Archivio Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
FOTOGALLERY
ZURIGO
5 ore
Ora devi pagare di più per questi prodotti
Il prezzo di molti prodotti e servizi è aumentato o aumenterà nei prossimi mesi.
SVIZZERA
6 ore
«Dobbiamo portarli a non agire secondo le loro inclinazioni»
In Svizzera sta nascendo una nuova misura di aiuto per la prevenzione della pedofilia.
ZURIGO
6 ore
Attacco con un coltello, ragazzini feriti
Non è ancora chiara la dinamica. La polizia conferma l'alterco
SVIZZERA
10 ore
Oltre otto milioni ai profughi Rohingya
L'Onu ha lanciato oggi la raccolta fondi per le operazioni di aiuto agli esuli del Myanmar.
ARGOVIA
11 ore
Assicurato contro le epidemie: Helvetia deve pagare
La diatriba è nata dalla distinzione tra i termini "epidemia" e "pandemia". La ragione è stata data al ristoratore.
SVIZZERA
11 ore
Effetto pandemia: boom del riciclaggio di denaro
Il fenomeno è aumentato del 25% dal 2019. Oltre 1'000 i casi di sospetta truffa in relazione ai crediti Covid.
TURGOVIA
12 ore
Sedici anni di carcere, ma senza internamento
Il Tribunale ha in parte accolto il ricorso di un 64enne tedesco, condannato per l'assassinio di una sua connazionale.
FOTO
SVIZZERA
12 ore
Ecco il primo veicolo telecomandato in Svizzera
Il progetto coordinato da SwissMoves mira a potenziare il trasporto pubblico nelle zone periferiche
SVIZZERA
13 ore
Attenzione al caricabatterie: rischi di restare fulminato
Sotto accusa l'alimentatore di batterie USB Travel Charger a tre porte, modello APD1-222
SVIZZERA
14 ore
I ticinesi «fanno bene» a testarsi per andare in Italia
Gli esperti della Confederazione fanno il punto sulla situazione epidemiologica in Svizzera
VAUD
14 ore
A piedi in A1, muore investita
Una 27enne è deceduta ieri sera all'uscita di Nyon. La polizia cerca testimoni
SVIZZERA
14 ore
Altri 1240 contagi in Svizzera
I decessi nelle ultime 24 ore sono stati 10. Il bollettino giornaliero dell'UFSP
ZURIGO
14 ore
Oltre ottanta vetture modificate nella rete della polizia
È un bilancio di una serie di controlli effettuati in sedici giorni dalle autorità zurighesi
SVIZZERA
15 ore
Energia rinnovabile: fino a 100mila franchi annui per i Comuni modello
SvizzeraEnergia premia i Comuni che dimostreranno di portare avanti una politica energetica e climatica sostenibile.
SVIZZERA
15 ore
Inizio anno in Tribunale per Pierin Vincenz
Il processo contro l'ex presidente della direzione di Raiffeisen avrà luogo dal 25 al 29 gennaio 2022 a Zurigo.
FOTO
ZURIGO
16 ore
La koala Pippa è morta di leucemia
È il terzo marsupiale dello Zoo di Zurigo che perde la vita a causa del retrovirus negli ultimi anni.
SVIZZERA
16 ore
Domande d'asilo ancora in calo in Svizzera
Richieste di aprile al ribasso di quasi il 10% rispetto al mese di marzo.
SVIZZERA
16 ore
«L'iniziativa 99% mette a rischio impieghi e innovazione»
Il comitato contrario ha lanciato oggi la campagna: «Testo che colpirebbe duramente le aziende familiari e le startup».
SVIZZERA
17 ore
Ogni anno 24 bambini morti per infortunio: i prodotti pericolosi
L'Ufficio prevenzione infortuni lancia una campagna sui giocattoli, mobili e dispositivi sicuri al 100%.
SVIZZERA
29.11.2020 - 12:080
Aggiornamento : 18:06

Imprese responsabili e materiale bellico: iniziative bocciate dalla maggioranza dei cantoni

In Ticino è stata approvata quella sulle imprese responsabili, mentre è stata bocciata quella sul materiale bellico

BERNA - Obiettivo fallito per l'iniziativa "Per imprese responsabili". Il testo, in virtù dell'opposizione di gran parte della Svizzera tedesca, non ottiene la maggioranza dei Cantoni, condizione fondamentale per superare lo scoglio delle urne. La proposta è comunque stata accettata dal 50,73% dei cittadini. Ma era necessaria anche la maggioranza dei Cantoni, trattandosi di una modifica della Costituzione. La partecipazione si è attestata al 47,02%.

Anche l'iniziativa “Per il divieto di finanziare i produttori di materiale bellico” è stata bocciata dalla maggioranza dei Cantoni. Ed è stata accolta soltanto da quattro cantoni. Ha detto no il 57,45% dei cittadini. La partecipazione era al 46,93%.

I risultati

Iniziativa “Per imprese responsabili - a tutela dell'essere umano e dell'ambiente”

L'iniziativa “Per imprese responsabili” è stata bocciata dalla maggioranza dei cantoni. Soltanto il Ticino, Neuchâtel e Giura hanno detto “sì” alla proposta. Il 50,73% dei cittadini ha detto “sì”.

I cantoni che hanno detto "no" - La proposta è già stata bocciata nei Cantoni Appenzello Esterno (56,52%), Appenzello Interno (65,02%), Argovia (56,93%), Basilea Campagna (45,73%), Glarona (52,86%), Grigioni (54,21%), Lucerna (55,91%), Nidvaldo (67,8%), Obvaldo (63,8%), San Gallo (57,68%), Sciaffusa (52,76%), Soletta (56,17%), Svitto (68,43%), Turgovia (57,65%), Uri (58,53%), Vallese (55,29%) e Zugo (64,76%).

