NOSTRAN
ULTIME NOTIZIE People
ITALIA
6 ore
Shade è positivo al coronavirus
Lo ha rivelato su Instagram, per non far preoccupare i fan «più del dovuto»
STATI UNITI
6 ore
Il cast di "Happy Days" in campo per Biden
Alla reunion del 25 ottobre parteciperanno Henry Winkler, Ron Howard ma non solo
BELLINZONA
10 ore
Flamingo svela i suoi assi
La casa editrice improntata sulla socialità presenta le novità 2020 martedì 27 ottobre alle 18 nella Sala Castelgrande.
STATI UNITI
12 ore
Netflix ha deciso, non ci sarà una seconda stagione di “Away”
La serie con Hilary Swank era piaciuta molto anche in Svizzera, ignote le motivazioni, forse c'entra il Covid?
STATI UNITI
14 ore
Jeff Bridges è in cura per un linfoma: «Malattia seria, ma sono ottimista»
L'attore americano lo ha comunicato via Twitter aprendo con una frase a effetto da “Il Grande Lebowski”
ITALIA
18 ore
Conte chiama Fedez e Ferragni
Il premier ha chiesto il loro aiuto per sensibilizzare i giovani sull'uso della mascherina
CANTONE
21 ore
Il wrestling ticinese ritorna con il botto, è tempo di “Rissa Reale”
L'offerta di “Pro Wrestling Live Lugano X” è di quelle ghiotte: fra celebrazioni, incontri per il titolo e... musica ticinese
ITALIA
1 gior
L’ex della Gregoraci: «Con Briatore aveva un contratto»
Nuovi retroscena sul matrimonio tra la showgirl e l’imprenditore, raccontati da un suo presunto amante
ITALIA
1 gior
Corona ha il Covid ma ospita il figlio, scatta la bagarre con la Moric
L’ex modella chiama il 112, lui risponde con le offese in diretta televisiva: «È da manicomio»
STATI UNITI
1 gior
Cardi B dice addio a Twitter
La cantante ha cancellato il proprio profilo: «Sono stanca della gente che mi dice come vivere la mia vita»
CANTONE
15.10.2020 - 06:300

"Al prim gott" è un aperitivo... Nostran

La band ha pubblicato la prima parte di una trilogia che dovrebbe essere completata all'inizio dell'estate 2021

BELLINZONA - S'intitola "Al prim gott" ed è il primo EP a firma Nostran. Sarà il primo capitolo di una trilogia, ci spiega il chitarrista Donat Walder che, insieme a Igor "Ul Pescia" Pesciallo (voce), Lorenzo Barenco (chitarra), Mila Merker (basso) e Daiv Pucci (batteria) compone la band.

Come si sviluppa questo progetto?
«Abbiamo pubblicato digitalmente i primi sei brani, tra i quali c'è il nostro primo singolo "Le Maldive di Milano". Una seconda uscita è prevista l'inizio del 2021 mentre il terzo e conclusivo EP dovrebbe vedere la luce prima dell'estate, all'incirca. A quel punto valuteremo di stampare un Cd con le 18 canzoni, dedicato a quei pochi nostalgici del supporto fisico, come lo siamo noi».

Cosa vi manca del Cd?
«Il piacere di tenere in mano l'oggetto fisico, ad esempio. Ma anche il non avere più il libretto dei testi... Se lo faremo sarà per soddisfare quelle poche centinaia di appassionati che ancora sono interessati».

Sarà un disco da 18 tracce, piuttosto notevole...
«Eh sì, bisogna vedere se ci stanno! (ride, ndr)».

Quale credi che sia il pezzo di punta di questo primo EP?
«Non ne saprei scegliere uno, lasciamo che sia il pubblico a decidere. Abbiamo cercato di proporre brani piuttosto diversi l'uno dall'altro, sempre mantenendo una certa omogeneità di genere ovviamente. C'è il pezzo estivo, ovvero "Le Maldive di Milano", mentre con "Nono Pin" abbiamo mostrato un'altra faccia, un po' più dura e metal, per far vedere a chi ci conosce che non abbiamo mollato».

C'è anche una canzone speciale, che è "La fermata".
«Ci è stata chiesta da Fabrizio Casati come sigla dell'omonima trasmissione di Rete Uno. Avrà grazie a ciò una bella visibilità radiofonica, al contrario di un altro brano che si chiama "Üsel" e che non ce lo passeranno mai, vista l'ambiguità del testo (ride, ndr)».

Saranno pezzi indirizzati alle radio ma anche ai social, vero?
«Sì, ognuno avrà il suo videoclip. Alcuni saranno semplici, altri più elaborati. È il vantaggio dei social: una volta i video erano sostanzialmente inutili a livello locale, perché nessuno li avrebbe trasmessi. Oggi lo metti su YouTube e ti puoi promuovere in maniera efficace e con costi bassi, se - come noi - ti dedichi all'autoproduzione».

Quanto conta l'aspetto visivo nel successo di un brano?
«Molto. Abbiamo pubblicato "Nono Pin" solo come audio ed è passata inosservata, mentre grazie al videoclip siamo riusciti a suscitare un interesse maggiore».

La pandemia vi ha ostacolato nella produzione di questo lavoro?
«Siamo partiti quando la fase peggiore primaverile era stata messa piuttosto alle spalle. Il sapere che non ci sarebbero comunque stati concerti è stato un peccato, ma ci ha permesso di concentrarci sulla produzione».

Ci sarà un concerto di presentazione?
«Non è previsto al momento. Abbiamo visto che qualcuno è tornato a fare concerti - ed è importantissimo, specialmente per chi vive di musica. Noi, che lo facciamo solo per piacere e divertimento, preferiamo aspettare tempi migliori».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-21 04:00:01 | 91.208.130.86