Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA
6 ore
Uomo senza vita trovato in un tunnel ferroviario
È successo nell'Oberland bernese. La vittima è stata investita da un treno
SVIZZERA / INDONESIA
6 ore
Materiale medico ha preso il volo per l'Indonesia
La Svizzera ha donato 600 concentratori di ossigeno, 12'000 tute e 45'000 mascherine
BERNA
7 ore
Lite con accoltellamento
Un uomo è stato ferito a Berna. La polizia cerca testimoni
FOTO
ZUGO
7 ore
Carambola sulla strada: quattro feriti
Nel Canton Zugo un 85enne ha urtato più auto e motociclette
SVIZZERA / GIAPPONE
8 ore
Parmelin a tu per tu col primo ministro giapponese
Tra gli argomenti affrontati anche l'aggiornamento dell'accordo di libero scambio
URI
10 ore
Gottardo: fine settimana al via con 14 km di coda
Tempi d'attesa oltre le 2 ore al portale nord. Ieri si erano già raggiunti i 10 chilometri.
BERNA
10 ore
Guida del PLR: c'è chi propone una copresidenza svizzero tedesca-romanda
Il candidato sangallese Marcel Dobler ha detto di non conoscere abbastanza il francese. E di voler continuare a lavorare
SVIZZERA
11 ore
I capi vogliono sapere se i loro dipendenti sono vaccinati
L'amministratore delegato di Roche sostiene l'uso del certificato Covid sul posto di lavoro.
TURGOVIA
21 ore
Rifiuta la mascherina, si oppone alla multa e riceve un rimborso
L'uomo, che si trovava in treno, non si è fatto convincere nemmeno dalla Polizia ferroviaria.
BASILEA CAMPAGNA
23 ore
Minacciato di morte perché voleva offrire il caffè ai vaccinati
Il titolare di un ristorante aveva pensato di fare un regalo alla clientela immunizzata.
ZURIGO
1 gior
Canoista disperso nella Limmat: «L'abbiamo visto andare a fondo»
È entrato in acqua malgrado il divieto di navigazione e di balneazione. Lanciata una vasta ricerca.
SAN GALLO
1 gior
Ordigno inesplosa sulle rive del Sitter, era lì da cent'anni
La granata è stata rimossa oggi dagli specialisti dell'esercito. Proviene da un pezzo d'artiglieria svizzera.
SVIZZERA/GIAPPONE
1 gior
Panne all'aereo, Parmelin non ha potuto incontrare l'imperatore
Il jet del Consiglio federale ha avuto un problema tecnico che ha causato ritardi.
SVIZZERA
1 gior
La grandine presenta la "fattura" più pesante
Temporali e inondazioni. Tra giugno e luglio il maltempo si è fatto sentire in tutta la Svizzera.
SVIZZERA
16.04.2020 - 15:150
Aggiornamento : 17:09

«Non dimentichiamoci di mantenere le distanze»

Il Consiglio federale ha presentato la strategia d'uscita dal lockdown. Si comincia il prossimo 27 aprile.

Il periodo di transizione prevede attualmente tre tappe. Resta valida la raccomandazione di restare a casa.

BERNA - Il lockdown resta in vigore fino al prossimo 26 aprile. E poi cosa succederà? Si tornerà gradualmente alla normalità, come stabilito oggi dal Consiglio federale: una riapertura in tre tappe, che - lo auspica il Governo federale - deve avvenire in maniera coordinata su tutto il territorio elvetico. Ne parlano in conferenza stampa la presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga, e i consiglieri federali Alain Berset e Guy Parmelin.

«Le misure adottate stanno funzionando, la diffusione del virus è rallentata: è una buona notizia» esordisce Sommaruga, che annuncia un'altra buona notizia: il graduale allentamento delle misure, a partire dal prossimo 27 aprile. Ma si vuole evitare che la curva dei contagi ricominci a salire, per questo l'invito è di continuare a seguire le indicazioni sulla distanza sociale e sulle norme igieniche. La strategia d'uscita prevede già le prime tre fasi. Questo dà a tutti di avere una prospettiva. «La transizione ha inizio» afferma Berset, che sottolinea: «Se ora possiamo compiere questo passo è perché le misure adottate sono state rispettate. Ma non dimentichiamo di continuare a mantenere le distanze e di rispettare le norme igieniche». Insomma, resta valida la raccomandazione di restare a casa ed evitare spostamenti non essenziali.

