Immobili
Veicoli
Berna
Ginevra
19:45
 
Ajoie
Lakers
19:45
 
Zugo
Lugano
19:45
 
Zurigo
Ambrì
19:45
 
Langnau
0
Losanna
0
fine
Zugo Academy
0
GCK Lions
0
1. tempo
(0-0)
La Chaux de Fonds
Visp
19:45
 
Olten
Kloten
19:45
 
Langenthal
Winterthur
19:46
 
Sierre
Ticino Rockets
20:00
 
Berna
Ginevra
19:45
 
Ajoie
Lakers
19:45
 
Zugo
Lugano
19:45
 
Zurigo
Ambrì
19:45
 
Langnau
0
Losanna
0
fine
Zugo Academy
0
GCK Lions
0
1. tempo
(0-0)
La Chaux de Fonds
Visp
19:45
 
Olten
Kloten
19:45
 
Langenthal
Winterthur
19:46
 
Sierre
Ticino Rockets
20:00
 
keystone-sda.ch (PETER KLAUNZER)
+16
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
SCI ALPINO
15 min
Jakobsen comanda a Schladming, Nef miglior svizzero
Lo svedese si è lasciato almeno momentaneamente alle spalle Razzoli, Noël e Braathen.
CALCIO
1 ora
«Balotelli sempre in sovrappeso, bisogna meritarsela l'Italia»
L'ex bomber della nazionale italiana ha criticato la recente scelta di Roberto Mancini.
SERIE A
1 ora
Aebischer per Sinisa Mihajlovic
Il centrocampista elvetico è stato prelevato dallo Young Boys.
NATIONAL LEAGUE
2 ore
Sei giornate a Pouliot: il Ginevra ricorre
Le Aquile hanno interposto ricorso dopo la decisione della SIHF di sospendere Pouliot per sei partite
NATIONAL LEAGUE
3 ore
Langnau-Losanna rinviata
Il match di questa sera fra bernesi e vodesi non avrà luogo.
SERIE A
4 ore
Fiorentina: dalla Super League il dopo-Vlahovic
Il club viola ha offerto 14 milioni (più due di bonus) per il capocannoniere di Super. Intanto Cömert va al Valencia.
TENNIS
4 ore
Cuore e sudore: Berrettini regola Monfils e raggiunge Nadal
L'italiano ha sconfitto il francese 6-4, 6-4, 3-6, 3-6, 6-2, accedendo al penultimo atto del Major australiano
SCI ALPINO
4 ore
Sara Hector "scippa" la vittoria alla Vlhova
La svedese è riuscita a trionfare, lasciandosi alle spalle Petra Vlhova (in testa dopo la prima manche)
SERIE A
5 ore
Milan: Guardiola tenta lo scambio impossibile
I Citizens puntano decisi sul rossonero Theo Hernandez.
TENNIS
6 ore
«Arbitri corrotti e a favore di Nadal», Shapovalov sconfitto e furioso
Frustrato dopo la sconfitta, Shapovalov ha lanciato dure accuse contro Nadal e i giudici
PECHINO 2022
6 ore
Breezy Johnson rotta: niente sfida a Lara Gut-Behrami alle Olimpiadi
La statunitense era una delle grandi favorite per la discesa
HCL / HCAP
01.11.2021 - 08:000
Aggiornamento : 16:51

A Lugano è il tempo del lavoro, non dei processi

Il Lugano piange, l'Ambrì non ride… ma sta meglio

Il Lugano deve ripartire, l’Ambrì deve risolvere i suoi problemi.

LUGANO / AMBRÌ - Lontana meno di una settimana, la pausa per la Deutschland Cup è all’orizzonte, odiata da chi ora sta sprintando e invece bramata da chi, dopo una corsa lunghissima - ma non per forza proficua -, si ritrova con la lingua di fuori. 

Tra questi c’è di sicuro un Lugano difficilmente leggibile, un Lugano che nelle ultime settimane sta infilando una bruttura dietro l’altra. Dopo aver incassato dodici reti nel penultimo weekend e aver rialzato almeno parzialmente la testa battendo, martedì, il fanalino di coda Ajoie, i bianconeri hanno firmato un nuovo fine settimana deludente: due match, due sconfitte, otto reti subite. Il tutto dando solo a sprazzi l’impressione di potersela giocare contro avversari come il tosto Bienne (4-1 alla Tissot Arena) e il balbettante Ginevra (1-4 alla Cornèr Arena). Coach McSorley si è detto deluso, i giocatori si sono detti delusi, i tifosi sono di sicuro delusi: tutto ciò a cosa porterà?

