Keystone
Applausi rivolti al Presidente cinese Xi Jinping durante il Congresso nazionale.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
MONDO
5 ore
Il coronavirus corre nei Balcani
L'aumento quotidiano dei nuovi contagi prosegue soprattutto in Romania e Serbia
COSTA D'AVORIO
5 ore
È morto il premier ivoriano
Amadou Gon Coulibaly aveva 61 anni ed era malato da tempo di cuore
FOTO
REGNO UNITO
5 ore
Londra, una gru è caduta sopra un'abitazione
Il bilancio dell'incidente è di un morto e quattro persone ferite
ITALIA
7 ore
Terrore sul bus: chiesti 24 anni per Ousseynou Sy
Nel marzo del 2019 aveva dato fuoco un mezzo con a bordo 50 allievi di seconda media
CITTÀ DEL VATICANO
8 ore
Le condoglianze di Papa Francesco alla vedova Morricone
Il pontefice ha assicurato le sue preghiere per il marito scomparso e per tutta la famiglia
STATI UNITI
8 ore
United Airlines: a rischio 36'000 posti di lavoro
Attualmente la società perde 40 milioni di dollari al giorno. La misura potrebbe scattare in assenza di una ripresa
MONDO
9 ore
«Il Covid in Africa è già peggio dell'Ebola»
Le vittime legate al coronavirus hanno superato quelle dell'epidemia scoppiata tra il 2014 e il 2016
STATI UNITI
11 ore
Tinder lancerà presto un sistema di videochat interno
Perche ai tempi della pandemia la gente preferisce chiacchierare un po' in remoto prima d'incontrarsi
CINA
12 ore
Spunta un caso di peste bubbonica: chiusi i siti turistici
Cinque punti panoramici delle praterie della Mongolia Interna sono stati resi inaccessibili.
ITALIA
13 ore
Dal Bangladesh 600 positivi, trovati test falsificati
Sospesi per almeno una settimana tutti i voli provenienti dal paese asiatico e diretti in Italia
STATI UNITI
14 ore
Violazione della tutela della privacy dei minori, TikTok sotto esame
L'accusa: l'app raccoglierebbe le informazioni degli utenti sotto i 13 anni senza il permesso dei genitori
SPAGNA
14 ore
Mascherina obbligatoria in Catalogna anche se c'è la distanza sociale
Stretta anche in Austria, dove in alcuni luoghi torna l'obbligo
HONG KONG
28.05.2020 - 22:150

Si alza l'ombra della Cina: l'inferno torna a Hong Kong

Le leggi al vaglio minano i diritti civili e le libertà del popolo di Hong Kong, l'allarme di Amnesty International

HONG KONG - L'applicazione della legge sulla sicurezza nazionale da una parte, il progetto di legge sugli inni dall'altra, le tenaglie cinesi si stanno chiudendo sui diritti e sulle libertà degli abitanti di Hong Kong.

La denuncia arriva da Amnesty International, che spiega che stiamo già vedendo il preludio dell'estate in arrivo, che potrebbe essere infernale per Hong Kong. I manifestanti pacifici, che si sono riversati nelle strade per opporsi al progetto sugli inni, hanno infatti immediatamente subito una repressione violenta da parte delle forze dell'ordine. 

Questa legge, lo ricordiamo, intende criminalizzare il fatto di "insultare" o "abusare" l'inno nazionale cinese, con multe salatissime e una pena fino a tre anni di reclusione. Andrebbe a incidere principalmente sulle partite di calcio, alle quali, dal 2015, numerosi tifosi hanno fischiato o voltato le spalle quando veniva suonato l'inno nazionale cinese.

«L'uso eccessivo e indiscriminato della forza da parte della polizia per disperdere i manifestanti mostra ancora una volta il totale disprezzo da parte delle autorità per i diritti umani nelle strade di Hong Kong» ha dichiarato Il vicedirettore di Amnesty International per l'Asia orientale e sudorientale Joshua Rosenzweig, «Il progetto di legge sull'inno nazionale rappresenta un altro tentativo di rendere il dissenso pacifico un crimine».

