keystone-sda.ch / STF (Mark Lennihan)
STATI UNITI
02.04.2020 - 21:000

Zoom ai propri clienti: «Stiamo lavorando per darvi la migliore esperienza possibile»

Il fondatore dell'applicazione, Eric S. Yuan, si scusa per le falle a livello di privacy e sicurezza dei dati

SAN JOSE - Zoom ha voluto mandare un messaggio ai propri clienti in riferimento alle critiche legate ai problemi di privacy e sicurezza.

Sul lungo post apparso sul proprio blog ufficiale, pubblicato dal fondatore Eric S. Yuan, l'azienda di videoconferenze ha esordito dichiarando di sentirsi estremamente privilegiata a essere in grado di aiutare le persone, le aziende, le scuole, ma non solo, a rimanere in contatto in questo periodo di difficoltà.

«Sentiamo un'immensa responsabilità» racconta l'azienda, parlando del boom dell' utilizzo. «L'uso di Zoom è esploso improvvisamente: alla fine di dicembre il numero massimo di partecipanti agli incontri quotidiani condotti su Zoom è stato di circa 10 milioni. A marzo di quest'anno abbiamo raggiunto più di 200 milioni di partecipanti al giorno, sia gratuiti che a pagamento».

In seguito, Yuan si è concentrato sui propri errori riguardanti la privacy: «Tuttavia, riconosciamo di non essere stati all'altezza delle aspettative della comunità - e delle nostre - in materia di privacy e sicurezza. Per questo, sono profondamente dispiaciuto, e voglio condividere ciò che stiamo facendo al riguardo». «Prendiamo le domande e i feedback molto sul serio» ha continuato il fondatore dell'azienda, «li esaminiamo tutti e li affrontiamo a uno a uno il più rapidamente possibile. Imparando dagli errori puntiamo a migliorare».

Nel concreto, Zoom si è impegnata ad andare incontro ai propri clienti tramite i seguenti punti:

  • Introduzione di tutorial e lezioni gratuite per imparare a utilizzare al meglio la piattaforma
  • Miglioramento del supporto, che avverrà in modo più semplice e più rapidamente
  • Indicazioni agli utenti per evitare gli episodi d'intrusioni e molestie (o il cosiddetto "Zoombombing"). Tali episodi si possono prevenire mediante le sale d'attesa, le password, e le limitazioni di condivisione dello schermo.
  • La riconfigurazione del Login di Facebook per evitare che raccolga informazioni sui dispositivi dei nostri utenti. 
  • Risoluzione dei problemi legati all'utilizzo da Mac.
  • Aggiornamento chiaro e trasparente della politica sulla privacy, con informazioni su quali dati vengono raccolti e come vengono utilizzati. 
  • Chiarire la confusione legata al tipo di crittografia usata nelle videoconferenze, scusandosi per la confusione e dichiarando che: «Zoom non ha mai realizzato un meccanismo per decrittare le riunioni in diretta, né abbiamo mezzi per inserire i nostri dipendenti o altri in riunioni senza che essi siano presenti nella lista dei partecipanti».

Infine, Yuan ha voluto sottolineare che: «La trasparenza è sempre stata una parte fondamentale della nostra cultura. Mi impegno a essere aperto e onesto con voi, e accogliamo con favore le vostre domande e i vostri feedback. La nostra principale preoccupazione è ora garantire che la sicurezza, la privacy e la protezione della nostra piattaforma siano degne della fiducia che tutti voi avete riposto in noi» ha concluso il fondatore di Zoom.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-20 13:03:01 | 91.208.130.86