TiPress (archivio)
BERNA
02.06.2019 - 10:180

La proposta di Meyer per prendersi BLS

Il CEO di FFS avrebbe offerto una cifra tra i 50 e i 60 milioni di franchi per acquistare la quota della compagnia concorrente detenuta dal Cantone

BERNA - Fra i 50 e i 60 milioni di franchi per mettere le mani su BLS. È la cifra che il Ceo delle FFS, Andreas Meyer, avrebbe proposto al Consiglio di Stato bernese per l'acquisto della quota che il cantone detiene nelle compagnia ferroviaria concorrente, pari al 55% del capitale azionario. È quanto scrive oggi la SonntagsZeitung, citando informazioni raccolte presso il presidente del governo bernese, Christoph Neuhaus.

La somma era leggermente più elevata rispetto al corso delle azioni, rileva ancora il settimanale, precisando che si è trattato di un'offerta informale, effettuata durante un pranzo di lavoro avvenuto lunedì scorso fra Meyer e Neuhaus, responsabile del dipartimento cantonale dei trasporti e dell'energia.

Interpellate in merito dal giornale, le FFS non hanno voluto confermare l'incontro. Neuhaus lo ha invece fatto, precisando di aver respinto l'offerta, e aggiungendo che "50 o 60 milioni non sono un prezzo che ti portano a pensare di vendere BLS". Secondo la SonntagsZeitung, le FFS avrebbero l'intenzione di eliminare la concorrenza, dopo che l'Ufficio federale dei trasporti (UFT) ha attribuito lo scorso anno a BLS due concessioni per il traffico a lunga distanza, incrinando quella che per anni era stata una convivenza pacifica fra le due compagnie.

Due giorni dopo il pranzo di lavoro, sempre secondo la stampa domenicale, la direzione delle FFS avrebbe incontrato quella di BLS per un colloquio sulla cooperazione fra le due compagnie. Stando ad alcuni partecipanti, Meyer avrebbe dichiarato in quella circostanza che il canton Berna gli ha offerto BLS. Né le FFS né BLS hanno commentato queste ulteriori informazioni. Attraverso il suo servizio stampa, Meyer ha comunque precisato che le FFS prenderebbero in considerazione l'acquisizione di una partecipazione solo se il proprietario lo volesse.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
tirannosaurosex 1 anno fa su tio
Spero vivamente di no! Altrimenti Meyer e i suoi compagni di merenda riuscirebbero a rovinare anche BLS!
fakocer 1 anno fa su tio
Smiling Andy e pranzo di lavoro. Un accoppiamento di indiscusso profitto per i titolari dei ristoranti dove Herr Meyer elargisce sorrisi a spese degli utenti delle SBB CFF FFS.
SosPettOso 1 anno fa su tio
Ecco! Questo non è ne un manager ne un direttore competente... ed i politici ticinesi gli leccano le natiche fin nel profondo! Se FFS venisse gestita in modo ottimale, data la sua capillarità ed il quasi monopolio, BLS sarebbe costretta al fallimento. BLS sopravvive e riesce a far concorrenza a FFS solo perché quest'ultima è gestita da burocrati/finanzieri/mannagger che non hanno legami con la realtà di chi lavora sul campo.
Pepperos 1 anno fa su tio
@SosPettOso Stranamente ha materiale rotabile più moderno ( BLS ) una quantità superiore alle FFS. Puntualità, personale e servizi
sedelin 1 anno fa su tio
goss! risultato della privatizzazione. senza parlare dei disagi sempre più frequenti, ritardi, sovraffollamento. si stava meglio quando si stava peggio...
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-14 11:12:58 | 91.208.130.86