TiPress - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Ticino
PONTO VALENTINO
27 min
Il dottor Ostinelli invita sull'Arca: «Non sarà un ritrovo di "no vax"» promette
L'associazione organizza domani il primo evento pubblico e gratuito: «Il tempo delle polemiche è finito» dice il medico
CANTONE
57 min
Pochi radar, ma un po' ovunque
Controlli in tutti e gli otto distretti ticinesi tra il 26 luglio e il primo agosto.
CANTONE
1 ora
Ticinesi diretti a sud: «Dopo la prima dose, su richiesta, un certificato parziale»
Il Cantone reagisce ai cambiamenti annunciati ieri dal Governo italiano. Le spiegazioni del Sic
CANTONE
1 ora
Moody's conferma il rating Aa2
L'agenzia ha evidenziato diversi punti di forza, ma anche l'alto livello di debito del Canton Ticino.
CANTONE
1 ora
Case anziani: visite giornaliere di nuovo possibili
Il Medico cantonale ha deciso di allentare le direttive che riguardano alcune strutture sociosanitarie ticinesi.
LUGANO
3 ore
Spurghi a lago, ma che cos’è quest’odorino qui?
L'ultimo inquinamento spinge i consiglieri leghisti a chiedere lumi sulle acque poco chiare che finiscono nel Ceresio
BELLINZONA
3 ore
«Così proviamo a far vivere (e sorridere) Bellinzona»
Non solo Castle On Air. Da qualche settimana al Parco Urbano c'è il lounge garden B'easy.
BELLINZONA
4 ore
«Non si poteva trovare una soluzione che tenesse conto degli interessi di tutte le parti?»
L'MPS ha inoltrato un'interpellanza sul tema dei parcheggi in zona ponte tibetano
CANTONE
6 ore
Legge cantonale sulla polizia: Losanna respinge il ricorso
I giudici del Tribunale federale hanno confermato la legittimità delle misure introdotte nel 2018.
BELLINZONA
7 ore
«Quel bus navetta ha distrutto la nostra felicità»
Un pensionato è sul piede di guerra per la cancellazione dei parcheggi lungo la via che porta al popolare ponte tibetano
GAMBAROGNO
8 ore
Si inaugura il Lido di Gerra... un anno dopo
La cerimonia, rinviata lo scorso anno a causa del Covid-19, si terrà il 1° di agosto
CANTONE
8 ore
In Ticino altri tre ricoveri e 32 contagi
Le persone ospedalizzate a causa del coronavirus sono undici, due delle quali in terapia intensiva.
MENDRISIO
9 ore
Disintossicarsi dal digitale, sul Generoso si può fare
A Capolago è possibile depositare smartphone e tablet e prendersi una pausa dalla vita virtuale.
LUGANO
9 ore
Un'eccellenza «internazionale» nella sicurezza subacquea
La SSS Lugano ottiene la certificazione HIRA3, il più alto riconoscimento del settore
BELLINZONA
10 ore
Ha "fregato" la madre e tre morose
Un insolvente seriale del Bellinzonese di nuovo nei guai con la giustizia. Questa volta potrebbe essere l'ultima (forse)
CANTONE
12 ore
Long Covid e assicurazione invalidità: «Le richieste, al 99%, saranno respinte»
L'esperto di sanità e socialità Bruno Cereghetti prevede «guai seri» e critica l'approccio «scaricabarile» dell'UFAS.
CANTONE
20 ore
Vaccino obbligatorio per i sanitari: «Se non ci saranno altre soluzioni, ci vorrà»
Dopo la Francia, il medico cantonale Giorgio Merlani discute una possibile introduzione della misura nel nostro Paese.
CANTONE
21 ore
Il nuovo trenino viaggia su gomma
Avvistato in quel di Magliaso uno dei nuovi convoglio prodotti da Stadler
FOTO E VIDEO
LUGANO
1 gior
Idrocarburi nel Ceresio, pompieri al lavoro davanti al LAC
Ieri sono intervenuti a causa della presenza di una chiazza che dovrebbe provenire da un canale di scolo.
CANTONE
23.02.2021 - 18:010
Aggiornamento : 18:29