Il Ticino ha detto “sì” - Per quanto riguarda il Ticino, dopo lo spoglio delle schede in tutti i comuni, è passato il "sì" con il 54,2% dei consensi (la partecipazione si attesta al 43,4%). Hanno inoltre detto “sì” anche Basilea Città (61,93%), Berna (54,6%), Friburgo (56,56%), Ginevra (64,16%), Giura (68,69%), Neuchâtel (64,6%), Vaud (59,84%) e Zurigo (52,83%).

I risultati

Iniziativa “Per il divieto di finanziare i produttori di materiale bellico”

L'iniziativa "Per il divieto di finanziare i produttori di materiale bellico" è stata respinta dalla maggioranza dei cantoni tra cui Ticino (55,21% di no) e Grigioni (61,26%). La proposta è stata bocciata dal 57,45% dei cittadini.

I cantoni che hanno già detto "no" - La proposta è già stata bocciata nei Cantoni Appenzello Esterno (63,62%), Appenzello Interno (71,23%), Argovia (63,52%), Basilea Campagna (57,14%), Berna (54,76%), Friburgo (54,9%), Glarona (66,03%), Grigioni (61,26%), Lucerna (63,09%), Nidvaldo (75,18%), Obvaldo (72,58%), San Gallo (64,26%), Sciaffusa (58,44%), Soletta (63,08%), Svitto (74,24%), Turgovia (66,17%), Uri (71,23%), Vallese (64,62%), Vaud (50,79%), Zugo (69,45%) e Zurigo (54,34%).

Un “no” anche ticinese - L'iniziativa sul finanziamento del materiale bellico è stato bocciato anche nel nostro cantone. Il 55,2% dei votanti ticinesi ha infatti detto “no” alla proposta (con una partecipazione del 43,39%).

"Sì" da quattro cantoni - La modifica costituzionale promossa dal Gruppo per una Svizzera senza esercito (GSsE) è stata accolta solo da Basilea Città (57,92%), Ginevra (53,12%), Giura (54,68%) e Neuchâtel (52,27%). 

Le reazioni

Dick Marty: «La battaglia non è finita» - «Se la vittoria non arriverà oggi, lo farà sicuramente domani». Si mostra ancora ottimista e battagliero, nonostante la sconfitta odierna, l'ex consigliere agli Stati ticinese Dick Marty, co-presidente del comitato dell'iniziativa "Per imprese responsabili".

Marty si è espresso nel corso di una diretta streaming del comitato. L'ex senatore ha ricordato che il testo, naufragato alle urne dopo essere stato bocciato dalla maggioranza dei Cantoni, è stato sostenuto da persone con background diversi e che anche persone a basso reddito hanno fornito il loro contributo tramite donazioni.

«Ora prenderemo in parola le società che durante la campagna hanno fatto promesse», ha affermato dal canto suo la co-presidente del PS e consigliera nazionale zurighese Mattea Meyer. Decine di migliaia di persone hanno votato sì, sottolineano gli iniziativisti, come testimoniano gli 80'000 cartelloni appesi in tutto il Paese, i 450 comitati locali creati e le oltre mezzo milione di cartoline redatte.

Economiesuisse tira un sospiro di sollievo - La direttrice romanda di economiesuisse Cristina Gaggini si dice molto sollevata dopo la bocciatura oggi in votazione popolare dell'iniziativa "Per imprese responsabili". A suo giudizio, il controprogetto, che ora entrerà in vigore a meno di referendum, basta e avanza per concentrarsi in maniera incisiva sui problemi prioritari.

Raggiunta da Keystone-ATS, Gaggini sottolinea come il testo fosse fonte di grande incertezza per l'insieme del tessuto economico svizzero, piccole e medie imprese comprese. Andando a punire secondo il diritto svizzero eventuali violazioni avvenute all'estero, avrebbe inoltre deteriorato le relazioni con gli altri Stati, profanandone la sovranità.

GSseE: «Il risultato non è male» - «Il risultato non è così male al momento», dice Thomas Bruchez, segretario del Gruppo per una Svizzera senza esercito (GSsE). I risultati indicano tuttavia che l'iniziativa "Per un divieto di finanziamento dei produttori di materiale bellico" è stata respinta dalla maggior parte dei cantoni e con una percentuale che attualmente è intorno al 60%.

«C'è comunque un'approvazione di circa il 40%», nota Bruchez. «Una parte della popolazione ci ha ascoltati». Bruchez tiene a sottolineare che il comitato d'iniziativa si è trovato di fronte a lobby economiche «estremamente potenti» e al Consiglio federale.

Bruchez indica che l'attuale tasso di approvazione mostra che «devono essere prese misure per il finanziamento degli armamenti da guerra». In particolare, egli menziona controlli più severi da parte della Segreteria di Stato dell'economia (SECO).

È soddisfatto il comitato contrario - Il comitato borghese (PLR, UDC, PPD, PBD) contro l'iniziativa "Per il divieto di finanziare i produttori di materiale bellico" si dice molto soddisfatto. Il testo - bocciato dalla maggior parte dei cantoni - sarebbe stato difficile da attuare. Secondo la consigliera nazionale Maja Riniker (PLR/AG) proponeva soluzioni estreme. In questi tempi di Covid-19 «avrebbe rappresentato un onere supplementare per l'economia».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-19 04:16:50 | 91.208.130.85