virtù dell'opposizione di gran parte della Svizzera tedesca, non ottiene la maggioranza dei Cantoni, condizione fondamentale per superare lo scoglio delle urne. La proposta è comunque stata accettata dal 50,73% dei cittadini. Ma era necessaria anche la maggioranza dei Cantoni, trattandosi di una modifica della Costituzione. La partecipazione si è attestata al 47,02%.

Anche l'iniziativa “Per il divieto di finanziare i produttori di materiale bellico” è stata bocciata dalla maggioranza dei Cantoni. Ed è stata accolta soltanto da quattro cantoni. Ha detto no il 57,45% dei cittadini. La partecipazione era al 46,93%.

I risultati

Iniziativa “Per imprese responsabili - a tutela dell'essere umano e dell'ambiente”

L'iniziativa “Per imprese responsabili” è stata bocciata dalla maggioranza dei cantoni. Soltanto il Ticino, Neuchâtel e Giura hanno detto “sì” alla proposta. Il 50,73% dei cittadini ha detto “sì”.

I cantoni che hanno detto "no" - La proposta è già stata bocciata nei Cantoni Appenzello Esterno (56,52%), Appenzello Interno (65,02%), Argovia (56,93%), Basilea Campagna (45,73%), Glarona (52,86%), Grigioni (54,21%), Lucerna (55,91%), Nidvaldo (67,8%), Obvaldo (63,8%), San Gallo (57,68%), Sciaffusa (52,76%), Soletta (56,17%), Svitto (68,43%), Turgovia (57,65%), Uri (58,53%), Vallese (55,29%) e Zugo (64,76%).

Il Ticino ha detto “sì” - Per quanto riguarda il Ticino, dopo lo spoglio delle schede in tutti i comuni, è passato il "sì" con il 54,2% dei consensi (la partecipazione si attesta al 43,4%). Hanno inoltre detto “sì” anche Basilea Città (61,93%), Berna (54,6%), Friburgo (56,56%), Ginevra (64,16%), Giura (68,69%), Neuchâtel (64,6%), Vaud (59,84%) e Zurigo (52,83%).

I risultati

Iniziativa “Per il divieto di finanziare i produttori di materiale bellico”

L'iniziativa "Per il divieto di finanziare i produttori di materiale bellico" è stata respinta dalla maggioranza dei cantoni tra cui Ticino (55,21% di no) e Grigioni (61,26%). La proposta è stata bocciata dal 57,45% dei cittadini.

I cantoni che hanno già detto "no" - La proposta è già stata bocciata nei Cantoni Appenzello Esterno (63,62%), Appenzello Interno (71,23%), Argovia (63,52%), Basilea Campagna (57,14%), Berna (54,76%), Friburgo (54,9%), Glarona (66,03%), Grigioni (61,26%), Lucerna (63,09%), Nidvaldo (75,18%), Obvaldo (72,58%), San Gallo (64,26%), Sciaffusa (58,44%), Soletta (63,08%), Svitto (74,24%), Turgovia (66,17%), Uri (71,23%), Vallese (64,62%), Vaud (50,79%), Zugo (69,45%) e Zurigo (54,34%).

Un “no” anche ticinese - L'iniziativa sul finanziamento del materiale bellico è stato bocciato anche nel nostro cantone. Il 55,2% dei votanti ticinesi ha infatti detto “no” alla proposta (con una partecipazione del 43,39%).

"Sì" da quattro cantoni - La modifica costituzionale promossa dal Gruppo per una Svizzera senza esercito (GSsE) è stata accolta solo da Basilea Città (57,92%), Ginevra (53,12%), Giura (54,68%) e Neuchâtel (52,27%). 

Le reazioni

Dick Marty: «La battaglia non è finita» - «Se la vittoria non arriverà oggi, lo farà sicuramente domani». Si mostra ancora ottimista e battagliero, nonostante la sconfitta odierna, l'ex consigliere agli Stati ticinese Dick Marty, co-presidente del comitato dell'iniziativa "Per imprese responsabili".

Marty si è espresso nel corso di una diretta streaming del comitato. L'ex senatore ha ricordato che il testo, naufragato alle urne dopo essere stato bocciato dalla maggioranza dei Cantoni, è stato sostenuto da persone con background diversi e che anche persone a basso reddito hanno fornito il loro contributo tramite donazioni.

«Ora prenderemo in parola le società che durante la campagna hanno fatto promesse», ha affermato dal canto suo la co-presidente del PS e consigliera nazionale zurighese Mattea Meyer. Decine di migliaia di persone hanno votato sì, sottolineano gli iniziativisti, come testimoniano gli 80'000 cartelloni appesi in tutto il Paese, i 450 comitati locali creati e le oltre mezzo milione di cartoline redatte.

Economiesuisse tira un sospiro di sollievo - La direttrice romanda di economiesuisse Cristina Gaggini si dice molto sollevata dopo la bocciatura oggi in votazione popolare dell'iniziativa "Per imprese responsabili". A suo giudizio, il controprogetto, che ora entrerà in vigore a meno di referendum, basta e avanza per concentrarsi in maniera incisiva sui problemi prioritari.

Raggiunta da Keystone-ATS, Gaggini sottolinea come il testo fosse fonte di grande incertezza per l'insieme del tessuto economico svizzero, piccole e medie imprese comprese. Andando a punire secondo il diritto svizzero eventuali violazioni avvenute all'estero, avrebbe inoltre deteriorato le relazioni con gli altri Stati, profanandone la sovranità.

GSseE: «Il risultato non è male» - «Il risultato non è così male al momento», dice Thomas Bruchez, segretario del Gruppo per una Svizzera senza esercito (GSsE). I risultati indicano tuttavia che l'iniziativa "Per un divieto di finanziamento dei produttori di materiale bellico" è stata respinta dalla maggior parte dei cantoni e con una percentuale che attualmente è intorno al 60%.

«C'è comunque un'approvazione di circa il 40%», nota Bruchez. «Una parte della popolazione ci ha ascoltati». Bruchez tiene a sottolineare che il comitato d'iniziativa si è trovato di fronte a lobby economiche «estremamente potenti» e al Consiglio federale.

Bruchez indica che l'attuale tasso di approvazione mostra che «devono essere prese misure per il finanziamento degli armamenti da guerra». In particolare, egli menziona controlli più severi da parte della Segreteria di Stato dell'economia (SECO).

È soddisfatto il comitato contrario - Il comitato borghese (PLR, UDC, PPD, PBD) contro l'iniziativa "Per il divieto di finanziare i produttori di materiale bellico" si dice molto soddisfatto. Il testo - bocciato dalla maggior parte dei cantoni - sarebbe stato difficile da attuare. Secondo la consigliera nazionale Maja Riniker (PLR/AG) proponeva soluzioni estreme. In questi tempi di Covid-19 «avrebbe rappresentato un onere supplementare per l'economia».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-26 00:49:43 | 91.208.130.86