AFP
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
5 ore
Omicron sbarca negli Usa
Un primo caso registrato in California mette in allarme le autorità sanitarie. E anche la Borsa
STATI UNITI
8 ore
Astroworld: metà delle famiglie delle vittime rifiuta l'offerta di Travis Scott
Il rapper si era offerto di pagare le spese per i funerali dei giovani che hanno perso la vita durante il suo concerto
Francia
8 ore
Parla un sopravvissuto: «Abbiamo aspettato i soccorsi per dieci ore»
Mohamed Isa Omar ha ripercorso il tragico evento dello scorso mercoledì in cui hanno perso la vita 27 persone
STATI UNITI
10 ore
Donald Trump positivo al Covid già prima del dibattito con Joe Biden?
È la tesi dell'ex-capo del personale della Casa Bianca che ne parla nel suo libro, per il magnate però sono «fake news»
GERMANIA
11 ore
29enne dell'ISIS condannato all'ergastolo per «genocidio»
Una sentenza storica, la prima che riconosce il genocidio dello Stato islamico contro il popolo Yazida
UNIONE EUROPEA
12 ore
«È tempo di discutere sull'obbligo vaccinale»
La variante Omicron costringe a compiere «una corsa contro il tempo», ha dichiarato Ursula von der Leyen
FOTO
GERMANIA
12 ore
Un ordigno bellico è esploso a Monaco
Il bilancio è di quattro feriti, uno dei quali sarebbe in gravi condizioni. Il traffico ferroviario è stato bloccato
ISRAELE
13 ore
Eitan tornerà in Italia il 3 dicembre
Il bimbo superstite alla tragedia del Mottarone saluterà questa sera i nonni, suoi rapitori, e poi ritornerà nel Pavese
STATI UNITI
14 ore
Alice Sebold ha chiesto scusa all'uomo assolto dal suo stupro (40 anni dopo)
Il nome di Anthony Broadwater è finalmente pulito: non è più nel registro degli autori di reati sessuali
Milano
15 ore
Corre per le gallerie della metro e poi ha un infarto
Non è ancora chiaro per quale motivo il ragazzo si trovasse sui binari. Il traffico è stato interrotto per circa due ore
STATI UNITI
17 ore
«Il peggior incubo di ogni genitore»
È salito a tre morti e otto feriti il bilancio della sparatoria nel liceo di Oxford. Il racconto di un testimone
OLIVIERO TOSCANI
17 ore
«Timbri sui corpi come nei lager. Oggi i social sono la Auschwitz mentale»
Le sue foto sull'Aids hanno fatto il giro del mondo. Il fotografo italiano racconta quel periodo.
MONDO
09.06.2021 - 11:250

Tra chi rischia di buttare milioni di dosi e chi non ne ha del tutto

A sei mesi dall'inizio delle campagne vaccinali le differenze sono sempre più marcate. Ed è un problema per tutti.

Mentre alcuni Paesi iniziano a vaccinare anche i più giovani, quelli a basso reddito hanno finora ricevuto solamente lo 0,3% delle dosi disponibili.

NEW YORK / GINEVRA - Un anno di fa, di questi tempi, si iniziava a sentir parlare di diplomazia dei vaccini per una lotta contro la pandemia che fosse a tutti gli effetti globale. Oggi appare evidente invece come la storia si sia sviluppata nella direzione opposta.

La vera sorpresa è che, purtroppo, nessuno sembra essere sorpreso da questa situazione. La distribuzione dei preparati anti-Covid ha accentuato la spaccatura tra i Paesi più benestanti e quelli in via di sviluppo e a basso reddito. Il segretario generale dell'Onu Antonio Guterres ha recentemente fornito qualche cifra che consente di stendere il metro attorno al quadro: solo lo 0,3% delle dosi prodotte è stato consegnato alle nazioni più povere.

