Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
6 min
Riaperture: Federazione dei centri fitness sorpresa in positivo
A partire dal prossimo lunedì 19 aprile saranno infatti nuovamente consentite attività sportive indoor
SVIZZERA
57 min
Accordo quadro: data e delegazione ancora da stabilire
L'ha chiarito il portavoce del Consiglio federale André Simonazzi.
GRIGIONI
1 ora
Davos: 13enne investita sulle strisce pedonali
La conducente di 61 anni si è presa subito cura della ragazzina fino all'arrivo dell'ambulanza.
BERNA
1 ora
Riaprono le terrazze, ma non solo
Da lunedì saranno di nuovo consentite manifestazioni in presenza di pubblico.
ZURIGO / GERMANIA
1 ora
Non andare a scuola fa più male del virus
Per i bambini più piccoli in particolare l'apprendimento da remoto è poco valido
URI
1 ora
Inversione di marcia sull'A2 per entrare nel tunnel del San Gottardo (che però era chiuso)
Il conducente protagonista della manovra è stato fermato poche centinaia di metri dopo che era entrato dal portale nord
SVIZZERA
2 ore
Volare Swiss col Travel Pass per il test Covid
La compagnia introduce l'app sperimentale sul collegamento Zurigo-Heathrow
Attualità
3 ore
La campagna vaccinale vodese cambia marcia
Nel cantone romando ora anche i 50enne potranno annunciarsi per un appuntamento.
SVIZZERA
4 ore
In Svizzera 2'601 nuovi casi e 14 decessi
In discesa il tasso di positività, oggi al 7%. Si registrano inoltre altre 89 ospitalizzazioni.
ZUGO
5 ore
Fuori strada sulla A4, è grave
La donna alla guida, stando all'alcol test, era ubriaca
BERNA
5 ore
I politici spingono per gli allentamenti e il CoronaPass
I leader di partito chiedono di guardare al modello danese e creare rapidamente il passaporto vaccinale.
BASILEA
20.07.2018 - 11:130
Aggiornamento : 15:30

Arriva la prima clinica per curare le dipendenze comportamentali

La maggior parte dei pazienti sono dipendenti dal gioco d'azzardo, da internet e dal computer

BASILEA - La prima clinica in Svizzera per una terapia "stazionaria" delle cosiddette dipendenze comportamentali è stata aperta all'inizio di luglio a Basilea. Finora per i "drogati" di gioco d'azzardo, internet e acquisti, ma anche di sport e sesso, esisteva soltanto un'assistenza ambulatoriale.

Le Cliniche psichiatriche universitarie (UPK) di Basilea hanno già aperto nel 2010 - svolgendo già allora un ruolo pionieristico - un ambulatorio per questo genere di dipendenze, che Wikipedia definisce "una compulsione a impegnarsi in un comportamento premiante non connesso alla droga" ma che comportano conseguenze negative su fisico, mente, vita sociale o finanze delle persone coinvolte.

Questo ulteriore passo era nella logica delle cose, ha affermato oggi in una conferenza stampa Anne Levy, CEO delle UPK . Per alcuni casi, infatti, una terapia ambulatoriale non basta.

La nuova struttura aperta all'inizio di luglio offre 12 "posti di trattamento", per la metà già occupati, ha detto il professor Gerhard Wiesbeck, direttore del Centro per le patologie da dipendenza dell'istituto psichiatrico renano.

Una terapia dura in media sei settimane, tempo che secondo Wiesbeck corrisponde a quello dimostratosi produttivo con persone affette dalle dipendenze classiche come alcol e droghe. La clinica accetta pazienti da tutta la Svizzera. I costi sono assunti dalle casse malattia tramite l'assicurazione obbligatoria di base.

Nella prima metà di quest'anno sono state curate ambulatorialmente presso le UPK in tutto 102 persone. Wiesbeck valuta che dal 10 al 20 per cento di loro avrebbe bisogno di una terapia stazionaria, ossia con un soggiorno prolungato in clinica.

La maggior parte dei pazienti curati a Basilea sono dipendenti dal gioco d'azzardo, da internet e dal computer. Molti sono affetti da "patologie di accompagnamento" come depressioni e disturbi della personalità. Drogati classici e drogati comportamentali non solo mostrano sintomi simili, ma richiedono anche terapie simili, ha rilevato Wiesbeck.

Uno dei primi beneficiari della nuova offerta terapeutica è S., un dipendente dal gioco d'azzardo. Presente alla conferenza stampa, ha detto di aver capito per esperienza che una terapia ambulatoriale era insufficiente. Affinché ci si possa "aprire" a una cura, bisogna essere strappati dalla vita quotidiana, ha affermato, aggiungendo che ora si sente «molto, molto bene».

Quelle comportamentali sono anche chiamate "nuove dipendenze" ("new addictions"), ma così nuove non sono. Il fenomeno era già stato osservato secoli fa dal medico fiammingo dal nome latinizzato Pascasius Justus, che in un libro pubblicato nel 1561 proprio a Basilea ("Alea sive de curanda ludendi in pecuniam cupiditate"), ascriveva agli eccessi nel gioco dei dadi gli stessi effetti di quelli derivanti dal vino: irrequietezza permanente, dimenticanza dei doveri, povertà, disperazione.

Le UPK di Basilea valutano che nel cantone renano le persone affette da dipendenze comportamentali siano parecchie migliaia. Anche in base a stime prudenti - affermano - è da ritenere infatti che circa una persona su cento sia dipendente dal gioco, due su cento da internet, tre su cento dal sesso e cinque su cento da shopping compulsivo.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Shion 2 anni fa su tio
È giusto che la Lamal copri queste "malattie" create da se stessi?
pulp 2 anni fa su tio
@Shion Beh.... diciamo che il discorso "create da se stessi" si potrebbe estendere talmente tanto, che farebbe diventare il 90% delle malattie "self made". Dico una banalità per renderti l'idea... uno va in montagna e si scorda la giacca - il tempo cambia e per via del freddo, alla fine si becca una polmonite. Medicine, eventuale ospedalizzazione ecc. ecc. sono coperti - ma in realtà è giusto pagare, visto che se non dimenticava la giacca non succedeva nulla?
ToMaTe_81 2 anni fa su tio
@Shion Ti ha risposto pulp è sufficiente. :-)
Shion 2 anni fa su tio
@pulp Con una differenza. Dimenticare la giacca è un imprevisto singolo, che ha condotto a malattia non cronica. La dipendenza è chiaramente un perdurare di scelte di comportamenti sbagliati. Non è nemmeno una malattia, ma un vizio acquisito per scelta personale.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-14 17:59:52 | 91.208.130.86