Keystone
Il ponte di Westminster
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
1 ora
«Al-Qaida può attaccare gli Usa nel giro di un anno»
I vertici militari americani sotto torchio sul ritiro delle truppe dall'Afghanistan
STATI UNITI
2 ore
Innesca un incendio e spiega: «Cercavo di bollire dell'urina di orso»
Le autorità pensano che la 30enne possa essere una piromane seriale
SVEZIA
2 ore
Göteborg, il sospetto di un ordigno esplosivo
Il bilancio dei feriti si è aggravato: sono quattro, la loro vita non dovrebbe essere in pericolo
SPAGNA
3 ore
Dal fiume Nervión una ragazza che annega
Si tratta di un'installazione artistica per sensibilizzare sulla crisi climatica
ITALIA
6 ore
Due operai trovati morti nel deposito dell'azoto liquido
È successo alla clinica Humanitas di Rozzano, ancora poco chiara la causa all'origine dell'incidente
STATI UNITI
6 ore
Il killer della strage nelle spa: «Non colpevole»
La procuratrice, lo ricordiamo, intende chiedere la pena di morte per Robert Aaron Long
GIAPPONE
6 ore
Tartaruga sulla pista: aerei in ritardo
Tra gli aerei rimasti a terra più del dovuto vi era anche un Airbus A380 decorato come una tartaruga
EGITTO / ITALIA
7 ore
Zaki, nuovo rinvio al 7 dicembre
«La campagna per liberarlo continua» afferma Amnesty International
STATI UNITI
8 ore
R. Kelly condannato, il sollievo delle vittime
«Sono pronta per iniziare a vivere la mia vita libera dalla paura» ha dichiarato una di esse
ITALIA
8 ore
Controllo del Green Pass: 236 violazioni
Cinque persone sono state denunciate per aver utilizzato un certificato di un'altra persona, o un test Covid falso
Italia
9 ore
Inaugurato il memoriale in ricordo alle vittime del sisma
Non sono mancate le polemiche dai familiari delle vittime per l'invito tardivo alla cerimonia. In molti non sono andati
ITALIA
11 ore
Greta a Milano... «ma non mi aspetto molto»
Sono in corso due eventi con attivisti e politici provenienti da tutto il mondo, per affrontare la crisi climatica
EUROPA
14.12.2020 - 20:380
Aggiornamento : 22:26

L'Europa verso un altro "quasi lockdown"?

Dopo la Germania, anche l'Olanda e Londra chiudono in vista delle Feste. E l'Italia pensa a una zona rossa nazionale

Ma dal fronte vaccini arrivano buone notizie, e la Spagna annuncia la campagna nazionale dai primi di gennaio

Fonte ATS/Benedetta Guerrera
elaborata da Davide Illarietti
Giornalista

AMSTERDAM - Lockdown di Natale, vaccini, test di massa. Cambiano le armi ma la battaglia dell'Europa contro la pandemia di coronavirus continua. Un conflitto che dura ormai da dieci mesi e nel Vecchio Continente ha lasciato sul campo quasi mezzo milione di vittime.

Mentre il governo italiano parla di "zona rossa nazionale" a partire da Natale - secondo alcuni dalla vigilia, o dall'antivigilia - nel resto d'Europa i venti di un nuovo lockdown o quasi lockdown sono tornati a soffiare su queste settimane centrali di dicembre, in vista delle Feste. Anche Olanda e l'Inghilterra sembrano seguire la scia della Germania, con nuove limitazioni in vista delle Feste. 

A Londra l'alleggerimento delle misure anti-Covid è durato meno di due settimane. Il ministro britannico della Sanità, Matt Hancock, ha annunciato che da mercoledì la capitale del Regno Unito ritornerà in quasi lockdown per far fronte all'aumento dei contagi. La stretta prevede che la metropoli passi dall'allerta arancione a quella rossa con una nuova chiusura di ristoranti, pub, teatri e alcuni negozi.

Il giro di vite, esteso sempre da mercoledì pure alla vicina contea dell'Hertfordshire, resterà in vigore fino al 23 dicembre, quando in tutta la Gran Bretagna - Londra compresa - scatterà un alleggerimento di 5 giorni delle restrizioni in occasione del Natale.

Il sindaco Sadiq Khan ha definito la decisione «deludente» e ha chiesto al governo di varare misure di compensazione per tutti quei settori che saranno fortemente danneggiati dalle nuove chiusure.

Intanto spaventa tutto il Regno, non solo la capitale, la scoperta di una variante del coronavirus in Inghilterra sulla quale sia l'Oms che Hancock si sono affrettati a rassicurare che al momento non ci sono prove si comporti in modo diverso, rendendo quindi inefficace il vaccino.

Chiusura in vista delle feste, sulla scia della Germania, anche in Olanda, dove il premier Mark Rutte ha annunciato un lockdown duro per almeno cinque settimane dopo aver constatato che le misure più soft non sono servite ad arginare i contagi. Stop a scuole, negozi non essenziali, musei, teatri e parrucchieri. Bar e ristoranti sono chiusi da metà ottobre e così resteranno. L'annuncio, in diretta televisiva, ha scatenato qualche protesta sotto il palazzo del governo.

Per un Paese che chiude un altro, la Spagna, che guarda al futuro. Il governo di Madrid ha annunciato che inizierà la somministrazione del vaccino anti-Covid dal 4 o 5 gennaio, cioè pochi giorni dopo il via libera dell'Agenzia europea per i medicinali, atteso per il 29 dicembre. Il ministro spagnolo Salvador Illa ha assicurato che con 140 milioni di dosi in arrivo "ci saranno vaccini per tutti" e se il piano va come previsto «tra i 15 e i 20 milioni di spagnoli potrebbero essere vaccinati entro maggio o giugno».

In Francia sono partiti questa settimana i primi screening di massa gratuiti alla presenza, nella città di Le Havre, del ministro della Salute, Olivier Véran, che ha presentato l'operazione come un nuovo tentativo di mettere sotto controllo i contagi in vista delle riaperture. Da domani, infatti, i francesi potranno di nuovo circolare senza autocertificazione su tutto il territorio, anche se il numero di casi quotidiani resta lontano dagli obiettivi del governo (5.000 al giorno).

Il programma di test di massa sta invece suscitando polemiche in Austria. Iniziato due settimane fa, allo screening ha partecipato solo il 20% della popolazione dopo due settimane. Un numero molto lontano dal 60% previsto dal governo di Vienna. I socialdemocratici attaccano l'esecutivo accusandolo di una campagna dilettantistica. Un nuovo ciclo di test dovrebbe iniziare intorno all'8 gennaio, mentre cominciano a circolare voci sul fatto che il governo potrebbe offrire degli incentivi alla popolazione per sottoporsi al test.

A due settimane dal Natale, l'Organizzazione mondiale della Sanità ha dedicato un momento del suo briefing quotidiano sul coronavirus a rassicurare i bambini di tutto il mondo sulla sorte dei loro regali affidati ad un uomo anziano e in leggero sovrappeso: «Babbo Natale è immune al virus e potrà viaggiare», ha assicurato Maria Van Kerkhove, capo epidemiologo dell'Oms. «Ci abbiamo parlato, sta molto bene ed è molto indaffarato in questi giorni», ha detto la dottoressa invitando comunque i bambini a rispettare il distanziamento e seguire le indicazione dei loro genitori.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-28 22:57:00 | 91.208.130.87