I cittadini potranno votare sulle spese cantonali

Passa “per un pelo” in Gran Consiglio l'iniziativa popolare per il referendum finanziario obbligatorio

Il Parlamento ha votato il controprogetto, che gli assegna il compito di “filtrare” le spese da portare in votazione. Ora la palla passa ai cittadini.

MENDRISIO - Le grandi spese del Cantone, se il Parlamento lo riterrà opportuno, potrebbero prima dover passare dal voto dei cittadini. Il Gran consiglio ha approvato oggi con 42 voti favorevoli, 38 contrari e 0 astenuti il rapporto di maggioranza sull'iniziativa popolare “Basta tasse e basta spese”.

Referendum finanziario obbligatorio
Introdurre nella Costituzione cantonale il principio del referendum finanziario obbligatorio. È questo l’obiettivo dell'iniziativa popolare costituzionale generica che nel 2017 aveva raccolto 12’342 firme (dopo essere stata bocciata dal Parlamento nel 2015). Di cosa si tratta? Quando Governo e Parlamento approvano un investimento o un aumento di spesa sopra a una certa soglia di costo (per l'iniziativa spese uniche oltre i 20 milioni di franchi e annuali oltre i 5 milioni per almeno quattro anni), prima di poter spendere i soldi lo devono chiedere al popolo. «Il referendum finanziario obbligatorio costituisce certamente uno strumento utile ed efficace per calmare la crescita inarrestabile delle spese - ha spiegato al Gran Consiglio Sergio Morisoli (UDC), promotore dell’iniziativa -. Di fronte a certe spese elevate, è bene che non siano solo Governo e Parlamento a decidere, ma anche i cittadini che le sostengono con le imposte. Il popolo dovrebbe dire la sua quando si tratta di spendere i suoi soldi».

Il controprogetto della maggioranza
La maggioranza della Commissione Costituzione e leggi ha presentato un controprogetto (con Lara Filippini (UDC) come relatrice, approvato dal comitato promotore e sostenuto da UDC, parte del PPD e Lega), una sorta di “compromesso”, ritenendo che la competenza popolare dovrebbe essere riservata a casi veramente importanti, per non svilire la competenza del Gran Consiglio ed evitare di chiamare in causa il popolo “a ogni piè sospinto”. Da qui la proposta di istituire un referendum finanziario obbligatorio “filtrato” dal Gran Consiglio: il popolo sarebbe chiamato al voto se deciso da un terzo dei membri del Parlamento (minimo 25 deputati) per una spesa unica superiore a 30 milioni di franchi (o 6 milioni all’anno per almeno quattro anni).

PS e PLR dalla stessa parte
Per una minoranza della Commissione, invece, si moltiplicherebbero le votazioni su oggetti che non interessano particolarmente ai cittadini, causando più costi amministrativi, e si complicherebbero oltremisura la gestione finanziaria e le scelte politiche. Per questo aveva bocciato sia l’iniziativa, sia il controprogetto che - come spiegato oggi dal relatore Carlo Lepori (PS) - «non è più coerente con la richiesta degli iniziativisti di introdurre uno strumento di “controllo automatico” obbligatorio». Significative per capire il punto di vista del PLR, contrario all’iniziativa, sono state le domande poste dalla capogruppo Alessandra Gianella: «I cittadini ci chiedono più decisioni politiche rapide, o più votazioni? Invece di snellire e velocizzare i tempi della politica, vogliamo davvero rallentare i grossi investimenti e rendere tutto più macchinoso?». Mentre Boris Bignasca e Omar Balli (Lega) non hanno apprezzato che i cittadini vengano “sottovalutati”. «Qualcuno ha detto che i cittadini sono “malinformati e votano di pancia” - ha aggiunto il capogruppo -. Questi cittadini sono i contribuenti, che pagano le tasse, che ci eleggono, che mandano avanti il Paese nonostante la pandemia. E i soldi spesi sono i loro, non quelli dello Stato». 