Ospedali, fai da te e parrucchieri - La prima tappa riguarda in particolare parrucchieri, saloni per massaggi e di bellezza, che potranno riprendere la loro attività a partire dal prossimo 27 aprile. La riapertura vale anche per i centri del fai da te e di giardinaggio, e per i negozi di fiori. Ma dovranno presentare un convincente concetto per la protezione di personale e dipendenti, spiega Sommaruga. Anche gli ospedali potranno ritornare a effettuare interventi non urgenti. E potranno ricominciare i trattamenti ambulatoriali. Si parla anche di funerali, che saranno aperti alla cerchia familiare (non più alla sola stretta cerchia familiare).

A scuola dall'11 maggio - Se l'andamento della pandemia lo permetterà, a partire dall'11 maggio potranno poi riaprire le scuole obbligatorie e tutti gli altri negozi.

Terza fase dall'8 giugno - All'8 giugno toccherà invece alle scuole post-obbligatorie e alle università, come pure ai musei, agli zoo e alle biblioteche. E a questo punto si parla anche di un graduale allentamento del divieto di assembramenti. «Le prime due tappe saranno messe in atto senza la possibilità di effettuare un vero e proprio monitoraggio, ma poi sarà assolutamente necessario analizzare la situazione e le conseguenze delle riaperture» spiega Berset. Verso la fine di maggio si potrà poi decidere se la terza fase potrà partire davvero il prossimo 8 giugno.

I grandi eventi - Il Consiglio federale intende analizzare a fondo la situazione, in particolare sull'organizzazione dei grandi eventi ancora in programma. E sarà quindi presa una decisione anche su questo tema. «Oggi non è ancora possibile parlare dei mesi estivi». È comunque chiaro che, afferma Berset, i grandi eventi rientreranno in una delle ultime fasi per il ritorno alla normalità. In altri paesi i grandi eventi sono già stati vietati fino alla fine di agosto.

Le mascherine? «Non è proibito indossarle» - Berset parla anche delle mascherine: indossarle o meno? La questione è dibattuta da settimane. Ma il ministro ricorda che le decisioni del Consiglio federale si basano sempre su esperti e studi scientifici. E mantiene la linea secondo cui la mascherina serve agli operatori sanitari e ai malati. Comunque afferma che non è proibito indossarle. E che un obbligo sarà verosimilmente introdotto per le attività che prevedono contatti personali, per esempio i parrucchieri.

L'attestato nonostante il virus - Si parla anche di formazione professionale, che quest'estate in Svizzera si concluderà per circa 75'000 giovani. Giovani che - se disporranno delle competenze richieste - potranno ottenere un attestato federale di capacità o un certificato federale di formazione pratica riconosciuto dal mercato del lavoro, nonostante il coronavirus. Questo grazie all'accordo raggiunto lo scorso 9 aprile dai partner della formazione professionale e oggi adottato dal Consiglio federale. Per il lavoro pratico ogni formazione professionale di base selezionerà un'unica variante realizzabile in tutta la Svizzera, mentre gli esami saranno sostituiti dai voti scolastici.

Venti milioni per la ricerca - Per combattere la crisi del coronavirus in Svizzera, il Consiglio federale ha deciso di puntare anche sulla ricerca e ha lanciato il programma “Covid-19”, che durerà 24 mesi e sarà finanziato con venti milioni di franchi prelevati da fondi esistenti. «In ambito biomedico e clinico - spiega il Governo federale - servono urgentemente studi che permettano d'identificare modalità di trasmissione ed effetti del virus, nonché di mettere a punto trattamenti (misure diagnostiche e terapeutiche) per combatterlo».


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-07-24 19:40:03 | 91.208.130.87