Wikipedia
ITALIA
03.07.2018 - 08:170
Aggiornamento 09:35

Wikipedia "al buio" per protesta

La comunità italiana dell’enciclopedia online si schiera in vista della seduta del Parlamento europeo sulla direttiva sul copyright del prossimo 5 luglio

ROMA - Ormai da qualche ora - e non si sa fino a quando - le pagine dell’edizione in lingua italiana di Wikipedia non sono disponibili per gli utenti. La comunità italiana della celebre enciclopedia online ha infatti deciso di oscurare tutte le proprie voci, prendendo nettamente posizione in vista della seduta del Parlamento europeo del prossimo 5 luglio, in cui si deciderà se accelerare l’approvazione della direttiva sul copyright.

«Anziché aggiornare le leggi sul diritto d'autore in Europa per promuovere la partecipazione di tutti alla società dell'informazione, essa minaccia la libertà online e crea ostacoli all'accesso alla Rete imponendo nuove barriere, filtri e restrizioni. Se la proposta fosse approvata, potrebbe essere impossibile condividere un articolo di giornale sui social network o trovarlo su un motore di ricerca. Wikipedia stessa rischierebbe di chiudere» riferisce il comunicato della comunità italiana, che compare attualmente entrando in qualunque pagina dell’enciclopedia.

Le critiche nei confronti della suddetta proposta non mancano. Oltre 70 studiosi nell’ambito dell’informatica - tra i quali anche il “papà” del Web, Tim Berners-Lee - si sono schierati contro la direttiva e in particolare contro due articoli molto critici: l’articolo 11, che stabilisce che gli editori possano esigere un pagamento da chi condivide una notizia pubblicata (la cosiddetta “link tax”), anche in forma di link o citazione, e l’articolo 13 che rende le piattaforme online responsabili per eventuali violazioni del diritto d’autore dei contenuti che ospitano.

«Vogliamo poter continuare a offrire un'enciclopedia libera, aperta, collaborativa e con contenuti verificabili» scrive la comunità di Wikipedia, che chiede al Parlamento europeo di respingere l'attuale testo della direttiva e di riaprire la discussione vagliando le tante proposte delle associazioni Wikimedia.

Come detto, non si sa ancora quanto durerà questo “blackout” volontario, ma non è da escludere che fino al 5 luglio la piattaforma possa restare "al buio", costringendo gli utenti a cercare le loro informazioni altrove.

Commenti
 
ToMaTe_81 5 mesi fa su tio
Non è attuabile, sarebbe la fine dell'informazione come la si conosce adesso, saremo obbligati a seguire solo chi Google decide di pagare per le informazioni e le notizie ancora più pilotate. Questa si che sarebbe una svolta per l'informazione non la rimozione del canone RSI; chissà se hanno dato spazio a questa notizia come lo hanno dato per la votazione sul canone. Mai votazione ha preso così tanto tempo su un media Svizzero. Tornando all'articolo se non ci fossero i media classici google non darebbe nessuna notizia, dovrebbe giustamente dare qualcosa in più a chi gli "regala" le informazioni che poi prontamente gira a tutto il web con una spesa minima e guadagno massimo.
Walter Ghidini 5 mesi fa su fb
Europa... solo danni...
Onofelix Camponovo 5 mesi fa su fb
Mi dispiace 😐
andytt 5 mesi fa su tio
Con i migranti non si mettono d'accordo ma se ci sono soldi in ballo lo fanno subito... Che degrado
Mattiatr 5 mesi fa su tio
@andytt Non si tratta solo di soldi, con i nuovi articoli della legge sarei molto vincolato, ci vorrà poco niente per rischiare multe varie. Visto che si tratta dell'UE la Svizzera copierà pure questa legge pessima. Si può dire che questa legge non punta a tutelare i produttori vari ma proprio a censurare la libera espressione. Pensa che non potrai nemmeno copiare una foro e ripubblicarla modificata, questa azione viene molto compiuta da quelli che fanno vignette su facebook e instagram.
Tags
wikipedia
enciclopedia
direttiva
comunità
comunità italiana
buio
luglio
parlamento europeo
articolo
parlamento
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-12-11 17:53:02 | 91.208.130.86