Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Sport
FORMULA 1
6 min
«Vettel e Leclerc? Ogni anno vedo piloti che si sbattono fuori a vicenda»
Fernando Alonso si è espresso in merito alla F1 in generale: «La reputazione si basa sui fatti. Mi viene in mente quando lasciavo la scia a Monza per spirito di collaborazione»
MOTO GP
3 ore
«Lorenzo era duro con tutti. Valentino Rossi? Stava per lasciarci»
Lin Jarvis ha parlato dei suoi due pupilli dei tempi d'oro: «Necessitavamo di qualcuno con un talento straordinario e l'istinto assassino»
SERIE A
12 ore
La Lazio piega la Juventus e l'Inter... allunga!
La compagine biancoceleste si è imposta 3-1 sui bianconeri
SCI ALPINO
12 ore
Vince la Schmidhofer, Lara è (solo) 27esima
La sciatrice austriaca si è imposta davanti a Mikaela Shiffrin e a Francesca Marsaglia
NATIONAL LEAGUE
12 ore
Il Berna è rinato: terzo successo di fila per gli Orsi
La squadra della Capitale ha prevalso 4-2 contro il Friborgo. Nello stesso tempo vittorie anche per Davos, Rapperswil e Zugo
HCL
12 ore
Il Lugano rialza la testa e stende la capolista Zurigo
I bianconeri dimenticano la sconfitta di Langnau superando con una prova di carattere i forti Lions. 3-1 il risultato
SUPER LEAGUE
14 ore
Il Lugano coglie un punto
La compagine bianconera ha pareggiato in trasferta contro lo Xamax: 1-1 il risultato finale. Nello stesso tempo l'YB ha prevalso sul Lucerna (1-0)
SCI ALPINO
14 ore
Beat Feuz da favola: l'elvetico davanti a tutti
Nello stesso tempo a Lake Louise la discesa libera in campo femminile è stata ritardata a causa delle abbondanti nevicate
BASKET
14 ore
Niente da fare per il Riva
Le ragazze ticinesi sono state battute dal Troistorrents: 83-57 il risultato
SERIE A
15 ore
Il Napoli non sa proprio più vincere
I partenopei hanno impattato 1-1 sul campo dell'Udinese. Qualche ora prima Atalanta-Verona era invece terminata 3-2
HCL
15 ore
L'avventura di Linus Klasen è giunta al capolinea
Lo svedese ha confermato di non aver ricevuto nessuna proposta di rinnovo da parte della società bianconera
SWISS LEAGUE
15 ore
Ticino Rockets sculacciati a domicilio
La formazione ticinese è stata nettamente sconfitta dal La Chaux-de-Fonds con il punteggio di 8-1
Calcio
15 ore
Dai gol all'arresto nella boutique della moglie per droga: la triste parabola di Kuljic
L'ex attaccante di Sion e Xamax è stato condannato a un anno di reclusione con la condizionale
CHALLENGE LEAGUE
16 ore
Il cuore non basta: il Chiasso cade in casa
La formazione rossoblù è stata sconfitta 1-0 dal Grasshoppers davanti ai propri tifosi
BELLINZONA
18.09.2014 - 06:590
Aggiornamento : 25.11.2014 - 05:24

"Gioco perché sono pazzo", Türkyilmaz torna in campo

Kubi ha ripreso le scarpe dal chiodo: "Se dovessi stare a casa, sapete quanti litigi con mia moglie? Ora metto in difficoltà il mister: voglio partecipare attivamente alla promozione dei granata"

BELLINZONA - Quarantasette anni e non sentirli. Questo è Kubilay Türkyilmaz, bomber di razza il quale, nell'età in cui molti sportivi puntano sul golf o, comunque, su discipline rilassanti, ha deciso di rimettersi in gioco sul rettangolo verde.

L’attaccante ha deciso, dopo anni di partite tra amici e sfide non competitive, di ripartire da Bellinzona. Ha sposato la causa del club granata, che lo lanciò quasi trent'anni fa, tornando a vestirne la casacca nella stagione del dopo Giulini. Ma si tratta di amore o solo di marketing, di voglia di competizione o solo di voglia di dimagrire?

