Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
FRIBURGO
2 min
Senza mascherina sul bus, quattro ragazzini creano il caos
Gli agenti sono intervenuti per un controllo, ma un 15enne che passava di lì si è scagliato contro l'autista.
SVIZZERA / FRANCIA
1 ora
«Abbiamo abbattuto le frontiere»
Alain Berset è stato ospite d'onore durante la cerimonia ufficiale per la festa del 14 luglio a Parigi.
SVIZZERA
1 ora
Le scarpe di Federer in Borsa, anzi no
L'azienda On smentisce le indiscrezioni, che parlavano di un'imminente quotazione sul mercato azionario
SVIZZERA
1 ora
Cliniche private immuni alla pandemia
Nessuno scossone per il fatturato di Swiss Medical Network, gruppo del quale fanno parte anche Ars Medica e Sant'Anna.
SVIZZERA
2 ore
Clariant multata per oltre 155 milioni di euro
La società aveva ampiamente previsto l'esito della procedura e aveva accantonato 231 milioni
FOTO
BERNA
2 ore
Un treno si schianta contro un camion: due feriti
L'incidente ferroviario è avvenuto questa mattina a Aarwangen, nell'Oberland bernese.
SVIZZERA
3 ore
Un inizio d'estate meno caldo del solito
Ma la situazione può ancora cambiare: nel torrido 2018 le temperature si alzarono nella seconda parte della stagione
SVIZZERA
3 ore
In Svizzera 70 nuovi contagi e due decessi
Il numero complessivo dei casi sale a quota 33'016. Le vittime legate al virus sono attualmente 1'688
GINEVRA
4 ore
Ex deputata catalana spiata in Svizzera
Anna Gabriel si trova a Ginevra in qualità di rifugiata. Ma anche da qui sarebbe controllata.
SVIZZERA
4 ore
«Swatch non è un gruppo che licenzia in Svizzera, anche in tempi di crisi»
Le capacità di produzione dovrebbero gradualmente tornare al loro livello abituale durante il terzo e quarto trimestre
BERNA
25.02.2019 - 11:570
Aggiornamento : 14:24

2700 hacker tenteranno di violare il voto elettronico

Il test sarà effettuato per cercare di individuare le falle del sistema di voto elettronico messo a punto dalla Posta

BERNA - Gli hacker hanno quattro settimane di tempo a partire da oggi per cercare di individuare le falle del sistema di voto elettronico messo a punto dalla Posta. Circa 2700 persone hanno risposto alla sfida lanciata dalla Cancelleria federale a inizio febbraio.

L'interesse suscitato dal test è un successo, ha precisato nel corso di una conferenza stampa a Berna Denis Morel, responsabile del voto elettronico della Posta. «Le discussioni sono già state animate nelle ultime settimane e siamo soddisfatti del dibattito». Lo scopo dell'esercizio è di identificare ed eliminare le vulnerabilità. Il processo deve essere trasparente, spiega Olivier Sypcher, vicedirettore di progetto presso la Cancelleria federale.

Già prima dell'inizio delle operazioni, La Posta ha ricevuto circa 40 osservazioni sul codice sorgente. Quest'ultimo, pubblicato il 7 febbraio, è stato considerato troppo complicato da alcuni utenti di Internet. Le osservazioni sono già state prese in considerazione. Si tratta di un processo di dialogo, ha spiegato Morel precisando che è stato costituito un gruppo che dovrà rispondere alle domande degli hacker durante tutto il periodo della prova e correggere eventuali difetti.

Il "test pubblico di penetrazione", che si concluderà il 24 marzo, sarà finanziato dalla Confederazione e dai Cantoni per un importo di 250'000 franchi, di cui 150'000 andranno a copertura dei costi sostenuti dalla Posta.

Un quarto dei partecipanti sono svizzeri, ma il test ha suscitato interesse anche all'estero, in particolare fra gli hacker francesi e americani, ma anche indiani, turchi e ucraini. I "pirati informatici" cercheranno di manipolare i voti, conoscere le opinioni espresse, violare la segretezza e disabilitare o aggirare i dispositivi di sicurezza.

Chi individuerà falle che consentono di trarre insegnamenti preziosi per migliorare il sistema riceverà un indennizzo finanziario. L'ammontare dipenderà dalla gravità del problema: chi riuscirà a manipolare i voti senza farsi scoprire, ad esempio, riceverà tra i 30'000 e i 50'000 franchi.

La Posta ha sviluppato un sistema che prevede una completa verificabilità. Secondo le disposizioni di legge dal momento del voto fino alla determinazione dei risultati devono essere individuati, grazie a mezzi indipendenti, i malfunzionamenti sistematici dovuti a errori di software, errori umani o tentativi di manipolazione.

Il voto elettronico è già stato utilizzato con successo in più di 300 votazioni in 15 cantoni, ha ricordato Mirjam Hostettler della Cancelleria federale. Tuttavia, continua a suscitare controversie. Ginevra, ad esempio, vi ha rinunciato a causa dei costi della sicurezza, mentre il Giura e diversi cantoni di lingua tedesca hanno abbandonato il progetto.

Un comitato interpartitico chiede che siano i cittadini a votare sull'introduzione dell'e-voting. A gennaio ha infatti annunciato il lancio un'iniziativa popolare per una moratoria sul voto elettronico. Per i promotori, il sistema attuale non è né sicuro né trasparente e quindi va vietato il suo utilizzo per almeno cinque anni. La raccolta delle firme per l'iniziativa inizierà il 12 marzo, ha dichiarato Franz Grüter (UDC/LU), presidente del comitato e consigliere nazionale, a Keystone-ATS. Più di 5000 sostenitori si sono già impegnati a raccogliere almeno cinque firme ciascuno.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Thor61 1 anno fa su tio
Come BUTTARE i soldi dalla finestra! Lo sanno pure i sassi che in pochi giorni QUALSIASI software viene violato! Basta volerlo! Onestamente votare col metodo elettronico mi da più il senso di voler "Manipolare" il risultato (Come si fa con i "Sondaggi") elettorale, un minimo di "Sforzo" (Andare al seggio a votare) anche per il cittadino votante male non farebbe.
occhiaperti 1 anno fa su tio
@Thor61 concordo al massimo!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-14 16:40:11 | 91.208.130.89