TiPress - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
2 ore
La 31enne già vaccinata, ed è subito polemica
La donna ha esibito il certificato di vaccinazione sui social. Ma ci sono over 80 ancora in attesa.
GRIGIONI
3 ore
Nuova variante identificata a scuola: pronti i test a tappeto
L'istituto sarà chiuso fino al 6 febbraio, mascherina obbligatoria nel comune
SVIZZERA
4 ore
Ritardi anche per Moderna
Lo ha confermato l'UFSP, che non ha però specificato l'effetto dei ritardi sulle forniture elvetiche
SVIZZERA
6 ore
Il Governo raccoglie ampi consensi dopo gli adeguamenti odierni
Partiti e associazioni hanno accolto favorevolmente i provvedimenti.
SVIZZERA
6 ore
«Ecco cosa cambia per i test»
Il Consiglio federale e l'Ufsp hanno cambiato strategia per quanto riguarda l'esecuzione di tamponi.
LUCERNA
8 ore
Dal ritiro della patente all'arresto per una piantagione di canapa
La vicenda - avvenuta nel Canton Lucerna - era cominciata con un automobilista incappato in un controllo della polizia
SVIZZERA
9 ore
In Svizzera 2'222 casi, 58 decessi e 85 ricoveri
Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 27'204 tamponi. L'8,2% di questi è risultato positivo al Covid-19
BASILEA CITTA'
9 ore
Lonza vuole aumentare la produzione del vaccino di Moderna
Con 7,5 milioni di dosi ordinate, l'"antidoto" ha un ruolo centrale nel piano di vaccinazione svizzero.
SVIZZERA
10 ore
Altri miliardi per i casi di rigore e aiuti per i disoccupati
Il Consiglio federale ha deciso di portare da 2,5 a 5 i miliardi da destinare alle aziende in difficoltà.
SVIZZERA
10 ore
In Svizzera solo col test negativo (se si arriva da un paese a rischio)
Il Consiglio federale punta anche su un maggiore impiego dei test rapidi per individuare gli asintomatici
SVIZZERA
12 ore
Consiglieri federali già vaccinati: «Abbiamo solo sette ministri, non 21»
Nonostante nessuno abbia più di 75 anni, Ignazio Cassis difende la scelta di vaccinare i membri del Governo.
VIDEO
ZURIGO
12 ore
In arresto il pirata con lo Jägermeister, sequestrata l'auto
Qualche settimana fa un gruppo di giovani si è filmato a folle velocità sull'autostrada.
FRIBURGO
12 ore
Il carrello non esce e l'aereo finisce nella neve
Spettacolare incidente, fortunatamente senza gravi conseguenze, quello avvenuto ieri all'aerodromo di Ecuvillens
SVIZZERA / CANTONE
07.05.2020 - 08:030
Aggiornamento : 09:47

Ancora più disoccupazione, non accadeva dal 2017

Il tasso ha raggiunto il 3,3%. A fine aprile 17'789 persone in più del mese prima erano iscritte all'URC.

In Ticino il tasso si è attestato al 4,0% (+1,3 rispetto ad aprile 2019), con 723 disoccupati in più rispetto a marzo

BERNA - L'epidemia di coronavirus incide profondamente sul mercato del lavoro: in aprile il tasso di disoccupazione in Svizzera è balzato al 3,3%, rispetto al 2,9% di marzo. Si tratta del tasso di disoccupazione più alto dal marzo 2017.

A fine aprile, 153’413 persone erano iscritte presso gli uffici regionali di collocamento (URC), ossia 17’789 in più in confronto al mese precedente. Su base annua, il numero dei senza lavoro è cresciuto di 46’115 unità, informa oggi tramite un comunicato la Segreteria di Stato dell'economia (SECO).

 

La differenza tra i cantoni - In Ticino il tasso si è attestato al 4,0% (+0,4 punti percentuali rispetto a marzo e +1,3 rispetto a aprile 2019). La quota cresce in modo meno marcato che in altre regioni del paese, perlomeno nel raffronto mensile. Più consistenti sono gli incrementi a Ginevra (+0,5 punti a 5,0%), Vaud (+0,5 a 4,9%), Vallese (+0,8 mensile a 4,5%) e soprattutto Grigioni (+1,4 punti a 3,4%), che sono in assoluto la regione elvetica che presenta il balzo più forte, anche nel raffronto annuo (+1,9 punti).

