AFP
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
ITALIA
1 ora
Fondazione Open, tra gli indagati c'è anche Matteo Renzi
La Procura di Firenze ha concluso le indagini sulla fondazione che ha sostenuto le idee politiche dell'ex Premier.
Afghanistan
3 ore
Figli ceduti ai creditori per sanare i debiti: la povertà in Afghanistan
Il racconto di una madre disperata: «Se la vita continuerà a essere così orribile, ucciderò i miei figli e me stessa»
LE FOTO
SPAGNA
3 ore
Quei cani ostaggio della lava e la missione con un drone per salvarli
L'obbiettivo è acciuffarli con un drone dotato di una larga rete e trasportarli al sicuro, ma le insidie sono diverse
REGNO UNITO
4 ore
C'è un'altra variante "Delta Plus" sotto la lente
La sua prevalenza è in crescita nel Regno Unito ma per ora non desta preoccupazione. Più contagiosa? «Forse del 10-15%».
GERMANIA
4 ore
Governo "semaforo", le trattative al via giovedì?
A capo dell'esecutivo, nel ruolo di primo cancelliere del dopo Merkel, ci sarà probabilmente Olaf Scholz
ITALIA
5 ore
Senatrice in aula senza Green Pass: «Mi rifiuto». Stop alla seduta
Sospesi i lavori in senato in seguito al caso di Laura Granato, per cui è stata convocata una riunione d'urgenza
Germania
6 ore
«Chi va a letto con il capo ottiene un lavoro migliore»
Un'inchiesta del New York Times scoperchia il quotidiano tedesco Bild: «una cultura di sesso, giornalismo e denaro»
UNIONE EUROPEA
8 ore
«Un ricatto inaccettabile per chi, come noi, ha combattuto il Terzo Reich»
Toni molto accesi oggi al Parlamento europeo, dove si rinnova lo scontro sulla sovranità fra Ue e Polonia
STATI UNITI
9 ore
Condannata per un aborto spontaneo
La donna è stata condannata a quattro anni di prigione per omicidio colposo.
Haiti
9 ore
17 milioni per i 17 americani rapiti
Tra le vittime del rapimento, anche cinque bambini. Il più piccolo ha due anni
AUSTRALIA
10 ore
Bambina di quattro anni scompare durante un campeggio
I genitori hanno lanciato l'allarme al risveglio, quando non l'hanno trovata nella tenda
AFGHANISTAN
18.09.2021 - 23:450
Aggiornamento : 19.09.2021 - 00:00

Attacchi multipli con morti e feriti: l'ombra dell'Isis sull'Afghanistan

Sono almeno tre gli ordigni esplosi a Jalalabad. Il ritorno dell'Isis dopo il ritiro degli Stati Uniti?

KABUL - L'Afghanistan dei talebani è tutt'altro che pacificato. Ad appena dieci giorni dall'insediamento del nuovo governo islamista, la città di Jalalabad è stata scossa da attacchi multipli che hanno provocato morti e feriti. La firma, con ogni probabilità, è dell'Isis, tornato a colpire per la prima volta dopo il ritiro degli Stati Uniti. Il Pakistan, influente vicino degli studenti coranici, osserva preoccupato e tenta di rafforzare il nuovo regime, spingendo per una condivisione del potere con le altre componenti del paese.

Dopo la presa di Kabul, il 15 agosto scorso, i talebani avevano promesso di riportare la sicurezza dopo le devastazioni decennali della guerra. Invece in Afghanistan si continua a morire.

È successo a Jalalabad, capoluogo della provincia orientale di Nangarhar, dove almeno tre bombe sono esplose quasi simultaneamente, una contro un veicolo talebano di pattuglia. Il bilancio è di almeno tre morti e diciotto feriti tra cui donne e bambini, ha denunciato un funzionario locale, mentre le immagini hanno mostrato un pick-up con una bandiera bianca dell'Emirato in mezzo ai detriti.

Tutti gli indizi convergono sui jihadisti dell'Isis-K, il ramo afghano dell'organizzazione terroristica. Sunnita e intransigente come i talebani, ma da sempre in contrapposizione con gli studenti coranici, accusati di essere venuti a patti con gli occidentali. L'Isis-K è molto attivo nell'est del paese e il 26 agosto aveva già scatenato il caos all'aeroporto di Kabul, nel pieno dell'evacuazione degli stranieri, facendo una strage.

I contatti col Pakistan - Questi ultimi sviluppi sul terreno sono oggetto di riflessione tra le potenze regionali. A partire soprattutto dal Pakistan, di fatto il principale sponsor dei talebani. Imran Khan è sceso di nuovo in campo per tentare una mediazione che allarghi l'esecutivo messo in piedi dai talebani l'8 settembre tenendo fuori le componenti uzbeke, tagike e hazara.

Il premier pachistano ha iniziato nuovi colloqui con Kabul e altri leader, come il presidente del Tajikistan. «Dopo 40 anni di conflitto, un governo inclusivo assicurerebbe pace e stabilità all'Afghanistan e all'intera regione» ha sottolineato Khan.

Anche l'Iran sciita teme l'instabilità alle proprie porte. «Non permetteremo che gruppi terroristici e l'Isis si insedino vicino al nostro confine» ha avvertito il presidente Ebrahim Raisi.

La situazione in Afghanistan, per forza di cose, sarà uno dei temi caldi all'assemblea generale dell'Onu, che inizierà la settimana prossima, mentre il G20 a presidenza italiana terrà una riunione ad hoc a fine mese.

Le bombe e la scuola - Le bombe jihadiste a Jalalabad sono esplose in una giornata simbolica per il nuovo corso talebano: la riapertura delle scuole secondarie, ma soltanto per gli studenti e gli insegnanti maschi. Mandando così in fumo 20 anni di progressi nell'emancipazione femminile (l'alfabetizzazione era quasi raddoppiata). "Il futuro mi appare nero", ha confidato alla Bbc una ragazza che sognava di fare l'avvocato. «Devo restare a casa e aspettare che qualcuno bussi alla porta e mi chieda di sposarlo?» il suo sfogo.

L'Unicef ha chiesto che «tutte le ragazze siano in grado di riprendere la loro istruzione senza ulteriori ritardi», ma tale appello rischia di cadere nel vuoto. Considerando che i talebani hanno sostituito il Ministero delle donne con il "Ministero della preghiera e della promozione della virtù".

I nuovi padroni del paese intanto incassano un risultato che alimenta la loro retorica contro gli invasori. Gli Usa hanno ammesso il «tragico errore» di avere ucciso 10 civili, tra cui 7 bambini, in un attacco di droni condotto contro sospetti miliziani dell'Isis a Kabul il mese scorso. Nonostante i dubbi dei media americani e le denunce dei familiari delle vittime, finora il Pentagono aveva difeso lo "strike" diretto contro una «minaccia imminente».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-19 22:37:43 | 91.208.130.86