SUPER LEAGUESfida al Losanna, il Lugano ha tutto da perdere

05.11.21 - 08:00
Giornata sulla carta facile per il Lugano. Ma, appunto, solo sulla carta...
Ti-press (Pablo Gianinazzi)
Sfida al Losanna, il Lugano ha tutto da perdere
Giornata sulla carta facile per il Lugano. Ma, appunto, solo sulla carta...
Il Losanna non può permettersi passi falsi; Lugano, serve l'attenzione massima.
CALCIO: Risultati e classifiche

LOSANNA - Può una squadra quarta in classifica, una squadra approdata ai quarti di Coppa eliminando la corazzata Young Boys, una squadra che si è ultimamente mostrata solida, ordinatissima e anche fantasiosa, temere la sfida all’ultima della classe? Dovrebbe.

Alla vigilia dell’ultima sosta per le nazionali dell’anno, dopo settimane di prestazioni convincenti (nonostante risultati non sempre positivi), il Lugano affronterà il test più complicato possibile, il più difficile e scomodo che potesse capitargli: andrà a far visita al Losanna.

Ci si basasse solo sui numeri e le impressioni, la trasferta vodese potrebbe essere tranquillamente derubricata a fastidioso e poco preoccupante esamino prima del meritato riposo. I dati non raccontano in ogni caso tutto. Dicono che i biancoblù sono fin qui stati i peggiori di Super League, certo, e che pure tra le mura amiche non hanno convinto (una vittoria in sei partite e un saldo reti negativo). Dicono anche che solo una volta quest’anno - tra agosto e settembre - hanno saputo infilare due risultati positivi consecutivi. 

I numeri non raccontano in ogni caso della fame, della determinazione e della disperazione, sportiva s’intende, con la quale affronteranno i bianconeri. Non raccontano di come, allo Stade de la Tuilière, considerino la sfida al Lugano come cruciale, come punto di partenza di una risalita che non può tardare ulteriormente. 

In cerca di una continuità fin qui ancora non arrivata, il Losanna si è mostrato con tanti volti diversi. Ha giocato con la linea a quattro dietro, con un “offensivo” 4-4-2 o un più coperto 4-1-4-1, ma ha anche provato la linea a tre. Domenica, salvo sorprese, partirà con quattro difensori, comandati dalla coppia Monteiro-Grippo, e cinque centrocampisti schierati alle spalle di Amdouni. I vodesi proveranno a rimanere corti e, probabilmente, lasceranno il pallino del gioco in mano ai bianconeri. Non per questo - anzi - saranno poco offensivi. Ma attaccheranno con attenzione, con controllata foga: un nuovo passo falso, infatti, in questo momento proprio non possono permetterselo. E sarà nelle pieghe di questa comprensibile incertezza che il Lugano dovrà provare a inserirsi per colpire. Per continuare a stupire. Per evitarsi una sosta dal sapore agrodolce.

COMMENTI
 
ic70 1 anno fa su tio
Mi permetto di commentare... Titolo articolo fuorviante!! Si sà benissimo che sarà una partita molto difficile. Forza FC Lugano
NOTIZIE PIÙ LETTE