6'893 persone senza lavoro - Il Ticino - con un tasso che è il sesto più elevato della Svizzera - i senza lavoro sono 6'893, 723 in più di marzo e 2'307 in più di aprile 2019. A titolo di confronto, la media annua del 2019 è stata di 4'773, quella del 2018 di 4'953. I Grigioni hanno 3'772 senza lavoro (+1'597 mensile, +2'055 annuo), con una media degli ultimi due anni rispettivamente di 1'272 e 1'476.

Non c'è chi non è iscritto alla disoccupazione - Tornando ai dati nazionali, va rilevato che pur avendo subito un mini-balzo il tasso rimane ai livelli contenuti in prospettiva storica. A titolo di confronto gli ultimi dati di aprile erano stati 3,1% (2015), 3,3% (2016), 3,2% (2017) e 2,6% (2018). Le quote di senza lavoro registrate dalla SECO sono comunque tradizionalmente basse: negli ultimi 20 anni il valore mensile più elevato è stato del 4,3%, osservato nel gennaio 2004. Va anche rilevato come i dati sulla disoccupazione non tengano conto di coloro che hanno esaurito il diritto a ricevere le prestazioni e che ad esempio vivono di risparmi o si trovano a beneficio dell'assistenza.

In difficoltà la fascia 25-49 anni - Setacciando in dettaglio le tabelle relative ad aprile 2020 emerge che fra i giovani la disoccupazione è del 3,3% (+0,5 mensile, +1,3 annuo); la fascia dei 25-49enni segna 3,6% (+0,4 mensile, +1,1 annuo); i lavoratori ultra 50enni sono al 3,0% (+0,3 mensile, +0,7 annuo). I disoccupati di lunga durata (cioè quelli iscritti agli URC da oltre un anno) erano 17'110: 172 giovani, 8'553 25-49enni e 8'308 ultra 50enni.

I dati per nazionalità - Leggendo i dati in base alla nazionalità, gli svizzeri presentano una quota di senza lavoro del 2,4% (+0,3 mensile, +0,7 annuo), gli stranieri del 5,8% (+0,6 e +1,7). Fra chi non ha il passaporto rosso le differenze sono comunque notevoli: fermo restando che nessuna comunità presenta valori inferiori a quelli relativi ai cittadini elvetici, lo scarto è ancora ridotto per tedeschi (3,7%), ma si fa già più consistente per gli italiani (5,6%) e i francesi (6,3%). I dati più elevati sono registrati da bulgari (12,3%), africani (che la SECO considera nel loro insieme, 10,7%), rumeni (9,5%), kosovari (8,4%), polacchi (8,1%) e ungheresi (pure 8,1%). Nel loro insieme i 28 paesi dell'Ue (5,4%), con cui vige la libera circolazione delle persone, presentano una quota più che doppia di quella mostrata dagli svizzeri.

Disoccupati o senza lavoro? - I dati diffusi dalla SECO si basano sulle persone effettivamente iscritte agli URC. La definizione è quindi diversa da quella dei disoccupati ai sensi dell'Ufficio internazionale del lavoro (ILO), che opera attraverso sondaggi e che rende nota la sua stima trimestralmente: l'ultima disponibile - pubblicata a metà febbraio- dà la disoccupazione in Svizzera nel quarto trimestre al 3,9%. Lo scarto fra i due dati - quello della SECO e quello ILO - suscita spesso acceso dibattito.

I disoccupati sono solo una parte del totale delle persone in cerca di impiego: quelle registrate presso gli URC in aprile erano 231'196, 17'299 in più rispetto al mese precedente e 47'647 in più di un anno prima. In Ticino erano 11'103 (+5,2% mensile, +27,0% annuo), nei Grigioni 4'921 (ancora più forti gli incrementi: +30,3%, +81,9%).

Si riferisce invece a febbraio l'ultima informazione riguardo alle persone che hanno esaurito il loro diritto alle prestazioni dell'assicurazione contro la disoccupazione: erano 2'351.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-28 00:59:29 | 91.208.130.89