Dall'altro lato, i Paesi ad alto reddito hanno ricevuto circa l'85% dei vaccini contro il Covid disponibili sul mercato. E il 75% delle dosi inoculate finora, stando ai dati diffusi dall'Oms, è stato iniettato nelle braccia dei cittadini di soli dieci Paesi. Il direttore generale Tedros Adhanom Ghebreyesus non ha usato mezzi termini: questa asimmetria costituisce una «scandalosa ingiustizia». Basti pensare come in alcune parti del mondo si stiano vaccinando ormai anche i giovani, mentre in altre non ci sono vaccini sufficienti neanche per gli operatori sanitari.

Milioni di dosi in scadenza a giugno
Ma ci sono situazioni ancora più paradossali, come il caso delle milioni di dosi del siero di Johnson & Johnson rimaste in frigorifero e che scadranno questo mese. A riportarlo è il Wall Street Journal. Si tratta perlopiù di riserve accantonate a causa del blocco temporaneo del vaccino monodose - deciso in aprile dalla Food and Drug Administration e dal CDC a seguito di alcuni rari casi di trombosi - che però non esonerano l'amministrazione Biden dal sentire una certa pressione. Anche perché, imbrigliati da tempistiche così strette, riuscire a distribuire altrove e inoculare le dosi prima che siano da buttare è un'impresa tutt'altro che semplice.

Pressione anche sul G7
A condividere la pressione con Washington ci sono anche i Paesi del G7, ai quali l'Unicef ha lanciato ieri un nuovo appello, a poche ore dall'inizio del vertice di Carbis Bay, in Cornovaglia, chiedendo di agire subito garantendo un flusso costante di dosi ai paesi più poveri, che altrimenti «non saranno in grado di assorbirli e distribuirli e quindi potrebbero finire per essere sprecati. Potremmo vedere milioni di dosi di vaccini non utilizzate e in scadenza, e sarà una tragedia», ha spiegato la responsabile Lily Caprani.

Il resto del mondo senza vaccini
Africa, America Latina e parte dell'Asia. Le campagne vaccinali hanno preso il via da ormai sei mesi, ma in queste aree la pandemia continua a correre sfruttando l'assenza di barriere, garantita da una divisione sempre più marcata. Si registrano migliaia di nuovi casi (e di morti) ogni giorno, che danno vita a potenziali incubatori per nuove e pericolose varianti del coronavirus.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 5 mesi fa su tio
Situazione preoccupante, ma ancora di più le conferme che si stanno pubblicando sull'origine del virus. Tutti ignoranti quando affermavano che l'origine non erano i pipistrelli ma i laboratori cinesi. El bel vedee lè poc distant!
SteveC 5 mesi fa su tio
Il dio denaro è tutt’ora il più venerato, che tristezza
Don Quijote 5 mesi fa su tio
È tutto nella normalità, i produttori di vaccini vendono al miglior offerente prima che scompaia la paura di massa e la situazione si normalizzi da sola, altrimenti sarebbero ancora qua a vendere vaccini contro la Spagnola del 18, l’Asiatica del 57 e la Hong Kong del 69. I guadagni miliardari muovono i fili della politica che, attraverso i media muovono il cittadino, neanche il vostro cane muove la coda per niente.
Cdg 5 mesi fa su tio
Non ci si può proprio stupire... Quello che sta succedendo con la distribuzione del vaccino e lo stesso che succede con la distribuzione della ricchezza e delle risorse naturali del pianeta. Insomma : "si salvi chi può..."
seo56 5 mesi fa su tio
🤐🤐🤐🤐
Ro 5 mesi fa su tio
Se non vacciniamo tutti, nord e sud del mondo, non se ne esce e si dovrà gioco forza bloccare le frontiere a chi non è vaccinato per non rischiare di ritornare al passato prossimo. Mi sa che alla fine è possibile che tutti i sacrifici di ieri e oggi vengano annullati di questo passo.
Blobloblo 5 mesi fa su tio
@Ro 😂😂😂
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-02 02:43:22 | 91.208.130.89