Cerca e trova immobili

guerra in ucrainaMaxi attacco russo del 29 dicembre: i morti sono 42

31.12.23 - 09:32
Solo 19 nella capitale ucraina
Keystone Sda
Fonte Ats Ans
Maxi attacco russo del 29 dicembre: i morti sono 42
Solo 19 nella capitale ucraina

KIEV - Altre due vittime dell'attacco russo di venerdì scorso sull'Ucraina sono state annunciate nelle ultime ore. Il corpo di un'altra persona è stato trovato sotto le macerie a Kiev e uno dei feriti di Dnipro è deceduto in ospedale: il bilancio complessivo del devastante attacco sale così ad almeno 42 morti, di cui 19 nella capitale ucraina (oltre a quello già annunciato dal sindaco Vitaliy Klitschko questa mattina, è stato trovato un altro corpo) e 7 a Dnipro (centro), dove un uomo di 45 anni è deceduto in seguito alle ferite riportate. Lo riporta Rbc-Ucraina.

Questa mattina, il sindaco della capitale Vitaliy Klitschko aveva annunciato 18 morti a Kiev in seguito all'attacco su larga scala lanciato dalla Russia nella notte tra giovedì e venerdì (28-29 dicembre). Lo ha reso noto su Telegram, aggiungendo che i soccorritori hanno recuperato il corpo della 18esima vittima sotto le macerie di un magazzino nel distretto di Shevchenkiv.

Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Arcadia7494 3 mesi fa su tio
La guerra è in una fase difficile e qualche mese fa , quando ci fu la "rivolta" di Prigozhin, ho creduto che il popolo Russo potesse fare qualcosa per fermarla. Invece mi sono sbagliato e ora non ho più speranze. Il popolo Russo si dimostra un popolo di vigliacchi come pochi e oggi lo ritengo corresponsabile della continuazione della guerra. Un popolo quasi inutile, delle pecore. Nonostante i difetti, la Svizzera e gran parte dell' l'UE (alcuni paesi devono ancora "crescere") è OGGI composta da popoli decisamente migliori di quello russo e una vergogna simile come l'aggressione ucraina MAI L'AVREMMO TOLLERATA! Un grande popolo si vede da ciò che permette al proprio governo!

TheQueen 3 mesi fa su tio
Risposta a Arcadia7494
Vili come anche i vari sostenitori qui sul forum. Col 🍑 al “calduccio” in occidente, però allo stesso tempo ripudiando le libertà che hanno

