Cerca e trova immobili

SVIZZERAIl settore finanziario rimane il pilastro di Pil e impiego in Svizzera

23.11.23 - 11:15
Tra le dieci più importanti piazze finanziarie, il Ticino è in ottavo posto
Depositphotos
Fonte Ats
Il settore finanziario rimane il pilastro di Pil e impiego in Svizzera
Tra le dieci più importanti piazze finanziarie, il Ticino è in ottavo posto

ZURIGO - Il settore finanziario continua ad avere una grande importanza per l'economia e per il lavoro in Svizzera: a medio termine le banche sono però destinate a vedere ridurre gli organici, mentre le assicurazioni mostreranno la tendenza inversa, stando a uno studio pubblicato oggi dall'istituto di ricerca BAK Economics.

Nel 2022 il comparto finanziario ha generato in modo diretto o indiretto 101 miliardi di franchi di valore aggiunto, contribuendo in modo essenziale (nella misura del 14%) al prodotto interno lordo (Pil) del paese. Sono inoltre 450'000 gli impieghi legati più o meno strettamente al ramo, il 10% del totale elvetico, secondo le analisi realizzate su mandato dell'Associazione svizzera dei banchieri (ASB) e dell'Associazione svizzera d'assicurazioni (ASA).

Nel dettaglio, i 234'600 dipendenti del ramo contribuiscono al Pil per 71 miliardi: per arrivare alle cifre indicate in precedenza il BAK aggiunge anche i mandati esterni (per esempio in campo informatico e della consulenza) nonché i consumi che vengono poi effettuati dal personale. Vanno anche considerate le imposte, che raggiungono complessivamente 18 miliardi (12% del totale, di cui 8 miliardi diretti e 10 indiretti).

Il rapporto mette in evidenza anche le dieci più importanti piazze finanziarie in termini di contributo al Pil: domina Zurigo (29,3 miliardi), seguono Ginevra (7,8), Vaud (5,5) e Berna (5,4); per trovare il Ticino (2,7 miliardi) occorre scendere all'ottavo posto. Nel cantone italofono le banche dominano nel settore finanziario, con il 57% del Pil del comparto (a titolo di confronto: Zurigo 44%).

Sempre rimanendo in tema di banche, BAK Economics si aspetta una contrazione del contributo al Pil del 3,4% quest'anno e un rimbalzo del 4,0% nel 2024. Per quanto riguarda le assicurazioni la stima è per contro di due incrementi, rispettivamente del +3,3% e del +3,0%. In questo ambito l'impiego salirà del'1,9% e dell'1,3%, mentre per le banche è atteso un +0,7% (2023) e un -0,8% (2024). Per il periodo 2025-2028 i ricercatori renani si aspettano che i posti di lavoro scendano dello 0,6% annuo nelle banche, mentre presso le compagnie assicurative l'organico progredirà di un corrispondente 0,6%.

NOTIZIE PIÙ LETTE