Cerca e trova immobili

CINATra educazione e censura: niente internet di notte e massimo due ore al giorno

03.08.23 - 16:02
Pechino intende controllare l'utilizzo delle smartphone tra i suoi giovani. La nuova proposta di legge seleziona però anche i contenuti.
AFP
Tra educazione e censura: niente internet di notte e massimo due ore al giorno
Pechino intende controllare l'utilizzo delle smartphone tra i suoi giovani. La nuova proposta di legge seleziona però anche i contenuti.

PECHINO - Lo sguardo fisso su uno schermo, ipnotizzati dallo smartphone e incuranti, per ore, di quello che succede attorno, nella realtà. La dipendenza dei ragazzi per smartphone e telefonini è un aumento tanto da complicare il compito dei genitori che si trovano spesso con le mani legate. In Cina, il governo ha deciso di intervenire per risolvere il preoccupante aumento del fenomeno. Come? Tramite una normativa, in vigore a partire dal prossimo 2 di settembre se dovesse venire approvata, che limita l’accesso a internet e l’uso dei telefonini per i minorenni. 

La nuova normativa si applica dalle 22 di sera alle 6 di mattina a chiunque abbia meno di 18 anni. È previsto inoltre un tempo massimo sull'uso dei telefonini, diviso per fasce d'età: 40 minuti al massimo ogni 24 ore sotto gli otto anni e due ore per chi ha 16 o 17 anni.

Le regole, elaborate dalla Cyberspace Administration of China (Cac), permettono ai genitori di aggirare i limiti se lo vogliono, ma sono finalizzate soprattutto a evitare forme di dipendenza da internet fra i minori, di favorire contenuti web adatti ai minorenni e prevenire anche la disinformazione, con l'obiettivo di «creare un ambiente online positivo». Inoltre, in tutte le fasce d'età sarà presente anche una notifica promemoria per incentivare il riposo dopo ogni 30 minuti di utilizzo.

E nel caso in cui il minore dovesse disubbidire alle normative governative? Per il momento la proposta elaborata dalla Cac prevede soltanto un ammonimento e l'immediato avviso ai genitori. Non sono state ancora specificate quali sanzioni i ragazzi "ribelli" rischiano, ma sarà compito dei genitori assicurarsi il rispetto del divieto.

Non solo il tempo d’utilizzo sarà però controllato e limitato. Il Cac intende anche regolamentare i contenuti dei giovani. Per esempio a un ragazzo di 10 anni verranno selezionate canzoni adatte alla sua età. Con questa proposta, tra educazione e censura, Pechino incrementa ulteriormente il controllo sui suoi cittadini. «È probabile che molte società di Internet potrebbero prendere in considerazione la possibilità di vietare direttamente ai minori di utilizzare i loro servizi», ha spiegato all'agenzia Reuters Xia Hailong, un avvocato dello studio legale di Shanghai Shenlun.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

miomiomio76 11 mesi fa su tio
SON D ‘ACCORDISSIMO

S.S.88 11 mesi fa su tio
👏🏻

Zwieback 11 mesi fa su tio
per una volta ne fanno una proprio giusta...

APR-DRONE 11 mesi fa su tio
Ho figli di 17 e 14 anni e pratichiamo da ANNI esattamente questa politica. I nostri figli non sono telefoni / internet dipendenti e non hanno interessi nei DISSOCIAL MEDIA.

APR-DRONE 11 mesi fa su tio
Risposta a APR-DRONE
Studiano hanno medie del 5 / 5.5 in tutte le materie e studiano lontano da casa. In un altra regione di un altro cantone. Con prospettive di impiego ALTISSIME. Andate avanti a rovinare il futuro dei vostri figli.

S.S.88 11 mesi fa su tio
Risposta a APR-DRONE
Concordo! Ci vuole educazione! Ci vogliono dei limiti perché la vita è fatta di regole, senza educazione e senza dare regole faranno fatica nel mondo, perché le regole ci sono ovunque, dalla strada, sul posto di lavoro, ecc ecc! Dunque genitori svegliaaaa! Meno egoismo e dedicate poi tempo ai vostri figli visto che li avete messi al mondo non seguite il gregge di lasciarvi trasportare solo e soltanto dalla tecnologia spazzatura… spazzatura significa video i d i o t i, social media, ecc perché la tecnologia e’utile ma se usata con consapevolezza e testa

Ilcacciatoredifrustrati 11 mesi fa su tio
Risposta a APR-DRONE
Ci sono tanti ragazzi telefono-dipendenti che hanno medie più alte dei tuoi figli, non fare di un erba un fascio grazie. limitare o soffocare un qualcosa non significa fare il tutto correttamente❤️

Ilcacciatoredifrustrati 11 mesi fa su tio
Risposta a APR-DRONE
E sopratutto fare il bene dei tuoi figli, come se con 5.5 di media andranno sempre da qualche parte nella vita ahahaha, non è un passepartout la media alta❤️

Ilcacciatoredifrustrati 11 mesi fa su tio
Dovrebbero limitare l’uso anche agli utenti di TIO che come sempre non riescono a commentare con la giusta attitudine. Baci❤️

Kryo70 11 mesi fa su tio
Risposta a Ilcacciatoredifrustrati
Limitare te sarebbe già un bel passo avanti!

LucaPace 11 mesi fa su tio
Complimenti, sono un passo avanti. Spartan555, leggi bene l'articolo, "permettono ai genitori di aggirare i limiti". Dopo non possono dire che lo stato non fa niente per tutelare i figli. Qualcuno dovrebbe avere le palline e fare qualcosa di simile anche qua.

APR-DRONE 11 mesi fa su tio
Risposta a LucaPace
Quoto

Jackb 11 mesi fa su tio
così si risolvono i problemi, mica tanti bla bla, e come per internet lo si potrebbe fare per 1000 altri ambiti se non ci fosse sta mania del politically correct!

APR-DRONE 11 mesi fa su tio
Risposta a Jackb
Già oggi un minore di 14 anni non dovrebbe avere un telefonino, un tablet, un account internet, una posta elettronica ecc... COME MAI ? Si viola la legge e nessuna fa nulla. Quindi BOCCIATO LO STATO IN PRIMIS.....

Dred 11 mesi fa su tio
Tutto questo comincia ad assomigliare sempre di più al Grande Fratello del romanzo 1984 di George Orwell.

Spartan555 11 mesi fa su tio
Fa paura quanto una nazione possa immischiarsi nelle faccende private. Con buoni intenti o no, non è comunque accettabile.

APR-DRONE 11 mesi fa su tio
Risposta a Spartan555
Io spegnerei a livello federale un sacco di IP in primis TUTTI i DISSOCIAL cosi recuperiamo 2 fino a 3 punti di PIL ogni anno. Risparmiamo alcuni Terawatt di corrente. Tanto per cominciare
NOTIZIE PIÙ LETTE