Cerca e trova immobili

SVIZZERARiempita di minacce e ingiurie online: lo sfogo della virologa

14.10.20 - 09:17
Isabella Eckerle è intervenuta pubblicamente per mettere uno stop alla valanga di insulti e minacce
Keystone
Isabelle Eckerle, virologa ginevrina.
Isabelle Eckerle, virologa ginevrina.
Fonte Sven Forster / 20 Minuten
Riempita di minacce e ingiurie online: lo sfogo della virologa
Isabella Eckerle è intervenuta pubblicamente per mettere uno stop alla valanga di insulti e minacce
L'esperta è stata bersagliata dopo un'apparizione al talk show tedesco "Maybrit Illner"

GINEVRA - La virologa ginevrina Isabella Eckerle è diventata il bersaglio di scettici e negazionisti del coronavirus, che l'hanno riempita di insulti, ingiurie e minacce.

L'esperta non ne può più, e ha esternato pubblicamente la propria volontà di agire contro gli autori dei messaggi d'odio.

Il tutto ha avuto il via dopo un'apparizione al talk show tedesco della ZDF "Maybrit Illner", in seguito al quale la virologa è stata coperta di minacce e insulti su internet.

Eckerle si è sfogata, a riguardo, su Twitter: «Vorrei informare tutti coloro che mi hanno inviato e-mail contenenti ingiurie e minacce che questo è un reato punibile sia in Germania che in Svizzera». Eckerle ha poi proseguito: «Ogni attacco sarà documentato e trasmesso al nostro ufficio legale, e gli autori dovranno fare i conti con le conseguenze che ne risultano»

Eckerle non ha voluto raccontare le minacce ricevute. Tuttavia, ha dichiarato che dopo quest'episodio ha deciso di ridurre al minimo la sua presenza mediatica e di concentrarsi sul lavoro di laboratorio.

È dal 2018 che l'esperta dirige il reparto malattie infettive degli ospedali universitari di Ginevra, ed è considerata una virologa rinomata ed esperta in ambito di coronavirus.

Come scrive il quotidiano elvetico "Nau", anche Martin Ackermann, capo della task force scientifica Covid-19 della Confederazione, è consapevole (e bersaglio) di minacce simili. «Molti membri della task force scientifica ricevono regolarmente lettere con insulti, ingiurie o minacce» conferma Ackerman, che lo definisce un problema «inaccettabile», tanto più visto che i membri della task force si mettono a disposizione volontariamente e senza alcuna retribuzione.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

pillola rossa 3 anni fa su tio
Per par condicio pubblicate anche il suo intervento... Pietro Vernazza, Chefarzt Infektiologie des Kantonsspitals SG (AG Zeitung)

pillola rossa 3 anni fa su tio
"Eckerle non ha voluto raccontare le minacce ricevute. Tuttavia, ha dichiarato che dopo quest'episodio ha deciso di ridurre al minimo la sua presenza mediatica e di concentrarsi sul lavoro di laboratorio." Ottimo!

pillola rossa 3 anni fa su tio
Spiegassero almeno perché... quali sono state le sue esternazioni? Come hanno reagito le persone? Questo articolo non spiega nulla

don lurio 3 anni fa su tio
Signora Isabella , non ci faccia caso , chi dice insulti e minacce semina vento e raccoglie tempesta. Sono tutti quelli che non hanno pagato la cassa malati, e quelli che l'hanno pagata ed insulta sta per ammalarsi del coronavirus.
NOTIZIE PIÙ LETTE