Immobili
Veicoli

LUGANOIl PLR è pronto a benedire Foletti sindaco, ma non a rinunciare alla carica del vice

19.08.21 - 06:00
In casa liberale sembra pacifico che Michele Foletti diventerà il nuovo sindaco, ma è un beneplacito condizionato
Tipress
Il PLR è pronto a benedire Foletti sindaco, ma non a rinunciare alla carica del vice
In casa liberale sembra pacifico che Michele Foletti diventerà il nuovo sindaco, ma è un beneplacito condizionato
Stavolta, a differenza di aprile, il PLR non sembra disposto a rinunce su entrambe le cariche. Il duo Foletti-Badaracco permetterebbe di ricomporre più agevolmente la frattura con quella parte della cittadinanza che ha criticato l'abbattimento dell'ex Macello

LUGANO - Troppo fresca la ferita del lutto per affrontare pubblicamente il tema. Eppure, lontano dai microfoni, la questione su chi succederà a Marco Borradori come sindaco di Lugano viene discussa dai vertici della politica cittadina. Assieme a quella, decisamente più spinosa e fonte di tensioni in casa Lega e UDC, su chi andrà a completare la rosa dei sette municipali.

Il ballottaggio che nessuno vuole - Sì, perché sul fatto che sarà il leghista Michele Foletti, attuale vice, il prossimo sindaco di Lugano non sembrano esserci, ad oggi 18 agosto, discussioni e dubbi. «Nessuno vuole fare un ballottaggio in questo momento - spiega a Tio/20Minuti un esponente di primo piano del PLR cittadino -. Perché ciò creerebbe molte divisioni ed è l’ultima cosa che tutti si augurano. L’ultima cosa anche nell’interesse di Lugano. La probabilità che sarà Foletti il nuovo sindaco è quindi alta».

Beneplacito "condizionato" - Molto alta, ma non ancora garantita. Per il gioco degli equilibri si può dire che la mossa decisiva per ottenere il “beneplacito” del PLR spetterà alla stessa Lega. In casa liberale si aspettano infatti che se Foletti diventerà sindaco, la carica di vice possa stavolta andare a Roberto Badaracco. Il quale, in occasione delle elezioni comunali di aprile, aveva fatto il gesto distensivo di rinunciare a pretese.

Nuovi rapporti di forza - Rispetto ad aprile, stavolta però sono chiaramente cambiati i rapporti di forza. Senza il compianto Borradori, e con l’arrivo dato ormai per sicuro del primo subentrante Tiziano Galeazzi (un democentrista non sempre allineato al vertice del suo partito), i seggi leghisti da tre che erano sono diventati due. Né più né meno, come equilibri, dei liberali. Che quindi si sentono legittimati a chiedere la carica del vicesindaco. Un vicesindaco che, se fosse Badaracco, potrebbe avere un impatto distensivo su come il Municipio viene oggi percepito da una parte cittadinanza. Nella spinosa vicenda dello sgombero e abbattimento il municipale PLR ha infatti sin dall’inizio mantenuto una posizione critica. Il duo Foletti-Badaracco potrebbe, forse, ricomporre più agevolmente la frattura. Ma se ne saprà di più a fine agosto.

COMMENTI
 
seo56 10 mesi fa su tio
Deve essere il cittadino a decidere il “suo” sindaco e non gli intrallazzi della politica.
cle72 10 mesi fa su tio
Se nessuno si candida tra i 5 municipali, sarà una decisione tacita, ovvero Foletti in qualità di vicesindaco sarà il successore di Borradori. Questa è la legge. Se invece si candiderà qualcuno, ci saranno le votazioni. Ma non credo si arriverà a questo, Lugano ha bisogno di continuità e serenità in questo momento. Foletti e Badaracco come vicesindaco sarebbe la soluzione ideale.
Gus 10 mesi fa su tio
Badaracco chiaramente il migliore: meno settario, più pacato e, non fa male, con più cultura.
Genchi 67 10 mesi fa su tio
Spero che non si debba fare il ballottaggio,sarebbe una tristezza unica.Ma non mi stupirebbe molto da subito sono partite speculazioni politiche ed è inutile fare gli ipocriti, qualcuno da questa situazione ne approfitterà.Almeno abbiate la decenza di rispettare il Sig.Borradori e lo dico da non leghista nel modo più assoluto
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE TICINO