Una beffa e una provocazione per molti anche la data della votazione finale: il 4 giugno, data storica e simbolica in quanto anniversario della protesta di piazza Tienanmen, che nel 1989 diede modo di conoscere in tutto il mondo la repressione messa in atto dal Governo cinese in tema di diritti umani e libertà di espressione. 

Ma i cittadini hanno anche altro di cui preoccuparsi, ovvero la legge sulla sicurezza nazionale proposta dal Congresso nazionale del popolo cinese la scorsa settimana, che è stata approvata oggi a Pechino. Lo scopo della legge è quello di reprimere «il separatismo, la sovversione del potere statale, il terrorismo e le interferenze straniere» a Hong Kong. Se approvata, consentirebbe alle agenzie del Governo centrale di operare a Hong Kong con scopi di "sicurezza nazionale".

Secondo Rosenzweig, la legge è un pretesto per «eliminare ogni forma di dissenso», infatti, «la vaga definizione di "sicurezza nazionale" mira a limitare la libertà di associazione, di espressione e il diritto di riunione pacifica. Questo tentativo di imporre nuove norme di sicurezza repressive rappresenta una minaccia quasi esistenziale per lo stato di diritto a Hong Kong».

La legislazione proposta sarebbe stata elencata nella Legge fondamentale dopo essere stata promulgata dal Comitato permanente del Congresso, il che significa che potrebbe diventare legge senza controllo da parte del Consiglio legislativo di Hong Kong: evitando i legislatori locali.

Una situazione molto pericolosa per i cittadini della città-Stato: «essere accusati di un reato di sicurezza nazionale può significare l'isolamento e la detenzione segreta, senza accesso ad avvocati o alle proprie famiglie» ha detto il vicedirettore di Amnesty.

In conclusione, Rosenzweig appella: «La popolazione di Hong Kong non deve vedersi togliere i propri diritti e le libertà in nome di esagerate preoccupazioni per la sicurezza».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
PEIS Giovanni 1 mese fa su tio
Il commento appena mandato a questo articolo voleva essere per un altro articolo (quello su Koch e la pandemia in Svizzera). Per questo articolo non avrei da aggiungere grandi commenti, leggo varie opinioni di altri lettori che comprendono più o meno anche le mie.
PEIS Giovanni 1 mese fa su tio
Beh, questo come altri virus non scomparirà, ma la fase calda della diffusione attuale si attenuerà dopo il passaggio su tutte le zone geografiche del globo. Si chiama immunità di gregge, anche se alcuni non piace (preferiscono pensare ai lanciafiamme e magari alle bombe intelligenti, o ai Marines tipicamente gli americani), invece la natura guarisce il 90% delle malattie (e non parla male dei colleghi...). I vaccini? Koch ha parlato evidentemente delle vaccinazioni di massa, sa meglio di noi che nessuno oggi si vaccina in Europa contro la febbre gialla se non va nei paesi dove è endemica, e così la vaccinazione anti Covid19 verrà proposta se e quando dovessero apparire focolai nel 2021. La sanità italiana ha sofferto di un po' più morti che altrove per la mancanza di strutture previste per questa (e direi anche per molte altre) epidemie. Già, i tagli alla sanità.
Kiko Gianda 1 mese fa su fb
La Cina deve pagare la pandemia
miba 1 mese fa su tio
Si alza l'ombra della Cina: l'inferno torna a Hong Kong... Oppure gli USA, Amnesty e compagnia bella si intromettono negli affari interni della Cina???
Mikhail Nikitin 1 mese fa su fb
La legge sulla sicurezza nazionale è assolutamente necessaria. L’indipendenza di Hong Kong è un pericolo per il socialismo. I nemici del popolo dalla Cina scappano ad Hong Kong e questo rappresenta una minaccia!! Già la mentalità degli abitanti ereditata dal colonialismo britannico porta questa massa a diventare un covo di collaborazionisti USA. Per difendersi dalla NATO imperialista si possono trovare molte soluzioni drastiche ma efficaci.
Thor61 1 mese fa su tio
Presto o tardi la "Democrazia" cinese doveva colpire gli abitanti di HK, ex colonia britannica, quindi popolo abituato alla democrazia vera e che per ragioni politiche si ritrova nelle mai della cina "Democratica" solo sulla carta, la pratica dice ben altro!!!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-09 03:14:57 | 91.208.130.87