s1 3 mesi fa su tio
Putin vince con lentezza, la Nato ignorante perde. Dopo avere dissanguato l’esercito per conquistare quasi niente, Zelensky sta perdendo pure quello. Ad agosto l’Ucraina aveva ripreso il villaggio di Robotine al prezzo di migliaia di morti nell’Oblast di Zaporizhzhia. Muovendo da Robotine, Zelensky giurava di marciare su Tokmak e Melitopol per riconquistare il Mar d’Azov. Gli ucraini avrebbero spaccato l’esercito russo in due impedendo alla Crimea di ricevere rifornimenti dalla madrepatria. Caduta la Crimea, Putin avrebbe supplicato Zelensky di non imporgli una pace troppo umiliante. E, invece, gli ucraini non si sono mai mossi da Robotine. Questo fatto, di per sé iper-tragico, basterebbe a chiudere ogni discorso sulla sconfitta della Nato, ma le cose sono andate addirittura peggio. Mentre scrivo, i russi hanno deciso di riprendersi pure Robotine, il quasi-niente costato quasi-tutto agli ucraini. Dissi che la controffensiva sarebbe stato un fallimento colossale che avrebbe dissanguato l’esercito ucraino esponendolo alla “contro-controffensiva” russa. È quel che sta accadendo. Quando politici e media ritraevano la Russia come un esercito di cartone “perché non ha conquistato l’Ucraina in tre giorni”, spiegavo che quella lentezza era intenzionale poiché perseguiva sei obiettivi. Il primo obiettivo della lentezza era di concedere all’esercito ucraino il tempo di crollare. I generali russi procedono lentamente perché preferiscono conquistare il maggior numero possibile di territori contro un esercito esangue e demotivato. La Russia si è data il tempo di dare il tempo all’Ucraina di crollare. La presunzione dell’Occidente non ha consentito alle lobby della Nato – che controllano radio, televisioni e dipartimenti di scienza politica – di comprendere il significato tragico della lentezza russa. Il secondo obiettivo della lentezza era di non infastidire la società civile. Procedendo un po’ alla volta, Putin non ha dovuto avviare una mobilitazione totale che gli avrebbe sottratto consensi. La vita quotidiana in Russia scorre come sempre e Putin viaggia verso la riconferma alle prossime presidenziali. Il terzo obiettivo della lentezza era di attendere che l’Unione europea andasse in recessione, com’è accaduto. Il quarto obiettivo era di attendere la crisi dell’industria militare dell’Unione europea che si è verificata. L’Unione europea non riesce a dare a Zelensky la protezione aerea di cui ha bisogno, come dimostra l’ultima pioggia di missili caduta sugli ucraini. Dai carri armati agli F-16, dalle batterie anti-aeree alle munizioni per l’artiglieria, l’industria militare europea non regge il passo di quella russa. Il quinto obiettivo della lentezza russa era di non precipitare l’Occidente nel panico lanciando un assalto fulmineo con un milione e mezzo di soldati. Una mossa così rapida avrebbe diffuso il panico in Europa aumentando il rischio della sua partecipazione diretta al conflitto con l’invio di truppe. Il sesto obiettivo della lentezza di Putin è di dare il tempo alla Russia di attrezzarsi per la Terza guerra mondiale, come sta facendo. La lentezza della guerra in Ucraina favorisce la velocità del riarmo in Russia. Un giorno capiranno la ragione della lentezza russa. Tuttavia la comprensione richiede che l’Occidente si liberi dei propri complessi di superiorità, che lo inducono a vedere gli altri popoli come inferiori, ignoranti, arretrati e dipendenti dall’economia europea. Salvo scoprire che l’Europa dipende dalla Russia più di quanto la Russia dipenda dall’Europa. (cit.)

TheQueen 3 mesi fa su tio
Risposta a s1
Da radiomosca è tutto…per ora.

Fitti.Paldi 3 mesi fa su tio
Risposta a s1
Se cambi spacciatore è meglio. Putin ha sparato le ultime cartucce rimaste per poter fare un buon discorso di fine anno, in previsione anche delle prossime elezioni. il “signore” dei 3 giorni che probabilmente verrà rieletto visto che per la quasi totalità quelle pecore russe assoggettate da anni e anni di dittatura non hanno i coglio.. di reagire. Quei pochi che provano ad alzare la testa vengono imprigionati/giustiziati

s1 3 mesi fa su tio
Risposta a TheQueen
Meglio portarsi in avanti in anticipo con qualche fatto descritto chiaramente prima che inizi la sapiente opera di imbellettamento della sconfitta fino a farla apparire vittoria da parte della stampa filo nato

Sig der sauer 3 mesi fa su tio
Risposta a s1
Certo che la fantasia non ti manca😂

TheQueen 3 mesi fa su tio
Risposta a s1
Bravo, ti pagano per fare copia incolla dai gruppi telegram di mosca? Che vita misera. Ma restate comunque in minoranza. Anche se hai qualche amichetto qui sul forum che ti da manforte…alla fine contate comunque come il due di picche

TonyPalloni 3 mesi fa su tio
imbarazzante, se paragoniamo i 2 conflitti che riguardano nazioni democratiche. un applauso alla nostra coerenza

TheQueen 3 mesi fa su tio
Si ma Putler vuole la pace… 🤡 finché trova gente che abbocca alle sue menzogne
NOTIZIE PIÙ LETTE