Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
VIDEO
SPAGNA
6 ore
Il maltempo blocca l'aeroporto di Maiorca
Per almeno mezz'ora il cielo è stato illuminato da una lunga serie di lampi, racconta un lettore
STATI UNITI
7 ore
La crisi del Boeing 737 Max fa cadere la prima testa
Kevin McAllister lascia, il suo posto va a Stan Deal. Un avvicendamento che piace a Wall Street: i titoli Boeing salgono di oltre il 2%
REGNO UNITO
8 ore
Bocciata la Brexit sprint
La Camera dei Comuni ha detto “no” alla mozione presentata dal governo di Boris Johnson, facendo svanire l'obiettivo di un'uscita concordata dall'Ue il 31 ottobre.
STATI UNITI
8 ore
La polizia ha arrestato Tupac Shakur
L'uomo, 40 anni, è omonimo del rapper scomparso nel 1996
SIRIA
9 ore
Patto Erdogan-Putin, via i curdi dal confine
Una nuova tregua di 150 ore nel nord della Siria per allontanare le milizie curde da tutta la frontiera turca
ITALIA
11 ore
Morto il bimbo precipitato nella tromba delle scale a scuola
Da subito le sue condizioni erano apparse gravi ai primi soccorritori
SVEZIA
11 ore
Greta Thunberg, «mia sorella Beata è vittima degli haters»
«Tutti quelli che mi minacciano e mi scrivono messaggi di odio finiscono per prendersela con lei» ha dichiarato l'attivista ambientale
NORVEGIA
12 ore
Oslo, arrestata anche la donna ricercata
Lei e il 32enne alla guida dell'ambulanza hanno legami con «ambienti dell'estrema destra»
CILE
13 ore
Manifestante ucciso, arrestato un soldato
la vittima, di 25 anni, faceva parte di un gruppo di dimostranti che all'alba avevano bloccato la statale 5 a Curicó
REGNO UNITO
13 ore
Johnson: o Brexit subito o elezioni prima di Natale
Il premier ha confermato di voler ritirare la legge in caso di ulteriori rinvii
FOTO
REGNO UNITO
14 ore
Arriva il 22esimo figlio, si allarga The Radford Family
Sue e Noel Radford hanno annunciato una nuova gravidanza, sperano di avere un maschietto
CILE
14 ore
Saliti a 15 i morti, 2643 le persone arrestate
Continuano disordini e gravi incidenti fra manifestanti e la polizia
STATI UNITI
15 ore
Metà degli americani è a favore dell'impeachment
È quanto emerge dall'ultimo sondaggio commissionato dalla Cnn
FOTO E VIDEO
NORVEGIA
15 ore
Ruba un'ambulanza e si lancia sui pedoni, diversi i feriti
L'uomo è stato fermato dalla polizia. Sono stati travolti due gemelli di sette mesi a bordo di un passeggino
REGNO UNITO
16 ore
Riprendono i voli per Sharm el-Sheik dopo 4 anni
È stato cancellato il bando imposto nel 2015 per motivi di sicurezza
ITALIA
29.06.2019 - 08:150
Aggiornamento : 13:15

Blitz in piena notte: la Sea Watch entra in porto. Arrestata la comandante

Disordini e tensione a Lampedusa. Arresti domiciliari per Carola Rackete

LAMPEDUSA - Con un blitz in piena notte, la Sea Watch, dopo due settimane in mezzo al mare, entra nel porto di Lampedusa violando per l'ennesima volta l'alt intimatogli dalla Guardia di Finanza. «Non ce la faccio più, devo portarli in salvo», ha detto la comandante Carola Rackete all'equipaggio comunicando la decisione che aveva preso.

Una scelta che le è costata cara: i finanzieri italiani, con la nave ormai ormeggiata in banchina, sono saliti a bordo e l'hanno arrestata per violazione dell'articolo 1100 del codice della navigazione: resistenza o violenza contro nave da guerra. E ora Rackete rischia una condanna da 3 a dieci anni.

La decisione di non attendere più la comandante la prende poco dopo l'una di notte: accende i motori e fa rotta verso l'isola. Immediatamente la motovedetta della Guardia di Finanza (Gdf) che in questi ultimi due giorni è sempre rimasta accanto alla nave della ong le intima l'alt. Un ordine, dicono i finanzieri, ripetuto tre volte e sempre rimasto inascoltato.

