Cerca e trova immobili

ITALIALa Cassazione respinge il ricorso, Cospito resta al 41bis

24.02.23 - 22:14
La decisione ha fatto esplodere la rabbia degli anarchici riuniti in piazza Cavour
Keystone
Fonte ats ans
La Cassazione respinge il ricorso, Cospito resta al 41bis
La decisione ha fatto esplodere la rabbia degli anarchici riuniti in piazza Cavour

ROMA - Alfredo Cospito, il leader anarchico in sciopero della fame da quasi quattro mesi in Italia per protestare contro il 41bis, resta in regime di carcere duro. Lo hanno deciso i giudici della Cassazione respingendo il ricorso della difesa contro la decisione del tribunale di sorveglianza di Roma, dopo una lunga camera di consiglio.

Una decisione che ha fatto esplodere la rabbia degli anarchici che si erano dati appuntamento a Roma in piazza Cavour davanti al Palazzaccio - protetto da imponenti misure di sicurezza - per attendere il verdetto: «Assassini, sarete responsabili di tutto quello che succederà», hanno urlato minacciosi. Nelle scorse settimane, diversi appelli e proteste erano state fatte anche in Ticino (ad esempio le scritte sulle balle di fieno, sui muri, o il presidio del gruppo SOA il Molino davanti all'ambasciata italiana).

Da Milano ha fatto sentire la sua voce anche lo stesso Cospito: «Spero che qualcuno dopo di me continuerà la lotta» ha detto ai sanitari che lo seguono costantemente, dicendosi sicuro che morirà «presto».

I manifestanti sono stati monitorati da decine di agenti delle forze dell'ordine, anche in borghese, che si sono però sempre tenuti a distanza dai manifestanti e piazza Cavour ha continuato la sua vita regolare nonostante la presenza di una ventina di mezzi di polizia, carabinieri e guardia di finanza.

Le prossime mosse
Cospito resta dunque al 41bis e per il momento è ancora ricoverato nel reparto penitenziario dell'ospedale milanese San Paolo, dove nei giorni scorsi aveva ripreso a prendere gli integratori perché voleva essere lucido proprio in vista della decisione della Cassazione.

Ora bisognerà capire quali saranno le sue prossime mosse considerando che anche il Comitato di bioetica - al quale si era rivolto il ministro della Giustizia Carlo Nordio proprio per avere un parere sulla possibilità di intervenire con la nutrizione forzata nel caso le condizioni dell'anarchico dovessero peggiorare - ha preso ancora tempo.

Ad aprire una breccia verso la revoca del 41bis era stato lo stesso Procuratore generale (Pg) della Cassazione Pietro Gaeta nella sua requisitoria scritta depositata l'8 febbraio: essere, o essere stato, il leader di gruppi anarchici ed essere riconosciuto come punto di riferimento per i suoi scritti o le condanne passate non sono ragioni sufficienti per mantenere Alfredo Cospito al 41-bis. Per farlo è necessario dimostrare e provare l'attuale legame con il mondo anarco-insurrezionalista.

«Comunicazioni assidue, di attacco alle istituzioni»
Era stato questo, in sintesi, il ragionamento del Pg ma evidentemente i supremi giudici della Prima sezione penale sono stati di diverso avviso. Nel ribadire la necessità del 41bis per l'anarchico, il Tribunale di Sorveglianza di Roma aveva invece sottolineato il pericolo che Cospito potesse, in regime ordinario, continuare ad esercitare «il suo ruolo apicale» tra gli anarchici anche fuori dal carcere.

Nell'ordinanza i giudici della Capitale hanno affermato che le comunicazioni di Cospito «con le realtà anarchiche all'esterno del circuito carcerario, appaiono assidue e producono l'effetto di contribuire ad identificare obiettivi strategici e a stimolare azioni dirette di attacco alle istituzioni». Una posizione che, stando al verdetto, è stata fatta propria dalla Cassazione.

«Non saranno violenza e minacce a cambiare leggi e sentenze» esulta Matteo Salvini mentre per l'Allenza Verdi e Sinistra si tratta di una «decisione molto dura di cui prendiamo atto in attesa delle motivazioni».

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

volabas56 1 anno fa su tio
Un cr..e..ti...no che si merita di stare dove sta'.

UtenteTio 1 anno fa su tio
Tra criminali si sostengono ed anche i nostri illustri molinari non si smentiscono! Peccato perché se questo buffone ci resta, verrà eretto a finto martire, ma tanto ha solo gambizzato una persona e piazzato una bomba.

Pianeta Terra 1 anno fa su tio
Chi è causa del suo mal pianga se stesso! Ha fatto qualcosa di sbagliato per trovarsi lì! E se sta male perché non mangia, che la smetta di fare L’ anarchico e torni a mangiare!

Robi57 1 anno fa su tio
Cos’è questa storia dei sanitari che lo seguono costantemente? Di fianco al letto qli si metta da mangiare e da bere. Punto Poi se vuol crepare è una sua scelta.

Capra 1 anno fa su tio
Giusto ! Adesso difendiamo gli assassini?
NOTIZIE PIÙ LETTE