KEYSTONE
Il giro d'affari complessivo del mercato postale è aumentato del 3% a 4,2 miliardi di franchi.
SVIZZERA
08.06.2021 - 10:350

Boom dei pacchi per la Posta, con la pandemia

Trattati volumi da record, ma gli invii di lettere, giornali e riviste sono in calo

BERNA - La pandemia di coronavirus e il boom dei pacchetti ha avuto un impatto sui risultati della Posta svizzera: il giro d'affari complessivo del mercato postale è aumentato del 3% a 4,2 miliardi di franchi. Si tratta di una crescita che non era più stata osservata da anni.

Tuttavia l'obbligo del telelavoro ha provocato una diminuzione (-4,5%) degli invii di lettere, giornali e riviste, con un conseguente calo del fatturato a 3,1 miliardi. È quanto emerge dal rapporto annuale 2020 pubblicato oggi dalla Commissione federale delle poste (Postcom).

Tali risultati rafforzano una tendenza già rilevata negli ultimi anni, ovvero un cambiamento del comportamento degli utenti in relazione alla digitalizzazione. Durante l'anno in rassegna la quota di mercato delle lettere rispetto al giro d'affari complessivo è stata del 37%, raggiungendo così il suo livello più basso. Cinque anni or sono, tale quota superava ancora la soglia del 50%.

Dal canto suo, il fatturato del servizio universale è aumentato del 2,8% a 3,3 miliardi di franchi. Il giro d'affari della Posta e degli operatori privati, generato dai pacchetti, è salito addirittura del 32,5%, a 1,48 miliardi. A titolo di paragone, il fatturato delle sole lettere è sceso del 13,8%, precisa ancora Postcom.

L'impatto della pandemia - La pandemia di coronavirus ha costretto la Posta a trattare un volume record di pacchi. Il semplice rafforzamento degli effettivi non è bastato, poiché i compiti affidati ai collaboratori erano ostacolati dalle diverse misure di protezione sanitaria. Numerosi processi postali sono stati fortemente limitati o adattati alle circostanze.

La Posta è stata autorizzata dal Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e della comunicazione (DATEC) a derogare alle disposizioni che disciplinano il servizio universale durante la situazione straordinaria. Ha dovuto fornire prestazioni secondo il principio del "massimo sforzo".

PostCom riconosce peraltro che diversi mesi sono stati contraddistinti da "eventi di forza maggiore" concernenti gli invii di pacchi e lettere. In questo contesto, il 98% delle lettere per posta A e il 99,2% di quelle per posta B sono giunte a tempo presso il loro destinatario, superando l'obiettivo prefissato del 97%. La Posta ha pure fatto meglio della soglia del 95% per quanto riguarda i pacchi, raggiungendo quota 95,4% per gli invii "Priority" e 95,5% per quelli "Economy".

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-15 18:27:25 | 91.208.130.85