Spetta al popolo decidere
Il dibattito in aula oggi è stato molto costruttivo e i toni sono rimasti pacati. Sul tema (trattandosi di una modifica alla Costituzione cantonale) si esprimeranno i cittadini. Non avendo Sergio Morisoli ritirato l’iniziativa, nonostante l’adesione del Gran Consiglio al controprogetto, al voto popolare saranno sottoposti testo conforme e controprogetto. Al popolo spetta l’ultima parola: introdurre il referendum finanziario obbligatorio, affidarsi “parzialmente” al Parlamento, o bocciare entrambe le proposte?

 

La reazione dell'UDC

Con grande soddisfazione l’UDCprende atto che i deputati ticinesi non hanno dato corda a quelle parti del Gran Consiglio (soprattutto PLR, PS) che «non intendono mollare il potere di spendere e spandere a piacimento i soldi dei cittadini senza dare loro la possibilità di esprimersi, definendolo “eccesso di democrazia”». 
La commsissione dopo lunghe trattative e «grazie a un lavoro incomiabile, di tenacia e di ressitenza di Lara Filippini», ha elaborato un controprogetto di maggioranza contenente alcuni importanti filtri allo scatto del referendum automatico.
Il referendum finanziario obbligatorio (RFO) esiste già in 18 Cantoni e serve a contenere la spesa pubblica. «Ciò che oggi si spende faccendo dei debiti, domani i nostri figli dovranno pagare! A chi ha paura che si moltiplicherebbero le votazioni rispondiamo: tranquilli,non sarà così. In base alla statistica degli ultimi 12 anni, saremmo chiamati a votare solo tre o al massimo quattro grosse spese all’anno su 15. Gli oggetti saranno inseriti nelle abituali tornate di votazioni federali e cantonali, e basta. Voteremo il necessario».
Il Gran Consiglio ha dato fiducia al lavoro della Commissione e così il popolo avrà la possibilità di votare o l’iniziativa o il controprogetto.
«Oggi in Gran Consiglio hanno vinto il Popolo, la democrazia diretta e il modello svizzero».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
don lurio 4 mesi fa su tio
Più votazioni più spese .Domandiamoci cosa fanno i deputati in gran consiglio non sono più capaci di andar d'accordo e proporre soluzioni, anzi scaldano la sedia si prendono i gettoni di presenza per decidere di lasciar al popolo la decisone . VERGOGNA= date le dimissioni .
F/A-19 4 mesi fa su tio
E speriamo che cambi la legge dei concorsi pubblici dove succede che se vince l’amico dell’amico la fattura raddoppia e vengono fuori i sorpassi di spesa mentre se il lavoro lo vince chi non doveva nemmeno osare partecipare viene sistematicamente messo nel tritacarne. Meditate gente, meditate perché le cose funzionano così.
vulpus 4 mesi fa su tio
Bene , chissà che certi progetti faraonici abbiano a cessare.
Galium 4 mesi fa su tio
Il voto cantonale conta molto. Non bisogna tuttavia svalutarlo aumentando a dismisura il numero delle votazioni.
Volpino. 4 mesi fa su tio
Ancora più burocrazia e spese.
Nikko 4 mesi fa su tio
Prepariamoci a votare a scadenze più ravvicinate...
ciapp 4 mesi fa su tio
si si fatta la legge trovato linganno ! staremo a vedere , ultimamente mi sembra che il voto popolare conta poco !!
seo56 4 mesi fa su tio
@ciapp Esattamente!!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-07-23 18:39:10 | 91.208.130.89