Immobili
Veicoli

HCL - PLAYOFFSimion castiga il Lugano: lo Zugo si prende gara-1 all’overtime

25.03.22 - 22:57
Pur protagonisti di prestazione convincente, i bianconeri sono stati condannati da una rete di Simion al 66' (2-1).
keystone-sda.ch (URS FLUEELER)
Simion castiga il Lugano: lo Zugo si prende gara-1 all’overtime
Pur protagonisti di prestazione convincente, i bianconeri sono stati condannati da una rete di Simion al 66' (2-1).
Il complesso di McSorley ha dimostrato di potersela giocare con i campioni in carica, ma non è stato abbastanza incisivo. Domenica alla Cornèr Arena va in scena l'attesissima gara-2.

ZUGO - Il cammino del Lugano ai playoff non è partito con il piede giusto. La compagine sottocenerina non ha infatti saputo imporsi in gara-1, cadendo per 2-1 all’overtime nella tana dei Tori. Nonostante la sconfitta, i bianconeri hanno tenuto testa allo Zugo, mostrandosi anche superiori in alcuni frangenti. Ciò che è mancato, però, sono stati i gol.

Per l’inaugurazione della serie con i Tori, Chris McSorley ha potuto contare su un recupero importante, quello di Mirco Müller, tornato a dar man forte al pacchetto arretrato occupando il posto accanto a Loeffel in prima linea. Si è rivisto in pista inoltre Herren, la cui presenza ha spostato Morini al centro della quarta linea d’attacco.

In avvio i bianconeri hanno cercato di cavalcare l’onda su cui erano saliti con il successo ai pre-playoff. Partiti forte, Riva e compagni hanno sfruttato qualche accenno di ruggine rimasto negli ingranaggi dei rivali – reduci da 11 giorni di riposo – e hanno impegnato Genoni a più riprese nei primi minuti, in maniera particolare con Arcobello, Herren e Abdelkader. I campioni in carica però non hanno avuto bisogno di troppo tempo per tirarsi a lucido, ricominciando a dettare il gioco nella seconda parte della frazione iniziale. Due ferri colpiti da Hofmann e una conclusione di Herzog hanno messo a serio rischio la porta di Schlegel, rimasta comunque inviolata fino alla prima sirena.

Nel periodo centrale le due compagini hanno continuato ad alternarsi nei rapporti di forza. I padroni di casa si affidavano maggiormente alle qualità dei loro singoli – capaci di dominare all’alba della frazione – mentre il Lugano usava come arma la sua grande determinazione mantenendo elevato il livello d’intensità. Sul finire dei venti minuti, la banda di McSorley ha tuttavia commesso l’errore di concedere agli avversari la possibilità di giostrare per più di 1’ in 4c3. I Tori non hanno fatto sconti: Hofmann ha trovato il fondo della rete dalla distanza, servendosi del disturbo di Herzog su Schlegel (38’38”).

Il punto del numero 15 non ha intaccato lo spirito dei bianconeri, protagonisti di un terzo periodo di pregevole livello. La formazione sottocenerina ha sfornato un’importante quantità di occasioni da gol, anche se in un primo momento ha dovuto vedersela con un Genoni in versione saracinesca (e con qualche imprecisione). A sfiorare la rete è stato soprattutto Prince, trovatosi per ben due volte a tu per tu con l’estremo difensore avversario. Malgrado il tempo cominciasse a stringere e il disco non pareva avesse intenzione di entrare, il Lugano non si è spazientito, ma ha continuato a comprimere lo Zugo. Tanto che alla fine – meritatamente – Abdelkader ha acciuffato il pareggio a 3’02” dalla sirena, mettendo con una mano il bastone sull’assist di Thürkauf.

La contesa si è protratta ai supplementari. Dopo un avvio interamente a tinte bianconere – esattamente come si era concluso il terzo periodo – lo Zugo ha dato prova del reale cinismo dei campioni. Alla prima occasione dell’overtime, Simion ha sferrato il colpo decisivo (65’07”), regalando così la vittoria di gara-1 ai Tori.

Se vogliono evitare di subire il break, Arcobello e soci dovranno invertire la rotta domenica (20.00) alla Cornèr Arena, in occasione di gara-2.

ZUGO-LUGANO 2-1 ds (0-0; 1-0; 0-1; 1-0)

Reti: 38’38” Hofmann (Djoos) 1-0; 56’58” Abdelkader (Thürkauf) 1-1; 65’07” Simion (Senteler) 2-1.

LUGANO: Schlegel; Müller, Loeffel; Riva, Alatalo; Guerra, Chiesa; Wolf, Traber; Prince, Arcobello, Fazzini; Abdelkader, Thürkauf, Carr; Herren, Herburger, Bertaggia; Stoffel, Morini, Vedova.

Penalità: Zugo 4x2’; Lugano 6x2’.
Note: Bossard Arena, 7’200 spettatori; Arbitri: Lemelin, Hebeisen, Progin, Stalder.

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SPORT