Perché mai un ex campione dovrebbe decidere di misurarsi con compagni e avversari di un paio di decenni più giovani e, per giunta, sul poco ambito (almeno per chi ha visitato gli stadi più prestigiosi d'Europa) palcoscenico della Seconda Lega?

Tanti quesiti, troppi dubbi, per cercare di capire abbiamo punzecchiato proprio il “vecchio” Kubi, che tanto vecchio non è.
“Perché mi rimetto in gioco? Perché sono pazzo – ha sottolineato tra un sorriso e l’altro Türkyilmaz – La passione per il calcio non si è mai spenta e così ho accettato di ricominciare, di ripartire dal Bellinzona e dalla Seconda Lega”.

Cosa ci si deve attendere da un 47enne ex campione?
“Voglio dare una mano alla squadra, voglio giocarmi le mie possibilità e provare a mettere in difficoltà l’allenatore”.

Fermo non sai stare?
“È diverso – ha aggiunto Kubi – non so stare senza pallone. E poi se dovessi stare a casa sapete quanti litigi con mia moglie? Meglio il campo”.

Servette, Bologna, Galatasaray, Grasshopper, Locarno, Lucerna, Bellinzona, Brescia… e potremmo continuare ancora. Il tuo curriculum è lunghissimo. Ma il curriculum sul rettangolo verde non serve…
“Ma questo lo so, è chiaro. In squadra ci sono ragazzi con grandi qualità; la precedenza, per giocare, ce l’hanno loro. Io però non demordo. Mi impegnerò e vedremo che accadrà. Di sicuro non mi allenerò solo per passare il tempo. A qualche partita di campionato voglio prendere parte”.

A Bellinzona, nel gruppo, potrai portare un po’ di esperienza…
“E posso dare qualche consiglio ai più giovani”.

Non è detto che ci sia qualcuno pronto ad ascoltarti. Tu, da ragazzo, hai dato retta ai più vecchi?
“Poco, a dire il vero. Io guardavo. Mi mettevo in un angolo e osservavo. Spero che anche i miei compagni facciano così, spero che mi guardino e che poi trovino il loro modo. Qualche trucchetto, comunque, posso mostrarlo. Toccherà a loro rubarmi il mestiere”.

Com’è stato il ritorno agli allenamenti?
“Da quando ho smesso la casacca del professionista non mi sono fermato del tutto. Ho fatto qualcosina. Certo i ritmi e i carichi di lavoro ora sono molto diversi”.

Che tipo di calciatore sei stato, uno di quelli che arrivava per primo e andava via per ultimo al campo o, invece, uno di quelli che quando poteva marcava visita?
“Nonostante si pensi il contrario, in carriera io mi sono sempre allenato parecchio. Magari non ero uno di quelli che si sottoponeva a sedute incredibili, ma non mi sono mai tirato indietro. E siccome non mi sono mai infortunato seriamente… vuol dire che non ho fatto male. Conoscevo, conosco, il mio corpo, sapevo di cosa necessitava per andare al massimo”.

A 47 anni tornare a faticare significa anche, probabilmente, tornare ad andare d’accordo con la bilancia…
“Ho perso dieci kg”.

Quanti te ne mancano per il peso forma?
“Devo levarne almeno altri cinque”.

Poi sarai pronto per complicare la vita ad Arno Rossini. A proposito: cosa si prova a obbedire a un allenatore bravissimo ma, a differenza di alcuni di quelli da te avuti in passato, non con un pedigree “europeo”?
“Arno mi piace molto: è preparato tatticamente – ha già dato alla squadra una sua identità - e un fine psicologo. E poi è una persona diretta, che ti dice in faccia quel che pensa. Per questo merita rispetto: gli individui diplomatici non fanno per me. Premesso ciò… il mio compito è quello di creargli delle difficoltà. Il mio obiettivo è quello di partecipare attivamente alla promozione del Bellinzona. Certo, esulto quando vinciamo e mi complimento con i compagni ma non voglio solo fare lo spettatore”.

La promozione e poi l’addio?
“Per nulla – ha chiuso Kubi – Io continuo, non smetto più. Finché non mi mandano via dal Comunale, io dal Bellinzona non mi muovo”.

Quanto ne sai di hockey? Gioca con noi, fai i tuoi pronostici e vinci

Commenti
 
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-08 11:06:19 | 91.208.130.87