Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA
1 ora
Una giovane coppia muore sulle Prealpi bernesi
25 anni lei, 31 lui, sono caduti durante un'escursione nella zona del massiccio delle Sieben Hengste.
FOTO
ZURIGO
3 ore
«Il fumo si vede da chilometri di distanza»
Un gigantesco incendio è divampato questo pomeriggio in un'area aziendale di Hinwil.
SVIZZERA
3 ore
Riuscito il referendum contro la legge Covid-19 (più altri due)
Oltre 90'000 delle firme raccolte dal comitato sono state validate dalla Cancelleria federale.
ZURIGO
3 ore
Contro gli assembramenti, la polizia sfodera le telecamere
A Zurigo entra in funzione una videosorveglianza provvisoria per tenere sotto controllo la situazione nei weekend
BERNA
4 ore
Cassa malati: regole più chiare per la trasmissione dei dati
È quanto prevede un progetto adottato oggi dal Consiglio nazionale che ha appianato le ultime divergenze con gli Stati.
BERNA
4 ore
Lite in un appartamento, in tre con ferite da arma da taglio
Sconosciute al momento le cause che hanno portato all'alterco.
ZURIGO 
4 ore
Sorveglianza video per alcuni posti molto frequentati
La misura è inizialmente prevista per un mese e sarà attuata solo il venerdì e il sabato dalle 21 alle 5 del mattino.
SVIZZERA
5 ore
Riaperture: Maurer più prudente di quanto si pensasse?
Secondo il Tages-Anzeiger, il ministro UDC voleva mantenere la chiusura dei ristoranti fino al prossimo 19 aprile
BERNA
5 ore
Un minuto di silenzio per le vittime del Covid
Questo venerdì si rivolgerà loro un pensiero a un anno esatto dal primo decesso legato al virus.
GRIGIONI
6 ore
La carta igienica come simbolo dei nostri valori
L'artista grigionese Marc Bundi presenta una piramide realizzata con oltre 2'000 rotoli
SAN GALLO
6 ore
Un ponticello cede sotto il peso di un camion
È successo nella località sangallese di Sevelen. Non si registrano feriti
SVIZZERA
6 ore
In Svizzera altri sette decessi legati al Covid
Nelle ultime ventiquattro ore sono stati registrati 1'223 nuovi contagi
SVIZZERA
6 ore
Carenza di prodotti medici a causa dell'accordo quadro? Berna tranquillizza
Medici, ospedali e rappresentati dell'industria esprimono i loro timori in una lettera indirizzata ad Alain Berset.
BERNA
17.04.2020 - 20:150

Niente obbligo di mascherina: economia delusa

Le organizzazioni di settore esprimono il loro malcontento per la strategia d'uscita del Consiglio federale.

BERNA - È rimasto deluso chi si aspettava che dalla conferenza stampa di ieri, nella sua strategia di ritorno alla normalità, il Consiglio federale ci dicesse che le mascherine sono importanti per difenderci dal coronavirus e che dovremmo obbligatoriamente indossarle tutti. Berna ha deciso di adottare una linea più soft. Il consigliere federale Alain Berset ha parlato di un obbligo della mascherina protettiva per i parrucchieri e altri settori a stretto contatto con la clientela. I dettagli, però, devono essere ancora definiti. 

Dunque un obbligo generalizzato di portare la mascherina è fuori discussione. Almeno per ora.  È stato spiegato che indossarne una non è vietato, ma che la cosa più indispensabile è continuare a rispettare le misure igieniche e la distanza sociale.

L'economia storce il naso: «Vogliamo misure aggiuntive» - Sono soprattutto le aziende a essere rimaste deluse. Si aspettavano qualcosa in più. Swissmem, l'associazione delle industrie meccaniche, elettriche e metalliche, ha commentato il piano di ritorno alla normalità così: «Swissmem sostiene questo primo passo del Consiglio federale, ma si rammarica per l'approccio piuttosto esitante. Ulteriori misure aggiuntive come i test su larga scala e l'uso diffuso di maschere protettive e igieniche consentirebbero un intervento più rapido».

Inoltre, l’organizzazione auspica che la manodopera straniera possa tornare a entrare in Svizzera proprio grazie alle maschere: «In quanto Paese interconnesso a livello globale, la Svizzera dovrebbe tornare a permettere l’ingresso di professionisti provenienti dall’Ue e da Paesi terzi a partire da maggio», sostiene. «In ogni caso bisognerebbe imporre misure di protezione speciali, come per esempio le mascherine protettive, al fine di escludere un rischio di contagio», aggiunge.

Economiesuisse è dello stesso avviso: «Ai professionisti e ai clienti stranieri dovrebbe essere di nuovo permesso di entrare imponendo determinate misure di sicurezza, come una breve quarantena o l’obbligo d'indossare la mascherina», afferma.

La ristorazione «molto delusa» - GastroSuisse si dice addirittura «molto delusa» dalla strategia d’uscita del Consiglio federale. Anche per via della timidezza del governo riguardo alle mascherine: «A nostro avviso, l’allentamento della serrata imposta al settore della ristorazione sarebbe stato realistico con l’osservanza di rigide misure di protezione», afferma il presidente Casimir Platzer.

Platzer fa notare che al governo federale è stato sottoposto un piano che prevedeva di limitare il numero di clienti per metro quadrato. A questo provvedimento si aggiungeva l’imposizione di una distanza minima tra i tavoli e l’obbligo di portare la mascherina di protezione almeno dietro le quinte. In sala, invece, questa protezione sarebbe stata necessaria solo se le regole sulla distanza non avessero potuto essere rispettate.

Sindacati contro l'obbligo di mascherina - I sindacati la vedono diversamente. «L’organizzazione sindacale Travailsuisse si attiene alle raccomandazioni dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ed è contraria a un obbligo generalizzato di mascherina», fa sapere a 20 Minuten il presidente Adrian Wüthrich. «Perché un simile obbligo sia possibile, lo Stato deve dapprima rendere disponibile un numero sufficiente di mascherine - aggiunge -. Gli ospedali hanno la massima priorità». Secondo l’organizzazione, le mascherine sono necessarie solo laddove non sia possibile rispettare la distanza sociale, come nel settore delle cure e nei saloni di parrucchiere. 

«Il Consiglio federale giudica l’utilità delle mascherine troppo limitata. L’Unione sindacale svizzera a tal proposito non dispone di opinioni più qualificate di quelle degli esperti della Confederazione e sostiene pertanto la posizione di evitare un obbligo generalizzato di mascherina», dichiara dal canto suo l’USS. In casi specifici, tuttavia, questo dispositivo di protezione può essere assai sensato, aggiunge. 

Anche l'infettivologo contro - Così come l’UFSP, anche l’infettivologo Gerhard Eich ritiene che la distanza sociale sia la misura più importante per impedire la diffusione del virus. Secondo il primario d'infettivologia, igiene ospedaliera e medicina del lavoro del nosocomio zurighese Waid und Triemli, le mascherine andrebbero portate laddove non sia possibile rispettare le distanze sociali. 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-03-03 20:09:33 | 91.208.130.86