Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
29.05.2020 - 20:340

Un po' meno lusso a causa del coronavirus

A rischio 141 dipendenti di Le Richemond. L'albergo sta uscendo dai mesi «catastrofici», in particolare aprile e maggio

GINEVRA - Fiore all'occhiello dell'industria alberghiera di lusso a Ginevra, Le Richemond è stato messo in ginocchio dalla crisi del coronavirus. L'hotel a cinque stelle sta valutando una chiusura temporanea per limitare le perdite finanziarie, che porterebbe al licenziamento di 141 dipendenti. L'informazione è stata confermata dal direttore all'agenzia economica AWP.

«Abbiamo avviato una consultazione del personale che durerà fino al 12 giugno. Faremo quindi un bilancio e cercheremo di prendere la decisione giusta», ha detto il direttore André Cheminade a AWP. «Le Richemond non fallirà», ha assicurato.

La consultazione riguarda tutto il personale dell'hotel - ad eccezione di 11 persone con contratto a tempo determinato, tirocinanti o apprendisti. I 141 dipendenti - compresi i membri della direzione - sono attualmente soggetti a misure di lavoro ridotto.

L'albergo sta uscendo dai mesi «catastrofici», in particolare aprile e maggio, quando il tasso di occupazione ha raggiunto a malapena il 10%. «A marzo, siamo stati ancora in grado di beneficiare di una clientela clientela che soggiorna regolarmente per lunghi periodi, in particolare dal Medio Oriente. Ma alla fine anche loro hanno deciso di lasciare la Svizzera», spiega Cheminade, che è alla guida del Richemond dall'estate del 2019.

Anche se nulla è ancora deciso, una chiusura temporanea sembra inevitabile. Le Richemond potrebbe staccare la spina al «minimo sei mesi», precisa il direttore: «Riceviamo cancellazioni di prenotazioni ogni giorno. Per alcuni mesi, il tasso di occupazione è del 3 o 4%».

«Non ci sono segni di miglioramento a breve, medio o lungo termine. Anche il Salone dell'automobile del 2021 è incerto», si rammarica. Di fronte a questa situazione, la società Le Richemond, che rappresenta i proprietari dell'hotel, ha chiesto alla direzione misure per contenere le perdite.

L'obiettivo è quello di riaprire quando i ricchi turisti torneranno a Ginevra. I dipendenti licenziati verranno riassunti, almeno quelli che saranno ancora disponibili. «Rischiamo di perdere dipendenti preziosi per il loro savoir-faire», ammette il signor Cheminade.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-08 11:56:03 | 91.208.130.89