AFP
SUDAN
26.10.2021 - 11:450

«Tornare al passato non è un'opzione», 10 morti nelle proteste

I manifestanti contro il golpe sono nuovamente scesi in strada, tra scontri e barricate

KHARTUM - I manifestanti a favore di una transizione civile verso la democrazia sono tornati - molti ci sono restati anche la notte - nelle strade del Sudan anche oggi, per manifestare contro il colpo di stato militare che ha avuto luogo ieri con l'arresto del Primo ministro Abdalla Hamdok.

Scandendo cori e formando barricate, i cittadini pro-democrazia sarebbero però stati accolti con la forza dagli esponenti dell'esercito. Secondo alcuni report, infatti, i militari avrebbero in alcuni casi sparato con armi vere in direzione dei manifestanti. A causa di ciò, come riporta l'emittente BBC, il bilancio attuale delle proteste è di almeno 10 morti e centinaia di feriti.

Il colpo di stato ha poi attirato un'ampia condanna internazionale, con richieste arrivate da tutto il globo per il rilascio di tutti i detenuti. Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite si riunirà oggi d'emergenza per discutere della situazione.

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-01 07:17:13 | 91.208.130.86