Immobili
Veicoli

BERNASan Gallo dominato: la festa è tutta del Lugano

15.05.22 - 15:53
Il Lugano doma il San Gallo e conquista per la quarta volta nella sua storia la Coppa Svizzera
Ti-press (Alessandro Crinari)
BERNA
15.05.22 - 15:53
San Gallo dominato: la festa è tutta del Lugano
Il Lugano doma il San Gallo e conquista per la quarta volta nella sua storia la Coppa Svizzera
Al Wankdorf è finita 4-1. Gol ticinesi di Celar, Custodio, Bottani e Haile-Selassie.
Calcio - Coppa Svizzera - CUP15.05.2022

LIVE

Lugano
4 - 1
S.Gallo

BERNA - Un grande Lugano ha dato una lezione di calcio al San Gallo (4-1 nella finale di Berna) e, in una giornata di festa, ha conquistato la quarta Coppa Svizzera della sua storia. 

Biancoverdi favoriti, almeno all’inizio, grazie al riposo più lungo e al fatto di aver già “provato” il Wankdorf? Le previsioni settimanali sono state zittite in un attimo, cancellate dalla partenza a tutta velocità dei bianconeri i quali, subito cattivi, determinati e motivatissimi, sono stati padroni del campo per 10’. E hanno immediatamente trovato il meritato vantaggio con Celar (5’). Il fortissimo San Gallo? Inizialmente in confusione ed enorme difficoltà, con il passare dei minuti ha guadagnato metri e fiducia. Ha preso il controllo del centrocampo e spinto su un Lugano comunque attento. Attento… fino al 21’ quando, sugli sviluppi di una punizione battuta dalla destra, ha permesso a Maglica di svettare in area e piazzare il pari. Il gol ha regalato ulteriore convinzione alla truppa di Zeidler che, spesso sfondando sulla sinistra, ha continuato a presentarsi nell’area di Saipi. Ma non ha lasciato il segno. Quello che invece hanno fatto i bianconeri, prima pericolosi in contropiede (ottimo Watkowiak) poi cinici nell'approfittare delle amnesie della retroguardia ospite. Un soffio prima dell’intervallo Custodio, da vero opportunista, ha infatti piazzato il punto del pesantissimo vantaggio.

La ripresa è cominciata come tutti si aspettavano: i biancoverdi hanno tenuto palla e premuto sull’acceleratore in cerca del pari, i ticinesi hanno pensato a contenere e ripartire. Il lavoro “migliore” lo hanno fatto Saipi e compagni che, respinti i timidi tentativi avversari, al 58’ hanno trovato il gol del doppio vantaggio. Grande palla di Lavanchy in mezzo all’area e Bottani ha firmato il gol della (quasi) tranquillità. Messo nell’angolo, il San Gallo è stato costretto a sbilanciarsi per tentare il difficile recupero. Così facendo ha però favorito il lavoro della truppa di Croci-Torti, che già 5’ dopo, ovviamente in contropiede, con Custodio ha sfiorato nuovamente il gol. Il “punto” è però stato solo rimandato: nuovo contropiede, nuovo affondo, e Haile-Selassie ha fatto ufficialmente partire la festa di un Lugano padrone della tattica, delle emozioni… del campo.

Nonostante il pesante passivo, negli ultimi 20' il San Gallo ha comunque cercato di risalire la china. I suoi tentativi, velleitari, sono in ogni caso divenuti sempre meno convinti e convincenti. Fino al triplice fischio finale, quello che ha sancito il successo del "Crus" e della sua banda, ufficialmente entrati nella storia per non uscirne più.  

LUGANO-SAN GALLO 4-1 (2-1)
Reti: 5’ Celar 1-0; 21’ Maglica 1-1; 44’ Custodio 2-1; 58’ Bottani 3-1; 70’ Haile-Selassie 4-1.
LUGANO: Saipi; Valenzuela, Rüegg, Ziegler, Daprelà; Lavanchy, Sabbatini, Custodio (66’ Haile -Selassie); Bottani, Celar, Lovric.

COMMENTI
 
cle72 1 mese fa su tio
Grande Lugano! Giornata memorabile! Mai una gita a Berna è stata così bella. Ambiente da belle d'oca allo stadio. Grazie Lugano! Campioniiiiiii
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SPORT