Cerca e trova immobili

SVIZZERA«Berna si faccia sentire in Bielorussia»

25.08.20 - 20:23
La Commissione di politica estera del Nazionale condanna la repressione messa in atto dal regime di Lukashenko.
Keystone (archivio)
Fonte ats
«Berna si faccia sentire in Bielorussia»
La Commissione di politica estera del Nazionale condanna la repressione messa in atto dal regime di Lukashenko.
Secondo la Commissione il Governo deve esigere che Minsk rispetti i diritti umani e rilasci tutti i prigionieri politici.

MINSK - La situazione in Bielorussia preoccupa la Commissione di politica estera del Nazionale. In una nota diffusa in serata essa chiede al Consiglio federale di esigere che il regime di Alexander Lukashenko rispetti i diritti umani e rilasci immediatamente tutti i prigionieri politici.

La commissione si dice «particolarmente scioccata dalle notizie delle pesanti violazioni dei diritti umani perpetrate contro i membri dell'opposizione e i manifestanti pacifici». Condanna inoltre duramente la repressione messa in atto dal regime.

La Bielorussia è scossa da un'ondata di proteste senza precedenti, scatenata dall'annuncio dei risultati delle elezioni presidenziali del 9 agosto. Alexander Lukashenko si è imposto con l'80% dei voti, un risultato considerato fraudolento.

I bielorussi sono scesi in strada in massa per esprimere il loro malcontento. Domenica erano circa 100'000 nella capitale Minsk. Anche se il numero dei manifestanti non sembra diminuire, il capo dello Stato ha intensificato la repressione.

In una dichiarazione adottata con 16 voti favorevoli, 3 contrari e 1 astensione, la commissione chiede al Consiglio federale di prendere una serie di misure. In primo luogo deve esortare il regime di Alexander Lukashenko a rispettare i diritti umani, inclusi il divieto di tortura, la libertà d'opinione, la libertà di riunione e la libertà di stampa, e a rilasciare immediatamente tutti i prigionieri politici.

La commissione invita inoltre l'esecutivo ad adottare tutte le misure necessarie affinché le sanzioni ad personam dell'UE contro le persone coinvolte nei brogli elettorali e nelle violenze contro i manifestanti pacifici non possano essere aggirate sul territorio svizzero.

Il governo deve poi sostenere l'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) nell'invio di una missione d'inchiesta. Il Consiglio federale è infine chiamato a impegnarsi in un dialogo che consenta lo svolgimento di elezioni libere ed eque.

COMMENTI
 

seo56 3 anni fa su tio
Ma chi la “ca@@“ la Svizzera!

streciadalbüter 3 anni fa su tio
E la neutralita`svizzera dove la mettiamo?Sotto il cuscino?E`ora che ci si interessi piu`dei nostri problemi,che sono tanti,che interessarsi di cosa succede in Bielorussia.Ufelee,fa ul to mestee.

VECCHIOTTO 3 anni fa su tio
Risposta a streciadalbüter
Bravo. Niente da aggiungere
NOTIZIE PIÙ LETTE