Keystone
COREA DEL SUD
26.03.2020 - 06:000

«Grazie per aver fermato quell'inarrestabile demone che avevo dentro di me»

24 anni e almeno 74 schiave virtuali costrette a pratiche avvilenti condivise via Telegram con migliaia di persone

SEUL - A soli 24 anni dirigeva un cartello via social che si occupava di molestare e ricattare donne e ragazze fino ridurle in una sorta di «schiavitù virtuale».

Cho Ju-bin – la cui identità è stata diffusa ieri dalle autorità – era conosciuto anche con gli pseudonimi di “Baksa” e “Doctor” ed è sospettato di aver circuito 58 donne e 16 ragazze minorenni.

Il modus operandi del giovane, riporta il media sudcoreano Yonhap, era sempre il medesimo: si avvicinava a persone in difficoltà economiche e in cerca di lavori part-time e offriva loro soldi in cambio di scatti di nudo.

Queste venivano poi usate come leva per ricattarle facendole cadere in un baratro di abusi. A loro venivano poi chieste nuove foto e atti sempre più estremi, ad alcune è stato chiesto di incidere la parola “schiava” nella propria carne con una lama.

I video venivano poi diffusi in una chat di Telegram con 10'000 membri a cui ci si poteva iscrivere previo pagamento (con tariffe d'ingresso anche fino a 1'200 dollari).

«Grazie per aver fermato quell'inarrestabile demone che avevo dentro di me», ha detto ai media il ragazzo, «chiedo scusa a tutte quelle a cui ho causato dolore». Ju-Bin è accusato di abusi sessuali, minacce, coercizione e possesso di materiale pedopornografico.

Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-04-07 16:27:29 | 91.208.130.86