Immobili
Veicoli
AFP
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
AUSTRALIA
16 min
I koala sono in pericolo, «li dobbiamo proteggere»
L'Australia istituirà un fondo speciale con 35 milioni di dollari per la sopravvivenza del marsupiale
PARAGUAY
46 min
In "paradiso" per sfuggire al 5G, partiti anche alcuni Svizzeri
Un insediamento di negazionisti del Covid preoccupa le autorità sanitarie del Paraguay, alle prese con una forte ondata
ITALIA
11 ore
Quirinale: ancora una fumata nera nella quinta giornata di votazione
Sergio Mattarella ha ricevuto 336 voti. Domani molto probabilmente sarà la giornata decisiva
FRANCIA
14 ore
Macron e Putin d'accordo sulla necessità di una de-escalation
Non si è parlato di un'offensiva da parte della Russia, ha fatto sapere l'Eliseo
ITALIA
17 ore
Quirinale: quinta fumata nera
Maria Elisabetta Casellati ha ricevuto solamente 382 voti. Doppio votazione oggi: si riparte alle 17.00
ITALIA
18 ore
Giuliano Ferrara ricoverato d'urgenza per un infarto
Il celebre giornalista si trova all'ospedale di Grosseto, in condizioni gravi ma stabili
LIVE CORONAVIRUS
LIVE
La sorella di Omicron sarebbe anche in Lombardia
Sul portale internazionale di dati genomici sono stati segnalati dieci casi di BA.2 nella vicina Penisola
FRANCIA
20 ore
Fermata la mamma del bambino trovato morto in una valigia
La donna era in fuga dalla sera di mercoledì, giorno in cui il piccolo di 10 anni è scomparso da casa
REGNO UNITO
21 ore
Il rapporto sul Partygate rischia di essere monco
La polizia ha chiesto all'alta funzionaria Gray di «fare riferimenti minimi» perché le indagini non siano compromesse
ITALIA
23 ore
Il giallo di Camilla Canepa, i dottori sapevano che era vaccinata
La 18enne e la sua famiglia avevano avvisato i medici, nonostante questo non sono state seguite le linee guida dell'Isth
FLORIDA
1 gior
Le ricerche dei 40 dispersi verranno interrotte. C'è un sopravvissuto
Dopo l'incidente avvenuto sabato a 70 chilometri dalle coste della Florida, sono stati ritrovati cinque corpi in mare
BRASILE
1 gior
«Dovrebbero difenderli, non sterminarli»
Sotto accusa i funzionari del Dipartimento governativo degli Affari Indigeni (FUNAI) per un insabbiamento
MONDO
09.06.2021 - 11:250

Tra chi rischia di buttare milioni di dosi e chi non ne ha del tutto

A sei mesi dall'inizio delle campagne vaccinali le differenze sono sempre più marcate. Ed è un problema per tutti.

Mentre alcuni Paesi iniziano a vaccinare anche i più giovani, quelli a basso reddito hanno finora ricevuto solamente lo 0,3% delle dosi disponibili.

NEW YORK / GINEVRA - Un anno di fa, di questi tempi, si iniziava a sentir parlare di diplomazia dei vaccini per una lotta contro la pandemia che fosse a tutti gli effetti globale. Oggi appare evidente invece come la storia si sia sviluppata nella direzione opposta.

La vera sorpresa è che, purtroppo, nessuno sembra essere sorpreso da questa situazione. La distribuzione dei preparati anti-Covid ha accentuato la spaccatura tra i Paesi più benestanti e quelli in via di sviluppo e a basso reddito. Il segretario generale dell'Onu Antonio Guterres ha recentemente fornito qualche cifra che consente di stendere il metro attorno al quadro: solo lo 0,3% delle dosi prodotte è stato consegnato alle nazioni più povere.

