Keystone
Lukas Furtenbach, che ha dovuto rinunciare all'ascesa proprio a causa del Covid.
NEPAL
22.05.2021 - 22:130
Aggiornamento : 23.05.2021 - 10:26

Il focolaio più alto del mondo: «Sull'Everest forse anche 200 casi»

L'allarme di un alpinista austriaco che ha rinunciato alla salita, le autorità nepalesi però non confermano

KATHMANDU - Almeno 100, forse anche 200 e più. Sarebbe questa l'entità di un focolaio di Covid scoppiato sull'Everest. A finire contagiati gli scalatori ma anche gli autoctoni sherpa.

A parlare di un fenomeno che, al momento le autorità nepalesi si rifiutano di confermare, lo scalatore austriaco Lukas Furtenbach che ne ha parlato con l'agenzia stampa AP.

Furtenbach ha dovuto rinunciare alla salita, dopo che una delle sue guide e 6 sherpa erano risultati positivi al tampone.

«Basta guardare i risultati dei test, che parlano chiaro, chiedete ai piloti, alle assicurazioni ai responsabili, ai dottori...», ha raccontato in un'intervista a Kathmandu, «sono almeno 100 positivi, i malati saranno anche fra i 150 e i 200». Stando ad AP, sono diversi gli scalatori che - tornati dal campo base - sono risultati positivi al tampone.

Una situazione grave che le autorità nepalesi predisposte all'ascesa del celeberrimo monte negano apertamente. Per evitare questo scenario, infatti, la salita è stata concessa con il contagocce.

Malgrado ciò, la presenza del virus al campo base, è tutt'altro che una novità.

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-26 19:07:48 | 91.208.130.87