Immobili
Veicoli

COPPA SVIZZERALugano & Coppa: «Questo trofeo deve rimanere in Ticino»

15.05.22 - 22:00
Oltre al gladiatore Mijat Maric, si è espresso anche Martin Blaser, CEO del club: «Croci-Torti? Scelta azzeccata».
Freshfocus
Lugano & Coppa: «Questo trofeo deve rimanere in Ticino»
Oltre al gladiatore Mijat Maric, si è espresso anche Martin Blaser, CEO del club: «Croci-Torti? Scelta azzeccata».
Nel percorso di Coppa i bianconeri hanno eliminato nell'ordine La Chaux-de-Fonds, Xamax, YB, Thun, Lucerna e San Gallo.

BERNA - Il Lugano ha colto un prestigioso risultato, riportando in Ticino la Coppa Svizzera grazie al 4-1 rifilato al San Gallo al Wankdorf di Berna.

L'ultima affermazione bianconera in questa competizione risale a quasi trent'anni fa, ovvero al lontano 1993, quando i bianconeri prevalsero con lo stesso punteggio e nello stesso stadio contro il Grasshoppers. «È fantastico, sono senza parole e provo solo sensazioni positive», ha dichiarato un emozionato Mijat Maric. «Riportiamo finalmente questa coppa in Ticino, dove deve stare e dove deve rimanere, perché mancava da troppi anni. Siamo entrati in campo con la giusta concentrazione e la vittoria è meritatissima. Abbiamo preparato il match nei minimi dettagli ed eravamo pronti sia sul piano del gioco, sia dal punto di vista del carattere, sia mentalmente. Oltre a questo i 10'000 ticinesi sugli spalti sono stati per noi il 12esimo giocatore in campo, un motivo d'orgoglio. Ha vinto un gruppo che aveva una grande fame di vittoria e posso solo dire che... il Ticino ha vinto».

Al termine del match anche il CEO del club ticinese Martin Blaser ha commentato la prestazione dei suoi ragazzi. «Tutti sanno che sono molto legato a questa competizione e per quanto mi riguarda anche in futuro sarà un obiettivo importante. La Coppa rimane il torneo più emozionante. Per arrivare qui a Berna è stato un percorso difficile, abbiamo battuto Xamax e Thun, poi non dimentichiamo le tre squadre di Super League, YB, Lucerna e San Gallo. Con questo titolo potremo lavorare con più tranquillità. Con Croci Torti ci abbiamo visto giusto, decidendo in soli venti giorni. Avevamo molti candidati ma lui ci ha convinti. Il personaggio ci è piaciuto su tutta la linea e la scelta è stata azzeccata».

CORRELATI
COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SPORT