Dall'altro lato, i Paesi ad alto reddito hanno ricevuto circa l'85% dei vaccini contro il Covid disponibili sul mercato. E il 75% delle dosi inoculate finora, stando ai dati diffusi dall'Oms, è stato iniettato nelle braccia dei cittadini di soli dieci Paesi. Il direttore generale Tedros Adhanom Ghebreyesus non ha usato mezzi termini: questa asimmetria costituisce una «scandalosa ingiustizia». Basti pensare come in alcune parti del mondo si stiano vaccinando ormai anche i giovani, mentre in altre non ci sono vaccini sufficienti neanche per gli operatori sanitari.

Milioni di dosi in scadenza a giugno
Ma ci sono situazioni ancora più paradossali, come il caso delle milioni di dosi del siero di Johnson & Johnson rimaste in frigorifero e che scadranno questo mese. A riportarlo è il Wall Street Journal. Si tratta perlopiù di riserve accantonate a causa del blocco temporaneo del vaccino monodose - deciso in aprile dalla Food and Drug Administration e dal CDC a seguito di alcuni rari casi di trombosi - che però non esonerano l'amministrazione Biden dal sentire una certa pressione. Anche perché, imbrigliati da tempistiche così strette, riuscire a distribuire altrove e inoculare le dosi prima che siano da buttare è un'impresa tutt'altro che semplice.

Pressione anche sul G7
A condividere la pressione con Washington ci sono anche i Paesi del G7, ai quali l'Unicef ha lanciato ieri un nuovo appello, a poche ore dall'inizio del vertice di Carbis Bay, in Cornovaglia, chiedendo di agire subito garantendo un flusso costante di dosi ai paesi più poveri, che altrimenti «non saranno in grado di assorbirli e distribuirli e quindi potrebbero finire per essere sprecati. Potremmo vedere milioni di dosi di vaccini non utilizzate e in scadenza, e sarà una tragedia», ha spiegato la responsabile Lily Caprani.

Il resto del mondo senza vaccini
Africa, America Latina e parte dell'Asia. Le campagne vaccinali hanno preso il via da ormai sei mesi, ma in queste aree la pandemia continua a correre sfruttando l'assenza di barriere, garantita da una divisione sempre più marcata. Si registrano migliaia di nuovi casi (e di morti) ogni giorno, che danno vita a potenziali incubatori per nuove e pericolose varianti del coronavirus.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 7 mesi fa su tio
Situazione preoccupante, ma ancora di più le conferme che si stanno pubblicando sull'origine del virus. Tutti ignoranti quando affermavano che l'origine non erano i pipistrelli ma i laboratori cinesi. El bel vedee lè poc distant!
SteveC 7 mesi fa su tio
Il dio denaro è tutt’ora il più venerato, che tristezza
Don Quijote 7 mesi fa su tio
È tutto nella normalità, i produttori di vaccini vendono al miglior offerente prima che scompaia la paura di massa e la situazione si normalizzi da sola, altrimenti sarebbero ancora qua a vendere vaccini contro la Spagnola del 18, l’Asiatica del 57 e la Hong Kong del 69. I guadagni miliardari muovono i fili della politica che, attraverso i media muovono il cittadino, neanche il vostro cane muove la coda per niente.
Cdg 7 mesi fa su tio
Non ci si può proprio stupire... Quello che sta succedendo con la distribuzione del vaccino e lo stesso che succede con la distribuzione della ricchezza e delle risorse naturali del pianeta. Insomma : "si salvi chi può..."
seo56 7 mesi fa su tio
🤐🤐🤐🤐
Ro 7 mesi fa su tio
Se non vacciniamo tutti, nord e sud del mondo, non se ne esce e si dovrà gioco forza bloccare le frontiere a chi non è vaccinato per non rischiare di ritornare al passato prossimo. Mi sa che alla fine è possibile che tutti i sacrifici di ieri e oggi vengano annullati di questo passo.
Blobloblo 7 mesi fa su tio
@Ro 😂😂😂
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-29 08:46:43 | 91.208.130.87