Immobili
Veicoli

MAROCCOIl Marocco con il fiato sospeso per un bambino finito in un pozzo

03.02.22 - 12:17
Il piccolo Rayan, caduto martedì in una fossa profonda 60 metri, al momento starebbe bene. I soccorsi sono al lavoro
AFP
Il Marocco con il fiato sospeso per un bambino finito in un pozzo
Il piccolo Rayan, caduto martedì in una fossa profonda 60 metri, al momento starebbe bene. I soccorsi sono al lavoro

CHEFCHAOUEN - Soccorsi mobilitatisi in forze e un'attenzione mediatica nazionale per un incidente, avvenuto in Marocco, e che porta alla memoria la tragedia italiana del piccolo Alfredino in quel di Fiumicino, diversi anni fa.

Siamo a Tamorot - nella provincia di Chefchaouen - e dalla serata di martedì, sul fondo di una fossa idrica profonda 60 metri, ci è finito un bimbo di 5 anni di nome Rayan.

Al momento, riportano i media marocchini, il piccolo sarebbe in buone condizioni - con solo alcune escoriazioni al capo - e starebbe ricevendo nutrienti, acqua e ossigeno attraverso dei tubi. 

La strategia di salvataggio adottata dalla protezione civile marocchina è quella di scavare il più possibile attorno al pozzo, cercando di creare una nuova galleria d'accesso per soccorrerlo, facendo al contempo attenzione a non travolgerlo o causare frane.

Due tentativi di raggiungerlo, calando un uomo nel pozzo, sono falliti a causa della carenza di ossigeno e la strettezza dell'intercapedine.

 

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE DAL MONDO