Immobili
Veicoli

SVIZZERATurismo e franco forte, colpiti gli hotel di media gamma

18.07.22 - 11:33
Il rafforzamento della moneta svizzera impatterà solo in parte il settore alberghiero.
Deposit
Fonte ATS
Turismo e franco forte, colpiti gli hotel di media gamma
Il rafforzamento della moneta svizzera impatterà solo in parte il settore alberghiero.
Gli alberghi di lusso continueranno la loro ripresa dopo le stagioni difficili legate alla pandemia.

GINEVRA - Il rafforzamento del franco nei confronti dell'euro «avrà certamente conseguenze sul settore alberghiero di media gamma, ma non dovrebbe ostacolare la ripresa nel segmento degli hotel di lusso, perlomeno non sul corto periodo». Lo afferma Robert P. Herr, direttore del Beau-Rivage di Ginevra, una struttura a cinque stelle di grande tradizione.

Da parte loro, «i visitatori americani che hanno già programmato il loro viaggio in Svizzera beneficeranno di un dollaro molto forte», spiega l'operatore intervistato dal periodico finanziario romando L'Agefi. «Per noi gli Stati Uniti sono un mercato molto importante, quindi ne trarremo sicuramente beneficio a breve termine, nel senso che i clienti americani investiranno più soldi nel loro budget di viaggio, soprattutto perché in alcuni casi non lasciano il loro paese da due anni», aggiunge. «Ma non credo che la situazione avrà un impatto maggiore di questo sulla pianificazione dei viaggi a lungo termine».

Il franco forte non sorprende - «Non è una novità per la Svizzera avere a che fare con una moneta forte», prosegue l'intervistato. «Da vent'anni il franco è in costante progressione rispetto alle altre valute, in particolare l'euro». Finché l'apprezzamento rimarrà graduale potrà essere digerito, «ma se diventasse esponenziale e il franco aumentasse improvvisamente di valore potrebbe causare problemi reali alla nostra economia».

Più in generale, «il continuo aumento dell'inflazione è ovviamente fonte di preoccupazione, perché al di là delle conseguenze sul potere d'acquisto incide sul morale dei consumatori, che potrebbero non avere più voglia di viaggiare», afferma Herr. Nel comparto del lusso questo impatto sarà comunque meno pronunciato.

Segni di ripresa rispetto al 2021 - Il segmento in questione si trova in chiara ripresa. «Abbiamo più che raddoppiato il nostro tasso di occupazione rispetto all'anno scorso, ma il 2021 non era veramente rappresentativo perché c'erano ancora molte restrizioni di viaggio», ricorda l'albergatore svizzero con ampia esperienza internazionale (ha lavorato a New York, Miami, Parigi, Vienna, Amburgo, Düsseldorf, Praga, Berlino e Beirut).

«La cosa più sorprendente è che abbiamo già quasi raggiunto il tasso di occupazione del 2019», prosegue. «Si tratta di un ottimo progresso, di cui siamo estremamente soddisfatti. Non possiamo dire di essere in una situazione normale, ma stiamo assistendo a un certo recupero. Ci rendiamo conto che le persone hanno bisogno di viaggiare al di fuori del proprio paese e speriamo che questa tendenza durerà anche dopo la stagione estiva».

Attualmente oltre l'80% della clientela del Beau-Rivage di Ginevra - un albergo fondato nel 1865 che offre 52 stanze e 43 suites - è costituita da ospiti stranieri. «Gli americani da soli rappresentano più del 20% del numero totale di ospiti, quindi sono la nostra fetta di mercato più grande, seguiti dai cittadini dei paesi del Medio Oriente e dell'Europa occidentale», conclude Herr.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE ECONOMIA