Quando è ormai evidente che la Sea Watch è entrata in porto, la motovedetta tenta un'ultima mossa, ponendosi tra la banchina e la nave per impedire l'attracco. Ma Carola non si ferma e porta la Sea Watch sempre più vicino. L'incidente viene evitato per un niente: la motovedetta e la nave si toccano per un'istante, l'imbarcazione della Gdf finisce contro la banchina e riesce però a sfilarsi senza conseguenze per l'equipaggio.

L'ingresso della nave è accolto sul molo dagli applausi dei sostenitori della Ong e dalle grida di un gruppo di lampedusani, guidati dall'ex vicesindaco dell'isola Angela Maraventano, che urlano vergogna. «Non si può venire a fare quello che si vuole, non venite nelle nostra isola se no succede il finimondo. Fate scendere i profughi e poi arrestateli tutti», ha gridato Maraventano più volte rivolgendosi alle forze dell'ordine. All'esponente leghista ha risposto l'ex sindaco Giusi Nicolini, anche lei sul molo: «Che vuoi tu, chi sei tu per decidere chi deve venire e chi no».

Alle 2.50 i finanzieri sono saliti a bordo della nave per uscirne, tre minuti dopo, con la comandante, che è stata prelevata e fatta salire su un'auto tra gli applausi e qualche insulto. L'arresto è stato formalizzato poco dopo nella caserma della Guardia di Finanza: con la manovra compiuta, è la tesi degli investigatori, Carola ha fatto resistenza alle autorità e ha rischiato di provocare un incidente.

Per questo è probabile che le venga contestato anche il tentato naufragio. «Non avevamo scelta - dice la portavoce della Ong Giorgia Linardi -. Alla comandante non è stata data nessuna soluzione nonostante avesse dichiarato da 36 ore lo stato di necessità. Era dunque sua responsabilità portare queste persone in salvo. La violazione non è stata del comandante, ma delle autorità che non hanno assistito la nave per sedici giorni».

Subito dopo aver portato via Carola, i militari e gli uomini della Polizia sono saliti a bordo per notificare il provvedimento di sequestro della nave. E a bordo sono saliti anche i medici e i volontari dell'Unhcr (Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati) e dell'Oim (Organizzazione internazionale per le migrazioni), per un primo screening sanitario e per fornire ai migranti le prime informazioni. Migranti che al sorgere dell'alba hanno infine messo piede a terra. Non prima di aver abbracciato uno ad uno i volontari di Sea Watch.

Rackete verso il carcere, processo per direttissima? - La capitana della nave Sea Watch, Carola Rackete, potrebbe essere trasferita in carcere e processata per direttissima.

La comandante è stata infatti arrestata in flagranza di reato per violazione dell'Articolo 1100 del codice della navigazione: resistenza o violenza contro nave da guerra, che prevede una pena dai tre a 10 anni di reclusione. A Carola Rackete potrebbe essere contestato anche il tentato naufragio della motovedetta della Guardia di Finanza, speronata dalla nave durante la manovra di attracco.

Il comandante della tenenza di Lampedusa delle Fiamme Gialle, luogotenente Antonino Gianno, ha prelevato personalmente la comandante a bordo della Sea Watch con l'ausilio di altri 4 finanzieri, notificandole in caserma il verbale di arresto. La comandante della Sea Watch potrebbe adesso essere trasferita nel carcere di Agrigento in attesa delle decisioni della Procura di Agrigento che coordina l'inchiesta.

Aggiornamento - Comandante ai domiciliari - Andrà agli arresti domiciliari Carola Rackete. I domiciliari sono stati decisi dalla Procura di Agrigento che la accusa di resistenza e violenza a nave da guerra e tentato naufragio.

«Le ragioni umanitarie non possono giustificare atti di inammissibile violenza nei confronti di chi in divisa lavora in mare per la sicurezza di tutti». Lo dice il procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio in merito all'arresto di Carola Rackete.

Per la Sea Watch, grazie al disegno di legge Sicurezza bis, scatteranno il sequestro amministrativo e una sanzione pecuniaria da 20mila euro che, in caso non venisse pagata nei termini, potrà arrivare fino a 50mila euro. Lo si apprende da fonti del Viminale.
 
 


 
 

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-23 05:37:47 | 91.208.130.86