Keystone (archivio)
SVIZZERA
20.03.2020 - 10:100
Aggiornamento : 11:06

«Sempre più persone hanno bisogno di aiuti»

L'epidemia di coronavirus sta avendo ripercussioni drammatiche su molte famiglie

Tante persone temono di perdere il lavoro, mentre altre che vivevano già prima con redditi modesti potrebbero non farcela a pagare le fatture.

BERNA - La crisi generata dal coronavirus ha ripercussioni drammatiche su numerose famiglie e persone che già prima vivevano con il minimo esistenziale. Caritas riceve sempre più richieste di sostegno e sta cercando di organizzare aiuti misurati.

Molte persone, che già prima della crisi avevano redditi modesti, vivono in un clima d'incertezza. Tanti temono di perdere il posto di lavoro e le persone senza un impiego fisso devono far fronte a un calo delle entrate. Il numero di clienti che fanno la spesa nei 21 negozi Caritas in tutta la Svizzera è nettamente aumentato.

Alla paura di non riuscire a pagare le fatture del medico, i premi della cassa malati o l'affitto si aggiungono anche altri problemi, sottolinea un comunicato. Le famiglie devono organizzare la custodia dei figli e l'assistenza ai parenti bisognosi di cure. Per i genitori che lavorano nel settore sanitario, in particolare, i turni continuano ad aumentare e diventano sempre più lunghi, rendendo difficile potersi occupare anche della famiglia.

"In questa situazione precaria, le persone hanno bisogno del nostro sostegno. Insieme alle nostre organizzazioni partner della rete svizzera di Caritas stiamo attualmente valutando come predisporre in modo mirato gli aiuti nelle settimane a venire", spiega Hugo Fasel, direttore di Caritas Svizzera.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
volabas 1 anno fa su tio
Il famoso miliardo e passa di " coesione".. adesso che se lo vadano a riprendere e lo diano ai cittadini svizzeri ( ovvio che sa po' mia), questo è uno dei tanti nodi che cominciano a venire al pettine..altri seguiranno, grazie ai besughi della politica e magnaccia vari
fgreto 1 anno fa su tio
....ma perché qui in svizzera una benedetta volta la politica non prende posizione. Stop alle fatture della cassa malattia subito per 6 mesi . Gia guadagnavo 3000 fr ora mi tocca anche il 20% in meno bene aiutare le aziende ma la gente, le famiglie le persone bisognose questi per loro sono gia cadaveri .
fgreto 1 anno fa su tio
....ma perché qui in svizzera una benedetta volta la politica non prende posizione. Stop alle fatture della cassa malattia subito per 6 mesi . Gia guadagnavo 3000 fr ora mu tocca anche il 20% in meno bene aiutare le aziende ma la gente, le famiglie le persone bisognose questi per loro sono gia cadaveri .
Mag 1 anno fa su tio
Ma tutti i soldi buttati nel gabinetto per gli studi sociali di questo e di quello ... e nessuno mai ha fatto uno studio sulle capacità di risposta delle strutture sanitarie in caso di emergenza? Si osserva ora più che mai La mancanza di predizione e lungimiranza da parte dei "dirigenti" delle istituzioni pubbliche preposte non solo è assente, ma è "criminogena". Le misure attuali sono giustificate e giustificabili SOLO per l'assenza di strutture sanitarie preposte, ma chi ci doveva pensare a questo, Gigi di VIganello? I virus esistono da millenni!!!!
Equalizer 1 anno fa su tio
@Mag L'emergenza a partire dagli anni 80 è sempre stato uno scenario sottovalutato, preso in considerazione sì ma sottovalutato nell'economia privata, probabilmente dopo questi fatti per una decina d'anni si alzerà un po' la soglia di attenzione ma poi si tornerà come prima.
Mag 1 anno fa su tio
@Equalizer Non penso, ma solo perché a causa dei cambiamenti climatici i virus la faranno da padrone per i prossimi 20 anni. Siamo noi che dobbiamo adeguarci ai virus, loro non si adeguano a nessuno.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-19 12:52:07 | 91.208.130.89