Per spiegare una situazione tanto grigia le possibilità non sono moltissime. Una è che la rosa sia, in realtà, meno competitiva del previsto. E in questo caso il dito si deve puntare contro Domenichelli. Un’altra è che chi scende sul ghiaccio non stia dando quanto potrebbe. E in questo caso il peso delle sconfitte è sulle spalle di atleti o allenatore. Ora che novembre è arrivato, però, non è il caso di cercare colpe, quanto piuttosto di trovare soluzioni. Disfattismo e fretta sono infatti nemici dei successi.

Meglio, seppur di grattacapi ne abbiano, se la passano invece ad Ambrì, dove tra mugugni e sorrisi sono comunque stati in grado di completare una settimana da cinque punti. Proprio il bottino raccolto, che ha permesso di consolidare il settimo posto della classifica, è il lato positivo di un cammino fino a questo momento contraddistinto da alti e bassi. I lati negativi? La mancanza di continuità è, appunto, uno di questi: passi la differenza di valore dell’avversario, due prestazioni - quella fornita venerdì a Zugo e quella di sabato in casa contro l’Ajoie - tanto diverse tra loro sono tuttavia difficilmente giustificabili. E poi c’è sempre lo scarso rendimento degli stranieri a tenere banco. In Leventina da anni si fa di necessità virtù, provando a raggiungere i risultati puntando sul gioco e sulla crescita corale. I guizzi degli “import”, però, sono necessari: servono per fare il salto di qualità...

HOCKEY: Risultati e classifiche

keystone-sda.ch (Pablo Gianinazzi)
Guarda tutte le 20 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
ISO 37001 2 mesi fa su tio
HCL: il dito si deve puntare contro Domenichelli, ma non per le scelte dei giocatori. L'unico, ma grande, errore suo è stato l'incomprensibile scelta di un allenatore già quasi in pensione che nel suo lungo periodo a Ginevra non ha mai combinato niente, offendo sempre un gioco bruttissimo e privo di fantasia: schema unico "buttiamo il disco nell'angolo". Non a caso, quest'anno la Resega è quasi sempre vuota (sarebbe ora di comunicare i dati reali degli spettatori presenti, non quella cifra priva di significato che include i tesserati anche se restano a casa).
Bibo 2 mesi fa su tio
@ISO 37001 Per gli spettatori concordo, sabato ad esempio era mezza vuota (forse 4500) mentre ufficialmente ne erano presenti 5300. Ad Ambrì da quest'anno si contano quelli effettivi che hanno "strisciato" biglietti o abbonamento. Per l'allenatore, è vero che non ha mai vinto niente ma ha fatto un buon lavoro a Ginevra portando il club ad alti livelli, è anche vero che il gioco non è mai stato bello da vedere ma spesso efficace.
sergejville 2 mesi fa su tio
parlo per il Lugano: così tanti infortuni lunghi (di giocatori importanti) in un mese e mezzo, NON era mai successo. schlegel, fatton, haussener, bertaggia, herburger, loeffel, riva, guerra, josephs, carr... Ecco il motivo principale. MAi, una partita con la squadra al completo (o quasi)!!!
Evry 2 mesi fa su tio
Non bisogna andare lontano per cercare le origini del malumore tra i giocatori perchè sono i soliti "mena toron e cafoni di turno" a mettere le cosidette zinzagne. È ora che questi si guadagnano la paga con i fatti !!! Grazie e FORZA LUGANO, Auguri
Gus 2 mesi fa su tio
Duca ha cannato con gli stranieri
DonPedro 2 mesi fa su tio
@Gus si riprenderanno, abbi fiducia...
Bibo 2 mesi fa su tio
@Gus Non farti sentire da Evry che con Duca sono praticamente fratelli gemell, i mangia cafèlacc isemai... È vero, finora hanno fatto pochi punti ma a mio modo di vedere giocano abbastanza bene e con un po' di pazienza miglioreranno di sicuro. Le loro statistiche +/- non sono malvage.
Bibo 2 mesi fa su tio
Riguardo al Lugano, la colpa è di tutta la società che non dà retta ai consiglissimi di Evry su chi far giocare, come e perché...
DonPedro 2 mesi fa su tio
@Bibo esatto sono anni che ripete la steßa cosa ma a Lugano non lo ascoltano...;))
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-25 19:11:07 | 91.208.130.89